Educazione

Gestione dell’ipoglicemia negli adulti con diabete di tipo 1 in condizioni di vita reale

L’ ipoglicemia è la complicanza acuta più comune nei soggetti con diabete di tipo 1 (T1D). Gli episodi di ipoglicemia lieve o moderata devono essere trattati negli adulti con una dose di circa 15-20 g di carboidrati ad azione rapida. Tuttavia, questo auto-trattamento dell’ipoglicemia in condizioni di vita reale non è ben documentato.

Lo scopo di questo studio ispanico condotto a livello multicentrico dal CIBERDEM, Centro spagnolo di ricerca biomedica sul diabete e sui disturbi metabolici associati, Barcellona, ??Spagna, era di determinare le caratteristiche del trattamento dell’ipoglicemia negli adulti con T1D in un disegno di studio prospettico.

Agli individui con T1D è stato consigliato di registrare le informazioni relative agli episodi di ipoglicemia per un periodo di 14 giorni. Sono stati analizzati la quantità e la qualità (compreso l’indice glicemico [GI] e il carico glicemico) dei carboidrati consumati in ogni episodio di ipoglicemia e altri fattori correlati all’ipoglicemia come l’attività fisica, la paura dell’ipoglicemia o la consapevolezza dell’ipoglicemia.

Nello studio sono stati inclusi un totale di 93 individui (36,5 ± 16,2 anni, BMI di 24,9 ± 3,8 kg / m2, durata del diabete di 14,9 ± 10,4 anni e livelli di HbA1c di 7,3 ± 0,8%). Sono stati segnalati un totale di 483 episodi di ipoglicemia lieve o moderata, che supponevano in media 2,7 ± 2,0 episodi a settimana. La quantità di carboidrati consumata in tutti gli episodi di ipoglicemia è stata di 25,9 ± 9,2 g. L’IG del cibo consumato in tutti gli episodi di ipoglicemia è stato classificato come basso (53,9 ± 8,3). Il trattamento eccessivo dell’ipoglicemia, definito come l’ingestione di più di 20 g di carboidrati, si è verificato nel 50,3% degli episodi di ipoglicemia; anche il 22,3% di questi episodi è stato trattato con più di 30 g di carboidrati. Il succo di frutta è stata l’opzione più popolare, scelta in quasi il 70% degli eventi. Inoltre, abbiamo osservato altri alimenti a indice glicemico moderato o basso come latte, pane,

Conclusione: la maggior parte degli individui studiati con T1D non gestisce l’ipoglicemia secondo le attuali linee guida dell’American Diabetes Association, nella maggior parte dei casi con un trattamento eccessivo, scegliendo cibi a basso effetto glicemico e non variando la dose di carboidrati, a seconda dell’attività fisica svolta.

Pubblicato su Annals of Nutrition and Metabolism il 20 agosto 2020.