Complicanze varie/eventuali

L’educazione all’igiene del sonno può aumentarne la quantità e diminuire le visite ospedaliere

Sebbene più della metà delle persone con diabete di tipo 2 riferisca di dormire male, l’igiene del sonno spesso manca nell’educazione all’autogestione del diabete, secondo due relatori alla conferenza annuale dell’Association of Diabetes Care and Education Specialists.

“Quando si guarda allo stile di vita, c’è molta enfasi sulla dieta, c’è molta enfasi sull’esercizio fisico, ma non si parla molto del sonno”, ha detto Abhishek Pandey MD , scienziato del sonno presso Enriching Lives Through Medical Physicians PC.

Un sonno povero può causare cambiamenti agli ormoni, contribuire all’aumento di peso e all’obesità e causare cambiamenti nel comportamento e nello stile di vita, ha detto Pandey.

L’American Diabetes Association raccomanda di valutare le persone con diabete per apnea notturna e disturbi respiratori del sonno. Sebbene le prove dell’effetto del trattamento sulla gestione della glicemia siano contrastanti, il trattamento con la modifica dello stile di vita o la pressione positiva continua delle vie aeree può migliorare la pressione sanguigna e la qualità della vita, secondo gli standard di cura 2020 delle linee guida dell’organizzazione.

Secondo Kerry Littlewood, PhD, MSW , istruttore della School of Social Work presso l’Università della Florida del Sud, pochi programmi di educazione all’autogestione del diabete riguardano un sonno sano .

“C’è molta esposizione a fattori legati alla dieta e all’esercizio fisico perché sono così collegati e ampiamente discussi in termini di gestione del diabete”, ha detto Littlewood. “È facile chiedere a qualcuno cosa mangi, quanto spesso lo mangi, quando lo mangi. … [Il sonno] è qualcosa che è modificabile, proprio come una dieta, proprio come l’esercizio. Potrebbe anche essere più facile da modificare. “

Benefici dell’igiene del sonno

Nello studio SLIDE (Sleep Integrated with Diabetes Education), Littlewood e Pandey hanno integrato quattro presentazioni di 15 minuti sul sonno sano in un programma di educazione all’autogestione del diabete presso un dipartimento di sanità pubblica in un contesto urbano nel sud. Lo studio ha incluso 50 partecipanti sottoassicurati e non assicurati con diabete di tipo 2 assegnati in modo casuale a corsi regolari di educazione all’autogestione del diabete o alle stesse classi di igiene del sonno.

All’inizio del programma, la maggior parte dei partecipanti presentava obesità (BMI medio, 38,56 kg / m²) e solo l’11% ha riferito di avere un sonno normale, con il 41% che ha riportato un sonno breve inferiore a 6 ore e il 7% ha segnalato un sonno lungo di 8 ore o Di Più. Alla fine del programma, i partecipanti alle classi che evidenziano l’igiene del sonno hanno aumentato la quantità di sonno rispetto ai partecipanti alle lezioni regolari (variazione media di +2,3 ore contro variazione media di -1,2 ore; P <0,001) e hanno avuto anche un numero ridotto delle visite ospedaliere (–1,1 visite medie) rispetto a quelle che non erano nel programma (+1,9 visite medie; P <0,001). L’HbA1c è migliorato ed era simile per entrambi i gruppi alla fine dello studio.

I ricercatori avevano originariamente previsto che le presentazioni sull’educazione al sonno includessero lezioni registrate di esperti. Tuttavia, durante il programma i ricercatori si sono resi conto che i video erano difficili da comprendere per molti dei partecipanti, ha detto Pandey.

“Alcune di queste informazioni sono meglio comprese e meglio prese quando provengono dal loro fornitore di cure primarie, rispetto a provenire da un rinomato esperto”, ha detto Pandey.

“Quello che si è rivelato essere il più efficace e utile è stato costruire su quella relazione esistente che l’educatore del diabete aveva con i propri pazienti e farli intensificare e fornire effettivamente quell’istruzione attraverso il proprio stile di interazione”, ha detto Littlewood.

Suggerimenti per integrare l’igiene del sonno

“I caregiver riconoscono il sonno come importante, ma non gli danno necessariamente la priorità”, ha detto Littlewood.

Lei e Pandey hanno illustrato come altri programmi possono aggiungere l’igiene del sonno alle loro sessioni. Hanno raccomandato agli specialisti della cura e dell’educazione del diabete di utilizzare la valutazione SATED per misurare la qualità complessiva del sonno nelle persone con diabete.

“Per la visita iniziale e le visite di follow-up, dovrebbero determinare un modello e una durata del sonno sani”, ha detto Pandey. “Dovremmo anche assicurarci che ciò avvenga durante le visite di controllo ogni 3-6 mesi. Dovremmo personalizzare la durata del sonno del paziente, la qualità del sonno e l’intero ciclo circadiano di 24 ore.

Dovrebbe essere enfatizzato un regolare programma sonno-veglia.

“Che si tratti di lavoro a turni, che si tratti di lavoro regolare, che si tratti di qualcuno che ha 90 anni, che si tratti di qualcuno che ha 10 anni, assicurarsi che si attengano a un programma regolare sonno-veglia può essere molto utile, sia per il sonno generale che per salute generale “, ha detto Pandey.

È anche importante discutere di pratiche salutari per la salute del sonno. Le persone con diabete possono utilizzare attività che si rilassano per rilassarsi prima di dormire; regolare la luce, il rumore e la temperatura per favorire il sonno; e usa la camera da letto solo per dormire e fare sesso.

Per le sessioni di gruppo, gli educatori possono valutare il livello di interesse dei partecipanti per l’igiene del sonno e utilizzare quel feedback per determinare il miglior percorso da seguire.

“Se si tratta di una sessione di gruppo, chiedi loro e vedi se c’è qualche interesse”, ha detto Pandey. “Ti piacerebbe conoscere i disturbi del sonno? Vorresti conoscere il sonno e come influirebbe sulla gestione del diabete? Se c’è un buy-in, dedica tempo e risorse per affrontarlo. Se non c’è un buy-in, quello che dobbiamo fare è quello che stiamo facendo ora: promuovere la salute del sonno e aiutarli a capire come stanno le cose “.

Riferimenti: