Sport e movimento

#Tuttomoltobello Perché andare al lavoro a piedi è meglio anche se poi si fa sempre l’esatto contrario

COLUMBUS, Ohio – Camminare con uno scopo – in particolare camminare per andare al lavoro – fa sì che le persone camminino più velocemente e si considerino più sane, ha scoperto un nuovo studio.

Lo studio, pubblicato online all’inizio di questo mese sul Journal of Transport and Health, ha scoperto che camminare per molteplici motivi produceva diversi livelli di salute auto-valutata. Le persone che si recavano principalmente a piedi verso i luoghi di lavoro e al negozio di alimentari dalle loro case, ad esempio, hanno riportato una salute migliore rispetto alle persone che camminavano principalmente per svago.

“Abbiamo scoperto che camminare per scopi utilitaristici migliora significativamente la tua salute e che questi tipi di viaggi a piedi sono più facili da portare nella tua routine quotidiana”, ha detto Gulsah Akar, professore associato di pianificazione urbana e regionale presso la Ohio State University Knowlton School of Architettura.

“Quindi, fondamentalmente, sia come urbanisti che come persone, dovremmo cercare di trarne vantaggio il più possibile”.

Lo studio ha utilizzato i dati del National Household Travel Survey 2017, un set di dati statunitense raccolto da aprile 2016 a maggio 2017.

I ricercatori hanno analizzato valutazioni sulla salute auto-riferite di 125.885 adulti di età compresa tra 18 e 64 anni. Questi adulti hanno riferito il numero di minuti trascorsi camminando per scopi diversi: da casa al lavoro, da casa allo shopping, da casa alle attività ricreative e alle passeggiate. viaggi che non sono iniziati a casa loro.

Inoltre, gli intervistati hanno valutato la loro salute su una scala da 1 a 5. Il set di dati analizzato dai ricercatori includeva più di 500.000 viaggi.

I ricercatori – Akar e il dottorando dello Stato dell’Ohio Gilsu Pae – hanno scoperto che camminare per qualsiasi durata, per qualsiasi scopo, aumenta il livello di salute di una persona.

Ma hanno anche scoperto che altri 10 minuti di cammino per il percorso da casa per viaggi di lavoro – ad esempio, da casa di una persona alla fermata dell’autobus a 10 minuti di distanza – aumentavano le probabilità di quella persona di avere un punteggio di salute più alto del 6% rispetto a persone che camminano per altri motivi. Le persone che camminavano da casa per motivi non legati al lavoro, allo shopping o allo svago avevano il 3% di probabilità in più di avere un punteggio di salute più alto.

E, i ricercatori hanno scoperto come le persone che camminavano per lavoro lo facevano più velocemente – in media, circa 2,7 miglia all’ora – rispetto alle persone che camminavano per altri motivi. Le persone che camminavano per scopi ricreativi – diciamo, una passeggiata dopo cena – camminavano, in media, circa 2,55 miglia all’ora.

I ricercatori hanno anche scoperto che i viaggi a piedi che iniziano a casa sono generalmente più lunghi dei viaggi a piedi che iniziano da qualche altra parte. Il team ha scoperto che il 64% dei viaggi a piedi da casa dura almeno 10 minuti, mentre il 50% dei viaggi che iniziano altrove sono almeno così lunghi.

Akar ha studiato per anni i modi in cui le persone viaggiano e si è detta sorpresa di vedere che camminare per scopi diversi portava a una differenza nel modo in cui le persone sane credevano di essere.

“Pensavo che le differenze non sarebbero state così significative, che camminare è camminare e tutte le forme di camminata sono utili”, ha detto. “E questo è vero, ma camminare per alcuni scopi ha un effetto significativamente maggiore sulla nostra salute rispetto ad altri”.

Akar ha detto che i risultati suggeriscono come la costruzione di attività in parti della giornata altrimenti sedentarie – ad esempio il pendolarismo a piedi anziché in auto – può far sentire una persona più sana.

“Ciò significa che andare in una palestra o in un centro ricreativo non sono gli unici modi per esercitarsi”, ha detto Akar. “È un’opportunità per inserire i minuti attivi nei nostri programmi giornalieri in modo semplice”.

Categorie:Sport e movimento

Con tag: