ADA2020

#ADA2020 Diversi studi dimostrano i vantaggi della somministrazione automatizzata di insulina per la gestione del diabete di tipo 1

La nuova tecnologia per la somministrazione automatizzata di insulina promette di alleviare le complicazioni dello stile di vita del diabete di tipo 1 migliorando il controllo glicemico, in particolare durante la notte.

“Questo è così importante per le famiglie e le persone da essere in grado di andare a dormire la notte e non preoccuparsi dell’ipoglicemia”, ha detto Bruce A. Buckingham, MD, Professore Emerito di Endocrinologia Pediatrica presso la Stanford University. “Dopo le prime notti, questa è una delle cose su cui la gente ha davvero notato. «Non mi alzo di notte. Non vengo svegliato dagli allarmi. “”

Il dottor Buckingham è uno dei quattro esperti che hanno presentato al simposio La prossima generazione di sistemi di somministrazione automatizzata di insulina per persone con diabete di tipo 1: quattro nuovi studi clinici durante le sessioni scientifiche. La presentazione può essere visualizzata dai partecipanti registrati alla riunione su ADA2020.org  fino al 10 settembre 2020. Se non ti sei registrato alle  80esime sessioni scientifiche virtuali,  registrati oggi  per accedere a tutti i preziosi contenuti della riunione.

Tre degli studi presentati durante la sessione riguardavano il sistema ibrido a circuito chiuso avanzato MiniMed di Medtronic, mentre il dottor Buckingham ha presentato i dati di studi pre-pivotal sul sistema di controllo automatico del glucosio Omnipod 5 di Insulet.

I primi dati dimostrano un miglioramento del tempo nell’intervallo con questi nuovi sistemi automatizzati e il feedback dei partecipanti riflette una migliore qualità della vita e un’elevata soddisfazione, ha affermato il dott. Buckingham.

“Riduce molto l’onere e di molto il pensiero sul diabete, che è così importante e quello che penso dovrebbe fare un sistema ibrido a circuito chiuso”, ha detto.

Bruce W. Bode, MD, Professore Associato Clinico presso il Dipartimento di Medicina presso la Emory University e Presidente e CEO di Atlanta Diabetes Associates, ha presentato i risultati del Pivotal Safety Study Medtronic US Advanced Hybrid Closed Loop (AHCL), a braccio singolo, 16 -center, studio a domicilio su 157 soggetti di età compresa tra 14 e 75 anni con diabete di tipo 1.

“L’intero obiettivo di questo nuovo AHCL è massimizzare il tempo nell’intervallo e, in questo modo, eseguono una funzione basale automatica e anche una funzione di correzione automatizzata del bolo”, ha detto il dott. Bode. “È tutto basato sul glucosio del sensore e non sul glucosio nel sangue.”

Entrando nello studio, i partecipanti hanno avuto un time-in-range medio complessivo del 54%, che è aumentato al 73% con l’uso del dispositivo AHCL.

Ulteriori studi hanno prodotto risultati simili, tra cui uno studio crossover randomizzato che confronta il 670G di Medtronic e il dispositivo AHCL in adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 1, presentato da Richard M. Bergenstal, MD, direttore esecutivo dell’International Diabetes Center al Park Nicollet. Con sette siti clinici negli Stati Uniti, in Israele e in Europa, lo studio Fuzzy Logic Automated Insulin Regular (FLAIR) ha arruolato 111 partecipanti di età compresa tra 14 e 29 anni, un gruppo che il dottor Bergenstal ha definito “il più duro dei duri” per quanto riguarda il controllo glicemico.

FLAIR ha raggiunto il suo risultato primario di ridurre l’iperglicemia diurna senza aumentare l’ipoglicemia. I partecipanti sono passati da un intervallo di tempo di riferimento del 12% al 22% utilizzando il 670G e al 32% utilizzando il dispositivo AHCL.

Il dottor Bergenstal ha affermato che i boli di correzione automatica sono una caratteristica importante, che contribuisce all’efficacia del dispositivo AHCL e alla soddisfazione dell’utente.

Martin de Bock, PhD, FRACP, docente senior ed endocrinologo pediatrico presso l’Università di Otago, Christchurch, Nuova Zelanda, ha riferito di uno studio crossover randomizzato AHCL condotto in Nuova Zelanda. Ha detto che l’automazione funziona per aumentare la stabilità del dispositivo e mantenere l’utente in modalità automatica più a lungo. “È necessario trascorrere più tempo possibile in modalità automatica per trarne vantaggio”, ha affermato.

Le 60 persone arruolate nello studio avevano un’età compresa tra i 7 e gli 80 anni. I risultati dello studio hanno fatto eco a quelli di altri studi, principalmente che il dispositivo AHCL migliora il tempo nell’intervallo senza aumentare l’ipoglicemia. I dati della Nuova Zelanda dimostrano un setpoint ottimale di 100 mg / dL per un miglioramento significativo, inclusa la popolazione più giovane meno controllata, rendendo il dispositivo ACHL un “punto di svolta” per questo gruppo, ha detto il dott. De Bock.

“Nonostante tutti i loro comportamenti e tutto ciò che non fanno, l’AHCL lo compensa davvero, ed è davvero emozionante”, ha detto. “Stiamo cercando di permettere ai giovani di andare avanti con le loro vite, e quello che abbiamo dimostrato qui è che l’AHCL può farlo”.