Educazione

Non dimentichiamoci, non dimentichiamoli: gli infermieri fanno la differenza per il diabete

Il 2020 è monopolizzato dalla pandemia da coronavirus COVID-19 in ogni angolo del pianeta e vede fornitori e operatori sanitari, ricercatori, forze del volontariato, istituzioni pubbliche e private impegnate nella cura e nel trovare soluzioni in grado di affrontare, trattare e debellare i rischi di contagio che sono ancora là da venire però. In tutto questo coacervo di situazioni l’anno 2020 è stato dedicato dalle Nazioni Unite e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità “l’Anno Internazionale dell’Infermiera e Ostetrica” come avevo già riportato nello scorso mese di maggio.

Mancano anche tre mesi al 14 novembre: Giornata Mondiale del Diabete quest’anno anch’essa dedicata alla figura professionale dell’Infermiere. Lo slogan è:

WDD 2020: GLI INFERMIERI FANNO LA DIFFERENZA PER IL DIABETE.

Nel 2020, la campagna della Giornata mondiale del diabete si concentra sulla promozione del ruolo degli infermieri nella prevenzione e nella gestione del diabete.

Il tema della Giornata mondiale del diabete 2020 è L’infermiera e il diabete. La campagna mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sul ruolo cruciale che gli infermieri svolgono nel sostenere le persone che convivono con il diabete.

Gli infermieri attualmente rappresentano oltre la metà della forza lavoro sanitaria globale. Fanno un lavoro eccezionale per sostenere le persone che vivono con una vasta gamma di problemi di salute. Anche le persone che convivono con il diabete o sono a rischio di sviluppare la condizione hanno bisogno del loro supporto.

Le persone che convivono con il diabete devono affrontare una serie di sfide e l’istruzione è fondamentale per fornire agli infermieri le competenze per sostenerli.

Poiché il numero di persone con diabete continua a crescere in tutto il mondo, il ruolo degli infermieri e di altri professionisti sanitari di supporto diventa sempre più importante nella gestione dell’impatto della condizione.

Gli operatori sanitari e i governi devono riconoscere l’importanza di investire nell’istruzione e nella formazione. Con le giuste competenze, gli infermieri possono fare la differenza per le persone affette da diabete.

Questi sono i concetti di base lanciati dall’International Diabetes Federation per questa come le altre giornate rivolte al diabete, ma non ci basta, no.

Il 2020 è un punto di partenza di una tappa che deve vedere, anche piuttosto celermente, realizzarsi degli obiettivi non più rinviabili.

  1. La piena realizzazione del team di diabetologia in ogni centro di riferimento presente, sia a livello di pediatria che negli adulti, con gli organici coperti per i fabbisogni di personale medico-infermieristico e assistenti sanitari.
  2. L’infermiere in diabetologia pediatrica e dell’adulto è figura chiave ed essenziale per la continuità assistenziale terapeutica e l’educazione nella gestione della patologia, nel governo e articolazioni dei processi di conduzione clinica di teleassistenza e telemedicina, delle tecnologie applicate e combinate al trattamento del diabete.
  3. Con l’istituzione dell’infermiere di comunità è il momento giusto e fondamentale per consolidare e ampliare la figura dell’infermiere scolastico che supporta i bambini e ragazzi con diabete tipo 1 in coordinamento con le famiglie ed i pediatri come le altre condizioni patologiche critiche presenti nelle scuole.

Quindi nonostante i limiti posti alle iniziative pubbliche dalla pandemia in autunno promuoveremo eventi ed azioni positive da remoto come sul posto per sensibilizzare le istituzioni e la popolazione su di questi temi.

Categorie:Educazione, Terapie

Con tag:,