ADA2020

#ADA2020 Quale dieta è la migliore per i pazienti diabetici? Gli esperti intervengono

Mentre gli esperti potrebbero non essere d’accordo su quale dieta sia la migliore per il trattamento del diabete e dell’obesità, la maggior parte concorda sul fatto che non esiste una dieta valida per tutti e che l’approccio ottimale spesso comporta una combinazione di modifiche dello stile di vita, tra cui dieta e terapie mediche.

Un gruppo di illustri medici e ricercatori ha analizzato quattro diverse diete e discusso i vantaggi di ciascuna di loro durante il simposio delle sessioni scientifiche Quale dieta è la migliore per il trattamento del diabete e dell’obesità? La presentazione può essere visualizzata dai partecipanti registrati alla riunione su ADA2020.org  fino al 10 settembre 2020. Se non ti sei registrato alle  80esime sessioni scientifiche virtuali,  registrati oggi  per accedere a tutto il prezioso contenuto della riunione.

John Wilding, DM, FRCP, ha aperto il simposio virtuale con un esame delle diete ipocaloriche / ipocaloriche e perché ritiene siano un buon approccio per il diabete di tipo 2 e l’obesità. Il dottor Wilding è professore di medicina e capo della ricerca clinica in obesità, diabete ed endocrinologia presso l’Università di Liverpool, Regno Unito, e presidente eletto della World Obesity Federation.

“Chiunque stia cercando di perdere peso deve affrontare una sfida in salita. È una cosa difficile da fare”, ha detto il dottor Wilding. “Quindi penso che dobbiamo ricordare come stiamo cercando di battere la fisiologia quando supportiamo qualcuno obeso e diabetico che sta cercando di perdere peso”.

Con questo in mente, il dottor Wilding ha detto che ci sono buone prove da studi sulla prevenzione del diabete e altre ricerche a sostegno di diete a basso contenuto energetico per la perdita di peso nelle persone con diabete e obesità. Il dottor Wilding ha notato diversi vantaggi di una modesta restrizione energetica (una riduzione di circa 500 kcal dall’assunzione abituale): la maggior parte delle persone può facilmente comprendere queste diete perché usa cibo normale; le diete non richiedono di spendere molti soldi extra per costosi sostituti dei pasti; e le diete a basso consumo energetico sembrano essere efficaci quanto altri approcci a lungo termine.

“Penso che per alcune persone le diete a basso contenuto energetico che utilizzano sostituti del pasto – l’approccio sostitutivo della dieta totale – possano essere utili perché possono comportare una maggiore perdita di peso iniziale, che ai pazienti sembra piacere, e può persino portare alla remissione di tipo 2 diabete per alcuni “, ha detto il dottor Wilding. “Ma è molto importante sostenere la transizione verso un’alimentazione normale e verso una dieta più sana a lungo termine. Penso che sia probabilmente la sfida più grande nel fornire questo approccio “.

Jessica Turton, APD, BAppSc (Ex & SpSc), MNutrDiet, una dietista presso l’Università di Sydney in Australia, ha seguito una discussione sulle diete a basso contenuto di carboidrati e sulla chetosi nutrizionale.

“Il tipo 1 e il tipo 2 sono chiaramente forme molto diverse di diabete. Tuttavia, sappiamo da molto tempo che il diabete in generale è una malattia del metabolismo dei carboidrati. Quindi, in qualsiasi discussione sulla gestione dietetica del diabete, la quantità totale di carboidrati deve essere importante “, ha detto Turton. “E per i pazienti che soffrono di ipoglicemia, è probabile che un eccesso di assunzione di carboidrati sia la loro principale priorità nutrizionale”.

Turton ha osservato che le diete a basso contenuto di carboidrati non devono essere considerate come un’opzione completamente separata dalle altre diete discusse durante il simposio. Gli elementi di tutti gli approcci benefici possono essere integrati utilizzando la terapia nutrizionale medica, ha affermato.

Una delle preoccupazioni con le diete a basso contenuto di carboidrati è il potenziale di carenze di micronutrienti, ma Turton ha affermato che ci sono modi comprovati per costruire diete a basso contenuto di carboidrati per garantire che i pazienti ricevano nutrienti essenziali.

