Assistenza sociosanitaria

Vaccini contro le infezioni respiratorie legate a minori decessi per insufficienza cardiaca

Sophia Antipolis, Francia – 28 agosto 2020: Le vaccinazioni contro l’influenza e la polmonite sono associate a un minor numero di decessi ospedalieri nei pazienti con insufficienza cardiaca. Questo è il risultato di uno studio su quasi 3 milioni di americani pubblicato oggi al Congresso ESC 2020.1

Un individuo su cinque svilupperà insufficienza cardiaca nel corso della sua vita. Si stima che in tutto il mondo ne siano affette 26 milioni di persone.2 L’insufficienza cardiaca è una condizione grave in cui il cuore non può pompare il sangue intorno al corpo come dovrebbe. Porta a un accumulo di liquido nei polmoni, causando mancanza di respiro e tosse e influisce sulla qualità della vita delle persone, spesso richiedendo ricoveri urgenti.

Le infezioni respiratorie come l’influenza e la polmonite peggiorano l’insufficienza cardiaca e si raccomandano vaccinazioni annuali.

“La pandemia COVID-19 ha puntato i riflettori sull’importanza della vaccinazione per prevenire le infezioni respiratorie, in particolare per le persone con malattie come l’insufficienza cardiaca”, ha detto l’autore dello studio, il dott. Karthik Gonuguntla dell’Università del Connecticut.

Sebbene sia noto che le vaccinazioni proteggono dalle infezioni respiratorie e che queste infezioni esacerbano l’insufficienza cardiaca, pochi studi hanno confrontato i risultati dei pazienti vaccinati rispetto a quelli non vaccinati. Questo studio ha esaminato se le immunizzazioni avessero qualche legame con il rischio di pazienti con scompenso cardiaco che muoiono mentre erano in ospedale.

Lo studio ha incluso 2.912.137 pazienti con scompenso cardiaco ricoverati in ospedale dal 2010 al 2014. L’età media era di 70 anni. I dati sono stati ottenuti dal National Inpatient Sample (NIS), che copre oltre il 95% della popolazione degli Stati Uniti.

Solo l’1,4% dei pazienti nello studio aveva il vaccino antinfluenzale e l’1,4% aveva il vaccino contro la polmonite. I ricercatori hanno confrontato i tassi di morte in ospedale tra i pazienti con insufficienza cardiaca che hanno ricevuto vaccinazioni contro l’influenza e la polmonite quell’anno e quelli che non l’hanno fatto.

I tassi di mortalità intraospedaliera erano significativamente inferiori nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino antinfluenzale (1,3%) rispetto a quelli che non hanno ricevuto il vaccino antinfluenzale (3,6%). Allo stesso modo, i tassi di mortalità intraospedaliera erano significativamente inferiori nei pazienti inoculati contro la polmonite (1,2%) rispetto a quelli che non erano stati inoculati (3,6%).

Il dottor Gonuguntla ha dichiarato: “Il nostro studio fornisce un ulteriore impulso alle vaccinazioni annuali nei pazienti con insufficienza cardiaca. Nonostante il consiglio di farlo, l’assorbimento rimane basso. Sebbene i database amministrativi di grandi dimensioni come il NIS siano inclini a contenere alcuni errori, i dati indicano che ci sono una certa distanza da percorrere prima di raggiungere la copertura del 100%. “

Ha notato che le reazioni gravi alle vaccinazioni contro l’influenza e la polmonite sono molto rare, si verificano entro poche ore e possono essere trattate efficacemente.

Il dottor Gonuguntla ha dichiarato: “I vaccini contro la polmonite e l’influenza sono vitali per prevenire queste infezioni respiratorie e proteggere i pazienti con insufficienza cardiaca. Sebbene molte persone abbiano rifiutato vaccini comuni e sicuri prima di COVID-19, sono ottimista sul fatto che la pandemia abbia cambiato la percezione del ruolo delle vaccinazioni per salvaguardare la nostra salute “.

Riferimenti e note

1 Titolo astratto: Impatto dei vaccini contro l’influenza e lo pneumococco sulla mortalità intraospedaliera nei pazienti con insufficienza cardiaca: uno studio di coorte retrospettivo negli Stati Uniti.

2 Ponikowski P, Anker SD, AlHabib KF, et al. Insufficienza cardiaca: prevenire malattie e morte in tutto il mondo. ESC insufficienza cardiaca. 2014; 1: 4-25.

Per saperne di più sull’insufficienza cardiaca, visitare il sito Web Heart Failure Matters. Comprese informazioni e suggerimenti pratici su COVID-19 e insufficienza cardiaca.

Informazioni sulla Società europea di cardiologia

La Società Europea di Cardiologia riunisce professionisti sanitari di oltre 150 paesi, che lavorano per far progredire la medicina cardiovascolare e aiutare le persone a condurre una vita più lunga e più sana.