Donne e diabete

La ricerca scientifica è misogena

La mancanza di donne negli studi sulla dose di farmaci porta a donne ipermedicate.

Lo studio mostra che il divario di genere fa sì che le donne sperimentino reazioni avverse ai farmaci quasi il doppio degli uomini.

Le donne hanno maggiori probabilità degli uomini di soffrire di effetti collaterali negativi dei farmaci perché i dosaggi dei medicamenti che sono storicamente basati su studi clinici condotti sugli uomini, suggerisce una nuova ricerca dell’Università della California, Berkeley e dell’Università di Chicago.

I ricercatori hanno analizzato i dati di diverse migliaia di articoli su riviste mediche e trovato prove evidenti di un divario di genere nella dose di farmaco per 86 diversi trattamenti farmacologici approvati dalla Federal Drug Administration (FDA), tra cui antidepressivi, farmaci cardiovascolari e antiepilettici e analgesici, tra gli altri.

“Quando si tratta di prescrivere farmaci, un approccio valido per tutti, basato su studi clinici dominati dagli uomini, non funziona, e le donne stanno arrivando alla fine della corsa”, ha detto l’autore principale dello studio Irving Zucker, un professore emerito di psicologia e di biologia integrativa alla UC Berkeley.

I risultati, pubblicati sulla rivista Biology of Sex Differences, confermano la persistenza di un divario di genere nella dose del farmaco derivante da un disprezzo storico delle differenze biologiche fondamentali tra corpi maschili e femminili, ha detto Zucker.

Le donne negli studi analizzati da Zucker e dallo psicologo Brian Prendergast dell’Università di Chicago hanno ricevuto la stessa dose di farmaco degli uomini, ma avevano concentrazioni più elevate del farmaco nel sangue e ci è voluto più tempo per eliminare il farmaco dai loro corpi.

E, in oltre il 90% dei casi, le donne hanno sperimentato effetti collaterali peggiori, come nausea, mal di testa, depressione, deficit cognitivi, convulsioni, allucinazioni, agitazione e anomalie cardiache. Nel complesso, sono stati riscontrati reazioni avverse al farmaco quasi il doppio rispetto agli uomini.

Per decenni, le donne sono state escluse dagli studi clinici sui farmaci basati, in parte, su preoccupazioni infondate che le fluttuazioni degli ormoni femminili rendessero le donne difficili da studiare, ha detto Zucker.

Inoltre, fino all’inizio degli anni ’90, le donne in età fertile venivano tenute fuori dagli studi di sperimentazione sui farmaci a causa di preoccupazioni mediche e di responsabilità riguardo all’esposizione delle donne incinte ai farmaci e al rischio di danni ai loro feti, come nel caso degli anni ’50 e ’60 con la talidomide. , che ha causato difetti alla nascita degli arti in migliaia di bambini in tutto il mondo.

“La negligenza delle femmine è diffusa, anche negli studi su cellule e animali in cui i soggetti sono stati prevalentemente maschi”, ha detto Zucker.

Zolpidem, il popolare farmaco per il sonno commercializzato come Ambien, rimane più a lungo nel sangue delle donne che degli uomini, causando sonnolenza del mattino successivo, sostanziale deterioramento cognitivo e aumento degli incidenti stradali, ha detto Zucker. Per questi motivi, la FDA nel 2013 ha dimezzato il dosaggio raccomandato prescritto alle donne.

Nel riconoscere il diffuso pregiudizio maschile negli studi sull’uomo e sugli animali, nel 2016 il National Institutes of Health ha imposto ai richiedenti di sovvenzioni di reclutare partecipanti maschi e femmine nei loro protocolli.

Mentre l’inclusione delle donne negli studi sui farmaci è aumentata negli ultimi anni, molti di questi studi più recenti non riescono ancora ad analizzare i dati per le differenze di sesso, ha detto Zucker.

Andando avanti, Zucker e Prendergast sostengono una più ampia consapevolezza – nella ricerca medica, nella professione medica e nell’industria farmaceutica – del sesso biologico e delle differenze di genere che mettono le donne in una posizione di svantaggio quando assumono farmaci da prescrizione. Raccomandano riduzioni del dosaggio per le donne per un’ampia gamma di farmaci.