“Ci sono studi che dimostrano come è possibile soddisfare le assunzioni essenziali di micronutrienti con diete a basso contenuto di carboidrati, ma abbiamo sicuramente bisogno di ulteriori ricerche su questo e potenzialmente costruire un qualche tipo di modello che possiamo facilmente utilizzare con i pazienti nella pratica clinica”, ha detto. . “Penso che si tratti di utilizzare diete a basso contenuto di carboidrati in combinazione con la terapia nutrizionale medica in modo da poter davvero valutare i pazienti su base individuale”.

Miguel A. Martinez-Gonzalez, MD, PhD, Professore e titolare della Cattedra di Medicina Preventiva e Salute Pubblica presso l’Università di Navarra in Spagna, ha discusso della dieta mediterranea.

“La dieta mediterranea ha una lunga storia di utilizzo senza alcuna prova di danno”, ha detto. “Il segno distintivo della dieta mediterranea è l’uso abbondante di olio d’oliva per tutti gli scopi culinari. Infatti, nella tradizione delle antiche diete mediterranee, circa il 20% o più delle calorie proveniva dall’olio d’oliva, quindi questo è un pezzo importante della piramide della dieta mediterranea “.

Il Dr. Martinez è stato il principale investigatore dello studio PREDIMED (Prevención con Dieta Mediterránea) presso l’Università di Navarra e coordinatore del PREDIMED Research Network finanziato dal governo spagnolo. PREDIMED è stato il primo studio randomizzato di prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari attraverso un intervento dietetico basato su un approccio basato su un modello dietetico.

Nello studio, 7.447 partecipanti, circa la metà dei quali con diabete di tipo 2 e l’altra metà con tre o più fattori di rischio cardiovascolare principali, sono stati randomizzati a tre diete: una dieta a basso contenuto di grassi seguendo le linee guida dell’American Heart Association e due attive diete di intervento relativamente ricche di grassi con partecipanti educati a seguire la dieta mediterranea tradizionale.

“Questo si è tradotto in un’importante riduzione del 30% nel verificarsi di eventi clinici cardiaci sia nei diabetici che nei non diabetici”, ha detto il dott. Martinez. “E mentre la perdita di peso con la dieta mediterranea potrebbe non essere eccezionale come altre diete, gli studi dimostrano che la compliance è alta e le persone sostengono che la perdita di peso è migliore”.

Thomas Pieber, MD, Professore di Medicina, Presidente del Dipartimento di Medicina Interna e Presidente della Divisione di Endocrinologia e Diabetologia presso l’Università di Medicina di Graz, Austria, ha discusso del digiuno intermittente.

“Questo è una specie di nuovo concetto: la restrizione a tempo dell’assunzione di cibo o il digiuno intermittente”, ha detto. “Ci sono tre gruppi principali di alimentazione a tempo limitato, poi c’è il digiuno intermittente, e poi c’è anche l’idea che il digiuno prolungato potrebbe essere utile”.

Il dottor Pieber ha detto che l’alimentazione a tempo limitato è generalmente definita da limitazioni nell’assunzione di cibo da quattro a 12 ore tra i pasti. Il digiuno intermittente di solito comporta 24 ore o più di nessun apporto calorico, o una quantità molto bassa, seguita da un periodo di 24 ore di alimentazione ad libitum .

“Tutti questi interventi hanno dimostrato una riduzione del peso corporeo e un migliore controllo glicemico e profilo di rischio cardiovascolare”, ha detto. “Tuttavia, quando si tratta di interventi dietetici basati sul tempo, purtroppo c’è una preoccupante scarsità di dati negli esseri umani da [studi randomizzati controllati] adeguatamente progettati e potenti per valutare gli effetti dei modelli di alimentazione e confrontare concetti diversi. Tuttavia, anche se non sappiamo ancora molto sugli effetti, penso che ci sia un enorme potenziale del digiuno intermittente per combattere l’obesità e le malattie associate in futuro “.

Categorie:ADA2020, Mangiare

Con tag:,