Vivo col Diabete

Chetoacidosi comunque

Le visite presso la clinica primaria non riducono i tassi di chetoacidosi alla presentazione nel diabete mellito di tipo 1 in età pediatrica.

Il tasso di chetoacidosi diabetica al momento della diagnosi di diabete di tipo 1 rimane alto. I medici dell’Unità di endocrinologia e diabete pediatrico, Centro medico dell’Università di Soroka, Be’er Sheva, Israele hanno esaminato se le visite a una clinica di cure primarie fino a un mese prima della diagnosi di diabete di nuova insorgenza, influenzassero i tassi di chetoacidosi.

Lo studio retrospettivo di bambini che sono stati diagnosticati con diabete di tipo 1 da 1 gennaio st , 2010 al 31 dicembre st , 2014. La raccolta dei dati inclusi la demografia, l’età alla diagnosi, il numero di visite alla clinica di cure primarie nel mese precedente la diagnosi , rilevanza per il diabete e risultati di tali visite e presenza di chetoacidosi alla diagnosi. Abbiamo esaminato la relazione tra il tasso di chetoacidosi alla diagnosi e il numero di visite in clinica e le caratteristiche demografiche.

Risultati: su 159 pazienti, 115 hanno visitato la loro clinica nel mese precedente alla diagnosi di diabete di tipo 1. Il tasso di chetoacidosi alla diagnosi era simile tra coloro che hanno visitato la clinica e coloro che non l’hanno visitata (37,4% rispetto al 38,6%). Non c’era differenza nei tassi di chetoacidosi tra i diversi gruppi etnici e socioeconomici.

In conclusione: gli incontri medici nel mese precedente la diagnosi di diabete di tipo 1 non hanno ridotto i tassi di chetoacidosi nei bambini.

Pubblicato in Acta Paediatrica il 19 agosto 2020.