testimonianze

Ciò che i pazienti desiderano di più dal proprio medico è la fiducia e il rispetto, trova studio

Le relazioni tra medici generici e pazienti stanno cambiando. Sta diventando sempre più difficile per i pazienti vedere il proprio medico di famiglia. In uno studio condotto da ricercatori del Center for Academic Primary Care dell’Università di Bristol, i pazienti hanno riferito che, indipendentemente dal fatto che fossero in grado di vedere il medico di famiglia o meno, ciò che desideravano di più era fidarsi ed essere rispettati dal loro medico di famiglia.

Lo studio, finanziato dalla School for Primary Care Research (NIHR) del National Institute for Health Research (NIHR) e pubblicato sul British Journal of General Practice l’11 agosto, ha esaminato quali attributi i pazienti siano più apprezzati in un medico di famiglia e quanto sia importante vedere lo stesso medico di base nel tempo ( continuità assistenziale ).

Lo studio si è concentrato su pazienti con più condizioni a lungo termine, poiché studi precedenti hanno dimostrato che beneficiano in particolare della continuità delle cure.

I pazienti desideravano che il loro medico di base fosse clinicamente competente e che esaminasse, ascoltasse, si prendesse cura di loro e prendesse del tempo con loro, indipendentemente dal fatto che li avessero visti prima.

I pazienti credevano anche che ci fossero benefici nel vedere lo stesso medico di famiglia, che includeva i medici che conoscevano la loro storia, dando consigli coerenti, assumendosi responsabilità e azioni, e fidandosi e rispettandoli. I pazienti capivano che i primi tre di questi erano difficili da raggiungere quando la continuità delle cure era interrotta, ma sentivano che i medici di base dovevano fidarsi e rispettare i loro pazienti, indipendentemente dal fatto che li avessero visti o meno.

La dottoressa Mairead Murphy, ricercatrice presso il Center for Academic Primary Care e autrice principale dello studio, ha affermato: “È sempre più difficile per i medici di base mantenere la continuità delle cure con i pazienti. La comunicazione tra i medici di base e i pazienti può essere danneggiata durante la corrente pandemia, poiché le consultazioni del medico di famiglia avvengono sempre più online o per telefono. Il nostro studio mostra che i pazienti sono molto chiari sugli attributi che apprezzano in un medico di famiglia. Capiscono che la continuità delle cure non è sempre possibile, ma vogliono, soprattutto, essere rispettati e considerati affidabili dal proprio medico di base. Per i pazienti, fiducia e rispetto significa essere creduti, presi sul serio e rispettati come esperti della propria salute e del proprio corpo. Poiché i pazienti spesso si sentono diffidenti e presi meno sul serio dai medici che non li conoscono,I medici di base dovrebbero fare di tutto per dimostrare questi aspetti di fiducia e rispetto, soprattutto quando c’è una mancanza di continuità assistenziale “.

Il professor Chris Salisbury, un medico di base e autore secondario dello studio, ha aggiunto: “Ci auguriamo che i nostri risultati non solo incoraggino i medici di base a riflettere sulla loro pratica, ma che i responsabili politici continueranno a promuovere la continuità delle cure a causa dei noti benefici che porta “.