Educazione

Quando gli scienziati impareranno a usare meno acronimi?

acronym-colour_500x500

Hai sentito parlare del DNA? Apparentemente sta per Do Not Abbreviate. Scherzi a parte, è l’acronimo più utilizzato nella letteratura scientifica negli ultimi 70 anni, comparendo più di 2,4 milioni di volte.

La forma abbreviata di acido desossiribonucleico è ampiamente compresa, ma ci sono milioni di acronimi in più (come WTF: tiourea-formaldeide idrosolubile) che stanno rendendo la scienza meno utile e più complessa per la società, secondo un nuovo documento pubblicato da ricercatori australiani.

Il professor Adrian Barnett della Queensland University of Technology (QUT) e la dott.ssa Zoe Doubleday della University of South Australia (UniSA) hanno analizzato 24 milioni di titoli di articoli scientifici e 18 milioni di abstract tra il 1950 e il 2019, alla ricerca di tendenze nell’uso degli acronimi.

Nonostante i ripetuti inviti agli scienziati a ridurre il loro uso di acronimi e gergo negli articoli delle riviste, il consiglio è stato ampiamente ignorato, come mostrano i loro risultati in un articolo pubblicato su eLife .

Molti degli 1,1 milioni di acronimi unici identificati negli ultimi 70 anni stanno causando confusione, ambiguità e incomprensioni, rendendo la scienza meno accessibile, dicono i ricercatori.

“Ad esempio, l’acronimo UA ha 18 significati diversi in medicina e sei dei 20 acronimi più utilizzati hanno molteplici significati comuni nella letteratura medica e sanitaria”, secondo la dott.ssa Zoe Doubleday.

“Quando guardo i primi 20 acronimi scientifici di tutti i tempi, mi stupisce che ne riconosca solo la metà. Abbiamo un vero problema qui”.

Il DNA è universalmente riconosciuto, ma il secondo acronimo più popolare CI (intervallo di confidenza) potrebbe essere facilmente confuso con capo investigatore, pollice cubo o interfaccia comune. Allo stesso modo, gli Stati Uniti (Stati Uniti / ecografia / sistema urinario) e la FC (frequenza cardiaca / rapporto di rischio) spesso fanno inciampare le persone.

Il professor Barnett afferma che l’uso degli acronimi nei titoli è più che triplicato dal 1950 ed è aumentato di 10 volte negli abstract scientifici nello stesso periodo.

“Sorprendentemente, su 1,1 milioni di acronimi analizzati, abbiamo scoperto che il due per cento (circa 2.000) è stato utilizzato più di 10.000 volte”, afferma. “Anche quando i 100 acronimi più popolari sono stati rimossi, c’è stato ancora un chiaro aumento nell’uso degli acronimi nel tempo”.

Gli stili di scrittura radicati nella scienza sono difficili da spostare e l’uso eccessivo di acronimi indica un problema di comunicazione più ampio nella scienza, dice il dottor Doubleday, ma le riviste potrebbero aiutare ad arginare la tendenza limitando il numero di acronimi usati in un articolo.

“In futuro potrebbe essere possibile – software permettendo – che le riviste offrano due versioni dello stesso articolo, una con acronimi e una senza, in modo che il lettore possa selezionare la versione che preferisce”.

###

“Meta-ricerca: la crescita degli acronimi nella letteratura scientifica” è disponibile all’indirizzo: https: / elifesciences. org / articoli / 60080