Donne e diabete

Le esperienze vissute di assistenza sanitaria durante la gravidanza, il parto e tre mesi dopo nelle donne con diabete mellito di tipo 1

Essere incinta, dare alla luce e diventare madre nei primi mesi dopo la nascita, è per le donne con diabete mellito di tipo 1 (T1DM) un periodo di difficoltà e di passaggi difficili. Al fine di identificare la loro necessità di supporto dall’assistenza sanitaria, lo scopo di questo studio era descrivere l’assistenza sanitaria durante la gravidanza, il travaglio, il parto e fino a 12 settimane dopo la nascita come sperimentata dalle donne svedesi con DM1. I ricercatori hanno utilizzato un approccio di ricerca fenomenologico riflettente sul mondo della vita e fatto 1-2 interviste individuali con dieci donne alla fine della gravidanza e / o 2-3 mesi dopo.

Le interviste trascritte sono state analizzate focalizzandosi sui significati del fenomeno di studio. I risultati hanno rivelato come la malattia del diabete, così come i rischi e le responsabilità che ne derivano, diventano più visibili durante il periodo in questione, grazie a un monitoraggio costante, eseguito dalla donna stessa e dagli operatori sanitari.

Il significato essenziale del fenomeno è la necessità di condividere il peso dei rischi e delle responsabilità con gli operatori sanitari. La complessa situazione in cui si trovano queste donne, sia come esperte della loro malattia e cura che bisognose di cure, richiede un’assistenza che faccia sentire le donne capaci e responsabili, ma allo stesso tempo offra loro sostegno e sollevandole dalle loro responsabilità quando necessario.

Le donne con diabete mellito di tipo 1 (T1DM) affrontano sfide difficili durante la gravidanza e dopo la nascita. A causa del loro diabete, c’è un rischio maggiore di esiti avversi sia per se stesse che per il bambino atteso e neonato (Colstrup, Mathiesen, Damm, Jensen, & Ringholm, 2013 ; Feldman e Brown, 2016 ; Ringholm, Mathiesen, Kelstrup e Damm , 2012 ). Anche se la sanità e le attrezzature medico-tecniche per la gestione del diabete sono migliorate notevolmente negli ultimi decenni, la gravidanza e il parto sono ancora considerati un periodo di maggiori rischi e per le donne è ancora una sfida gestire questa situazione. Pertanto, un’assistenza sanitaria e un supporto professionali di alta qualità sono di grande importanza per le donne con T1DM.

Il gruppo di ricerca MoDiab (Motherhood and Diabetes) ha condotto studi esplorativi sulle situazioni per le donne in Svezia che soffrono di DMT1 e sono incinte e nella prima maternità. I ricercatori hanno scoperto che per ridurre al minimo l’aumento dei rischi, le donne hanno lottato per raggiungere la normoglicemia 24 ore al giorno. I loro strumenti principali per raggiungere questo obiettivo erano il monitoraggio del glucosio frequente o continuo, abitudini di vita rigorose con dieta e attività fisiche sotto controllo e aggiustamenti costanti della dose di insulina. Durante la gravidanza, erano spesso piene di preoccupazioni, pressione per raggiungere la glicemia ottimale e senso di colpa quando era anormale. (Berg e Honkasalo, 2000 , 2005b ; Sparud-Lundin e Berg, 2011).

Inoltre, hanno ritenuto che l’assistenza sanitaria durante e dopo la gravidanza si concentrasse principalmente sulla salute del bambino in attesa e del neonato, e non su se stesse (Sparud-Lundin & Berg, 2011 ). I primi mesi dopo la nascita furono un periodo di straordinaria esposizione. Il collegamento con l’assistenza sanitaria professionale correlata alla gravidanza di solito terminava alla nascita del bambino o alcune settimane dopo, il che ha contribuito alla condizione di esposizione. L’allattamento al seno è risultato essere una grande sfida, soprattutto durante i primi due mesi dopo la nascita, un periodo in cui la glicemia delle madri era solitamente instabile. Nonostante ciò, la maggior parte di loro è riuscita ad allattare, parzialmente o esclusivamente, l’80% a 2 mesi e il 61% a 6 mesi (Sparud-Lundin, Wennergren, Elfvin, & Berg, 2011). I primi mesi dopo il parto sono stati per le madri con T1DM un periodo di forte stanchezza, superiore a quello delle donne senza diabete. Avevano un maggiore bisogno di organizzare la loro vita quotidiana (Berg e Sparud-Lundin, 2012 ) e il loro benessere era influenzato negativamente se l’allattamento al seno influiva sulla gestione del diabete (Berg, Erlandsson e Sparud-Lundin, 2012 ).

Implicazioni cliniche di questo studio

Lo studio punta a diverse aree in cui l’assistenza sanitaria per le donne incinte e le madri con T1DM potrebbe essere migliorata:

  • Informazioni chiare e concise riguardanti lo scopo e la pianificazione delle visite e degli esami sanitari dovrebbero essere fornite in un linguaggio comprensibile privo di “gergo medico”.

  • Diversi professionisti che lavorano con lo stesso paziente dovrebbero lavorare in collaborazione al fine, ad esempio, di essere in grado di pianificare il processo di assistenza dalla gravidanza al dopo la nascita, per fornire informazioni unanime e coerenti e per chiarire al paziente chi è responsabile e che cosa.

  • La mancanza di conoscenza tra alcuni operatori sanitari su come gestire il diabete e in particolare i problemi relativi alle dosi di insulina e al cibo potrebbe essere risolta avendo uno specialista del diabete di guardia, ad esempio, un’infermiera con questa competenza, disponibile, ad esempio, sul travaglio e reparti postnatali.

  • Gli svantaggi delle attrezzature mediche avanzate e dei frequenti controlli sanitari, come l’evidenziazione della malattia e del rischio, dovrebbero essere considerati dagli operatori sanitari.

Lo studio mostra che sebbene l’assistenza sanitaria e le attrezzature medico-tecniche per la gestione del diabete siano notevolmente migliorate, il periodo di gravidanza, parto e post-parto precoce è ancora una grande sfida da gestire per le donne con DM1. Tecniche raffinate per controllare le condizioni del feto e del neonato, nonché i dosaggi di glucosio nel sangue e di insulina della madre, non possono sostituire l’interazione personale con gli operatori sanitari. Queste tecniche, come mostrato, servono inoltre a sottolineare la malattia ed i rischi. Inoltre, la complessa situazione in cui si trovano queste donne, sia come esperte della loro malattia e cura che bisognose di cure, richiede un’assistenza che faccia sentire le donne capaci e responsabili, ma allo stesso tempo le offra sostegno e le sollevi dalla loro responsabilità quando necessario.

Lo studio è stato coordinato dall’Institute of Health and Care Science, Sahlgrenska Academy, University of Gothenburg, Gothenburg, Svezia.

Pubblicato nella rivista International Journal of Qualitative Studies on Health and Well-being (articolo completo)