Prodotti

La nuova app utilizza l’intelligenza artificiale per prevedere i livelli di glucosio nel sangue senza un CGM

È difficile negare che i progressi della tecnologia stiano migliorando la vita delle persone con diabete in tutto il mondo. Dalle pompe per insulina intelligenti che si integrano con i monitor del glucosio continuo (CGM) a varie applicazioni con funzioni predittive e allarmi, il mondo della tecnologia per il diabete continua a evolversi rapidamente.

Una società, January.ai, ha recentemente annunciato che la sua nuova piattaforma di intelligenza artificiale (AI) può prevedere con precisione le risposte di glucosio nel sangue a vari pasti. L’azienda è stata fondata nel 2017 dal veterano e CEO della Silicon Valley Noosheen Hashemi e   Mike Snyder , direttore della genomica e medicina personalizzata a Stanford, con l’obiettivo di migliorare la vita fornendo dati sanitari completi. Il concetto è stato recentemente convalidato e l’azienda ha sviluppato un’app user-friendly per aiutare le persone con diabete a saperne di più su ciò che influenza i loro livelli di glucosio nel sangue e migliorare i risultati.

Come funziona

Il nuovo algoritmo si basa su approcci di apprendimento automatico per prevedere le risposte glicemiche individuali a diversi pasti e attività. Per raggiungere questo obiettivo, l’algoritmo considera la frequenza cardiaca degli utenti e registra i dati relativi a cibo e farmaci, sviluppando un modello personalizzato per ciascun paziente per prevedere i risultati glicemici. Il periodo iniziale di “formazione” dura quattro giorni e incorpora i dati di un CGM; tuttavia, non sono necessari dati CGM per fare previsioni oltre il periodo di addestramento iniziale.

Secondo il recente comunicato stampa ,

“L’azienda ha sviluppato una serie di tecnologie sottostanti tra cui valori nutrizionali derivati, indice glicemico e carico glicemico, che stima come la glicemia di una persona aumenterà in base al cibo che mangia, per 16 milioni di alimenti. January.ai ha creato la propria applicazione mobile per acquisire e unificare vari punti dati in un’unica piattaforma AI, raccogliendo quasi 25 milioni di punti dati per lo studio “.

Presso l’American Diabetes Association (ADA) 80 ° Scientific Sessions, il team di ricerca ha presentato i risultati di questo algoritmo per prevedere le risposte glicemiche di oltre 1.000 partecipanti. Ad alcuni è stato diagnosticato il pre-diabete o il diabete di tipo 2, mentre altri rappresentavano partecipanti sani.

I partecipanti hanno indossato un CGM e un cardiofrequenzimetro per dieci giorni. Hanno anche monitorato i livelli di attività, l’assunzione di cibo e acqua specifici, nonché le dosi dei farmaci. Dopo il periodo di apprendimento di quattro giorni, l’algoritmo ha sviluppato un “modello individualizzato” per ogni partecipante. Successivamente, è stata messa alla prova la capacità del sistema di prevedere con precisione le risposte di zucchero nel sangue senza utilizzare alcun dato CGM. È interessante notare che i valori predittivi erano in stretto accordo con le letture CGM effettive, che sono state utilizzate per convalidare l’accuratezza delle previsioni.

Rahili S. et al. 2020 (Presentato all’80a sessione scientifica dell’ADA) La diapositiva sopra mostra la previsione del glucosio del modello per un periodo di 33 ore sulla base dei dati sulla frequenza cardiaca, sul cibo e sui farmaci di un partecipante, rispetto ai loro livelli di glucosio effettivi.

L’applicazione

Il team ha applicato il proprio algoritmo all’avanguardia per sviluppare un’app che consente agli utenti di monitorare la frequenza cardiaca e i livelli di zucchero nel sangue, oltre a ottenere un quadro completo di come fattori come alimenti specifici e schemi di esercizio li influenzano, personalmente . Inoltre, grazie alle funzionalità di apprendimento automatico, i pazienti possono anche essere avvisati di potenziali insidie ??prima ancora di consumare un determinato pasto. L’app offre anche varie visualizzazioni di dati, spiegazioni correlate, suggerimenti e offre ricompense per i miglioramenti.

Fonte immagine: January.ai

Sommario

La capacità di prevedere con precisione i cambiamenti nei livelli di zucchero nel sangue utilizzando solo i dati sulla frequenza cardiaca e registri di cibo e farmaci, può offrire un modo più economico e non invasivo per chi soffre di diabete di apprendere come i diversi alimenti influenzano i loro livelli di zucchero nel sangue.

Noosheen Hashemi, fondatore e CEO di January.ai, ha detto questo su cosa potrebbe fare il loro prodotto per chi vive con il diabete:

“Nonostante i grandi sforzi, la comunità sanitaria non è stata in grado di rallentare il rapido aumento del diabete, né di sviluppare trattamenti efficaci. Riteniamo che applicando l’IA a un mix di dati biologici e comportamentali, possiamo fornire alle persone gli approfondimenti personalizzati e le raccomandazioni specifiche di cui hanno bisogno per godere di una salute migliore “.

Cosa ne pensi di questa tecnologia? Per favore commenta qui sotto, adoriamo sentire i nostri lettori!