Complicanze varie/eventuali

Come le proteine proteggono dal fegato grasso

Immagini microscopiche di biopsie epatiche di tre individui con diversi gradi di accumulo di grasso epatico

La steatosi epatica non alcolica è la malattia epatica cronica più comune al mondo, con conseguenze a volte pericolose per la vita. Una dieta ricca di proteine ??e ipocalorica può far sciogliere il grasso del fegato nocivo, in modo più efficace di una dieta a basso contenuto proteico. Un nuovo studio dei ricercatori DIfE / DZD pubblicato sulla rivista Liver International mostra quali processi molecolari e fisiologici sono potenzialmente coinvolti.

Cause e conseguenze di una steatosi epatica non alcolica

La steatosi epatica non alcolica è caratterizzata da un accumulo di grasso nel fegato ed è spesso associata a obesità, diabete di tipo 2, ipertensione e disturbi lipidici. Se non trattata, la steatosi epatica può portare a cirrosi con conseguenze potenzialmente letali. Le cause della malattia vanno da uno stile di vita malsano, ovvero mangiare troppi cibi ricchi di grassi e zuccheri e mancanza di esercizio, a componenti genetiche. Già in studi precedenti, il gruppo di ricerca guidato dalla dottoressa Olga Ramich e dal professor Andreas Pfeiffer dell’Istituto tedesco di nutrizione umana Potsdam-Rehbruecke (DIfE) aveva osservato un effetto positivo di una dieta ricca di proteine ??sul contenuto di grassi del fegato. “I nuovi risultati ora ci forniscono informazioni più approfondite su come funziona la dieta ad alto contenuto proteico”, ha detto Ramich, capo del gruppo di ricerca Molecular Nutritional Medicine presso DIfE.

La dieta ad alto contenuto proteico è più efficace di quella a basso contenuto di proteine

Per lo studio attuale, il team di ricerca guidato da Ramich e Pfeiffer ha studiato come il contenuto proteico del cibo influenza la quantità di grasso del fegato nelle persone obese con una steatosi epatica non alcolica. Per questo, i 19 partecipanti dovevano seguire una dieta con un contenuto proteico alto o basso per tre settimane. Successivamente è stato eseguito un intervento chirurgico per il trattamento dell’obesità (chirurgia bariatrica) e sono stati raccolti campioni di fegato.

L’analisi dei campioni ha mostrato che una dieta ipocalorica e ricca di proteine ??riduceva il grasso del fegato in modo più efficace rispetto a una dieta ipocalorica e ipoproteica: mentre il contenuto di grassi del fegato nel gruppo ad alto contenuto proteico è diminuito di circa il 40%, il la quantità di grasso nei campioni di fegato del gruppo a basso contenuto proteico è rimasta invariata. I partecipanti allo studio in entrambi i gruppi hanno perso un totale di circa cinque chilogrammi. “Se i risultati continueranno ad essere confermati in studi più ampi, la raccomandazione per un maggiore apporto di proteine ??insieme a una dieta sana a basso contenuto di grassi come parte di un’efficace terapia del fegato grasso potrebbe trovare la sua strada nella pratica medica”, ha affermato Andreas Pfeiffer, capo del gruppo di ricerca Clinical Nutrition / DZD presso DIfE e Clinic for Endocrinology in the Charité – Universitätsmedizin Berlin, Campus Benjamin Franklin.

Meccanismi di assorbimento dei grassi molecolari

I ricercatori presumono che l’effetto positivo di una dieta ricca di proteine ??sia dovuto principalmente al fatto che l’assorbimento, lo stoccaggio e la sintesi dei grassi vengono soppressi. Ciò è indicato da ampie analisi genetiche dei campioni di fegato condotte dal professor Stephan Herzig e dal suo team dell’Helmholtz Zentrum München. Secondo queste analisi, numerosi geni responsabili dell’assorbimento, dell’accumulo e della sintesi dei grassi nel fegato erano meno attivi dopo la dieta ad alto contenuto proteico che dopo la dieta a basso contenuto proteico.

Risultati imprevisti

Inoltre, il gruppo di ricerca di Olga Ramich, insieme al Dipartimento di Fisiologia del Metabolismo Energetico del DIfE, ha studiato anche le funzioni dei mitocondri. “L’attività mitocondriale era molto simile in entrambi i gruppi. La cosa ci ha sorpresi. Inizialmente pensavamo che la dieta ad alto contenuto proteico aumentasse l’attività mitocondriale e quindi contribuisse alla degradazione del grasso del fegato”, ha affermato la professoressa Susanne Klaus, capo del dipartimento. I ricercatori sono stati anche sorpresi dal fatto che i livelli sierici di Fibroblast Growth Factor 21 (FGF21) fossero inferiori dopo la dieta ad alto contenuto proteico che riduceva il grasso del fegato rispetto alla dieta a basso contenuto proteico. “È noto che FGF21 ha effetti benefici sulla regolazione metabolica. Saranno necessari ulteriori studi per dimostrare perché il fattore è stato ridotto nella dieta ad alto contenuto proteico che agisce positivamente”, ha detto Ramich. Inoltre, l’attività autofagica era inferiore nel tessuto epatico dopo la dieta ricca di proteine ??rispetto alla dieta a basso contenuto proteico. “La degradazione dei lipidi tramite la ‘lipofagia’, come forma speciale di autofagia, non sembra quindi essere coinvolta nella scomposizione del grasso epatico nella dieta ad alto contenuto proteico”.

Come passo successivo, Ramich e Pfeiffer intendono seguire le loro scoperte sui meccanismi coinvolti e quindi acquisire nuove conoscenze sulle modalità di azione delle strategie di intervento dietetico mirate.