Complicanze varie/eventuali

COVID-19 ha ritardato la diagnosi e peggiorato la presentazione del diabete di tipo 1 nei bambini?

Alla domanda rispondono i pediatri endocrinologi italiani della SIEDP che hanno valutayo se la diagnosi di diabete di tipo 1 pediatrico o le sue complicanze acute siano cambiate durante la fase iniziale della pandemia di malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) in Italia.

I pediatri hanno condotto un sondaggio trasversale, basato sul Web, di tutti i centri italiani per il diabete pediatrico per raccogliere dati su diabete, chetoacidosi diabetica (DKA) e COVID-19 in pazienti che si presentano con diabete di tipo 1 di nuova insorgenza o accertato tra 20 febbraio e 14 aprile 2019 e 2020.

Risultati: 53 centri su 68 (77,9%) hanno risposto. C’è stata una riduzione del 23% nei nuovi casi di diabete nel 2020 rispetto al 2019. Tra quei pazienti con nuova diagnosi che si sono presentati in uno stato di DKA, la percentuale con DKA grave era del 44,3% nel 2020 contro il 36,1% nel 2019 ( P = 0,03) . Non c’erano differenze nelle complicanze acute. Otto pazienti con COVID-19 asintomatico o lieve presentavano una sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 confermata in laboratorio.

Conclusioni: la pandemia COVID-19 potrebbe aver alterato la presentazione del diabete e la gravità della DKA. La preparazione per qualsiasi “seconda ondata” richiede strategie per istruire e rassicurare i genitori sulla tempestiva presenza del pronto soccorso per i sintomi non COVID-19.

Pubblicato il 10 agosto 2020 in Diabetes Care.