Batticuore

HIIT è meglio

Quattro settimane di allenamento ad intervalli ad alta intensità (HIIT) migliorano il profilo di rischio cardiometabolico dei pazienti in sovrappeso con diabete mellito di tipo 1 (T1DM).

Questo studio diretto dai ricercatori della Medicina interna, Dipartimento di Diabetologia ed Endocrinologia, assieme all’Istituto di medicina sportiva, genetica molecolare delle malattie cardiovascolari, ospedale universitario di Muenster in Germania.ha esaminato gli effetti di un intervento HIIT di quattro settimane sul profilo di rischio cardiometabolico, contenuto di grasso nel fegato, fabbisogno di insulina, ipoglicemia, forma fisica e qualità della vita correlata alla salute nei pazienti con T1DM.

Un intervento di esercizio supervisionato con confronto dal basale al follow-up tra sovrappeso (BMI = 28,6 ± 2,1 kg / m 2 ) e peso normale (BMI = 23,2 ± 1,40 kg / m 2) Pazienti con T1DM sono stati eseguiti. Undici pazienti in sovrappeso (età = 40,7 ± 14,3 anni) e 11 peso normale (età = 42,2 ± 15,5 anni) pazienti con T1DM hanno eseguito un HIIT ciclico a basso volume di quattro settimane (4-6 sessioni, rapporto lavoro / sollievo 1 : 1) due volte a settimana. HIIT ha ridotto i livelli di lipoproteine ??a bassa densità e acido urico nei pazienti in sovrappeso fino al 10,5% (rispetto al peso normale, p?0,0312). I livelli di HbA1c, lipoproteine ??ad alta densità e trigliceridi non sono cambiati in nessuno dei gruppi.

La capacità di esercizio massima dei partecipanti e la produzione di potenza alla soglia del lattato anaerobico individuale sono aumentate in egual misura fino al 10% (p?0.0002) in entrambi i gruppi. Durante l’intervento, i partecipanti hanno utilizzato meno bolo giornaliero di insulina (-5,22 ± 12,80%) e meno unità totali di insulina (-4,42 ± 10,20%, p?0,023) rispetto al periodo pre-intervento senza differenze tra i gruppi.

Complessivamente, il numero medio giornaliero di ipoglicemie è aumentato da 0,90 ± 0,56 a 1,08 ± 0,63 durante l’intervento (p = 0,033). Le sottoscale SF-36 hanno mostrato punteggi più alti dopo l’intervento, con un significativo miglioramento delle “limitazioni di ruolo dovute a problemi fisici” (p <0,05) per entrambi i gruppi. I ricercatori concludono che in T1DM, HIIT può esercitare effetti benefici sulla forma fisica, sul fabbisogno di insulina e sulla qualità della vita correlata alla salute. Da notare, gli effetti benefici dell’HIIT sul profilo di rischio cardiometabolico nel T1DM possono essere maggiori nei pazienti in sovrappeso con T1DM.

Lo studio è pubblicato nel European Journal of Sport Science del 13 agosto 2020.