Educazione

Gli educatori devono valutare attivamente la sicurezza e l’usabilità della tecnologia per il diabete

La tecnologia sanitaria digitale può migliorare la diagnosi, la gestione e l’istruzione del diabete e gli specialisti nella cura e nell’educazione del diabete e devono assumere un ruolo attivo per garantire che i dispositivi siano sicuri, utilizzabili ed efficaci per i pazienti, secondo un oratore.

Affinché le persone con diabete, i medici e gli specialisti nella cura e nell’istruzione del diabete possano realizzare i vantaggi della tecnologia, tali dispositivi devono soddisfare le esigenze degli utenti e tale esigenza si è intensificata solo durante la pandemia COVID-19, secondo Raj Ratwani, PhD, vicepresidente per gli affari scientifici presso il MedStar Health Research Institute, direttore del MedStar Health National Center for Human Factors in Healthcare e professore associato presso la Georgetown University School of Medicine.

“Il titolo di questo discorso che ci siamo inventati, prima di COVID-19, era “La rivoluzione della salute digitale: pronta o no, eccola che arriva”. Possiamo sbarazzarci del “pronta o no”. È arrivata”, ha detto Ratwani durante una presentazione online alla riunione annuale virtuale dell’Associazione degli specialisti della cura e dell’educazione del diabete. “Oggi siamo in un mondo completamente diverso, su più fronti, rispetto a 3 o 4 mesi fa”.

La pandemia è servita ad accelerare quello che è stato un passaggio lento e incrementale ai servizi digitali, come la consegna di cibo e pacchi, la spesa e le visite telematiche con gli operatori sanitari, ha detto Ratwani.

“Quando pensiamo alle nuove tecnologie di consumo, ricorda anche che ci vogliono dai 7 ai 15 anni dal momento in cui la tecnologia viene rilasciata per la prima volta fino a un utilizzo diffuso”, ha detto Ratwani. “Ora, pensa a cosa sta succedendo nel mondo dell’assistenza sanitaria. Vediamo un’adozione incredibilmente rapida di alcune tecnologie su scadenze che sono piuttosto irrealistiche date le circostanze in cui ci troviamo. ”

In qualità di stakeholder chiave, gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete devono assumere un ruolo attivo per garantire che la tecnologia non sia solo sicura e utilizzabile, ma anche efficace, ha affermato Ratwani.

Soddisfare le aspettative

Le persone con diabete che incontrano la tecnologia non fanno più confronti solo nell’ambito dell’assistenza sanitaria, ha detto Ratwani. Invece, le persone stanno facendo “confronti tra domini”, quindi c’è un’aspettativa di efficacia. Progettazione, sviluppo, implementazione, utilizzo e manutenzione sono tutti elementi chiave dell’adeguatezza della tecnologia, ha affermato.

“Quando vado a noleggiare un’auto e utilizzo l’app per preregistrarmi e vado a piedi all’auto a noleggio e vado via, o ordino qualcosa in due clic o meno e lo ricevo a volte lo stesso giorno, ci penso mentre entro in assistenza sanitaria “, ha detto Ratwani. “Questo è ciò che le persone si aspettano, e questo è ciò per cui dovremmo tendere: tecnologia senza soluzione di continuità in modo sicuro ed efficace”.

I dispositivi di localizzazione indossabili consentono agli specialisti della cura e dell’educazione del diabete di monitorare meglio i dati sanitari e fornire incentivi a lavorare per raggiungere gli obiettivi relativi al glucosio e allo stile di vita. La tecnologia può anche migliorare lo screening e la diagnosi del diabete, nonché l’accesso alle cure tramite la telemedicina, dal vivo o tramite messaggistica.

Utenti tecnologici inaspettati

Gli utenti della tecnologia potrebbero non essere così ovvi; i dati suggeriscono che gli utenti che interagiscono maggiormente con la tecnologia non sono i giovani adulti, ha detto Ratwani.

“Ad esempio, in una recente analisi più di 1 milione di utenti di un chatbot utilizzato per gli screening COVID-19, abbiamo scoperto che le persone di età compresa tra 50 e 70 anni utilizzavano la tecnologia più frequentemente rispetto ad altre età”, ha detto Ratwani. “Questo probabilmente non è ciò che la maggior parte delle persone potrebbe prevedere e ci dice che la tecnologia viene adottata e utilizzata in modi non ovvi, scontati.”

I dati del sondaggio hanno anche rivelato che le donne si sono impegnate con il chatbot più degli uomini e gli adulti neri si sono impegnati con la tecnologia più delle persone di altre etnie.

“Niente di tutto questo è ciò che prevediamo”, ha detto Ratwani. “Ci possono essere alcuni risultati sorprendenti, e questo è importante quando pensiamo a come possiamo usare la tecnologia per facilitare l’educazione e la gestione dei pazienti con diabete. Dobbiamo capire chi utilizza questa tecnologia e quali sono le sue preferenze e integrarla con lo stile di vita dei nostri pazienti. Non è sempre così intuitivo come potremmo pensare. ”

Sicurezza, rischi per la privacy

La tecnologia avanza più velocemente delle politiche federali per promuovere una tecnologia sicura e utilizzabile e le parti interessate devono essere consapevoli delle implicazioni che ciò può avere.

“Quando inizi a parlare di cose come l’intelligenza artificiale e gli algoritmi predittivi, è lì che possono esserci conseguenze indesiderate che danneggiano”, ha detto Ratwani. “Quando pensi all’uso della tecnologia, pensa alla funzione di quella tecnologia e in che modo ciò determina il modo in cui pensiamo al rischio?”

Le partnership pubblico-private stabilite appositamente per valutare la tecnologia possono aiutare, ha detto Ratwani. Ad esempio, ADCES offre la risorsa basata sulla tecnologia Diabetes Advanced Network Access, o DANA , che funge da centro di smistamento dei prodotti per la tecnologia del diabete e le app mobili per i membri, valutate per la sicurezza e altri elementi.

“Non stiamo raccomandando o prescrivendo cose ai nostri pazienti che potrebbero non essere sicure”, ha detto Ratwani. “Dovrà accadere di più su una sequenza temporale maggiormente rapida, ma non ci siamo ancora arrivati.”

Valutazione della tecnologia

Le parti interessate del diabete devono avere la mentalità di abbracciare la tecnologia, ha detto Ratwani.

“I pazienti si aspettano che la tecnologia sia presente, date le loro esperienze in altri settori”, ha detto Ratwani. “Ma come lo valutiamo?”

Ratwani ha affermato che gli specialisti nella cura e nell’istruzione del diabete devono garantire che la tecnologia “soddisfi” il fornitore, lo specialista e le esigenze del paziente soddisfacendo una semplice lista di controllo:

  • Sicurezza: Assicurarsi che la tecnologia è sicura da usare;
  • Usabilità: Fai domande e occorre garantire che la tecnologia è utilizzabile per la popolazione a cui viene dedicata;
  • Integrazione: Assicurarsi che la tecnologia può essere integrata in altri aspetti del processo di cura;
  • Tracciabilità: assicurarsi che ci sia un modo per identificare se qualcosa va storto con la tecnologia.

“Gli utenti devono essere in prima linea in questo”, ha detto Ratwani. “Mentre valutiamo la tecnologia e pensiamo al suo utilizzo, pensa se si adatta alle tue esigenze.”

Fonte: 

Ratwani R. La rivoluzione della salute digitale: pronto o no, eccolo. Presentato a: Association of Diabetes Care & Education Specialists Annual Meeting; 13-16 agosto 2020; (incontro virtuale).

Informativa: Ratwani non riporta alcuna informativa finanziaria rilevante.