Batticuore

Speranza alle giovani donne dopo un attacco di cuore

Sophia Antipolis, Francia – 30 agosto 2020: Le donne in premenopausa hanno buoni risultati a lungo termine dopo un attacco di cuore, secondo una recente ricerca presentata oggi al Congresso ESC 2020. 1

“Ricerche precedenti hanno dimostrato che le donne hanno maggiori probabilità di morire dopo un attacco di cuore rispetto agli uomini”, ha detto il professor Diego Ardissino, ricercatore principale dell’Ospedale universitario di Parma, Italia. 2 “Il nostro studio dimostra che questo non è vero prima della menopausa, quando le donne sono ancora esposte agli estrogeni, un ormone che protegge dalle malattie cardiache”.

Lo studio genetico italiano sull’infarto miocardico ad esordio precoce ha confrontato i risultati di donne e uomini sotto i 45 anni che hanno avuto un attacco di cuore. Lo studio ha incluso 2.000 pazienti (1.778 uomini e 222 donne) che si sono presentati in ospedale con un attacco di cuore prima dei 45 anni presso 125 unità coronariche italiane tra il 1998 e il 2002. L’endpoint primario era un composito di attacco cardiaco ricorrente, ictus o morte per malattie cardiovascolari.

Durante un follow-up mediano di 20 anni, l’endpoint composito primario si è verificato nel 25,7% delle donne rispetto al 37,0% degli uomini (hazard ratio [HR] 0,69; intervallo di confidenza al 95% [CI] 0,52-0,91? P = 0,01).

Quando i componenti dell’endpoint primario sono stati analizzati separatamente, i ricercatori hanno scoperto che i secondi attacchi di cuore erano meno frequenti nelle donne rispetto agli uomini (14,2% vs. 25,4%? HR 0,53; 95% CI 0,37-0,77? P <0,001). Tuttavia, le donne avevano maggiori probabilità di avere un ictus rispetto agli uomini (7,7% vs 3,7%? HR: 2,02; 95% CI 1,17-3,49? P = 0,012).

Il fumo (46,5% contro 42,8%), il consumo di alcol (65,3% contro 27,4%), i lipidi nel sangue alti (62,3% contro 50,7%) e il diabete (7,8% contro 5,4%) erano più frequenti negli uomini rispetto alle donne (tutti p <0,001).

Il professor Ardissino ha affermato che la prognosi migliore nelle donne in premenopausa rispetto agli uomini era probabilmente correlata a diversi meccanismi alla base degli attacchi di cuore. Le donne avevano più del doppio delle probabilità di avere arterie sane rispetto agli uomini (36,5% contro 15,4%; p <0,001), ma la dissezione dell’arteria coronaria (una lacerazione in un vaso sanguigno che riforniva il cuore) era più frequente nelle donne (5,4% contro 0,7%? P <0,01).

Ha detto: “Negli uomini, gli eventi coronarici erano principalmente dovuti all’ostruzione delle arterie, mentre nelle donne avevano altre cause come la dissezione coronarica che è nota per avere una prognosi più favorevole e un minor rischio di recidiva”.

Al momento della dimissione dall’ospedale, gli uomini avevano maggiori probabilità rispetto alle donne di prescrivere farmaci per la protezione contro un secondo attacco di cuore, inclusi beta-bloccanti, aspirina e inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) o bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB). La probabilità di trattamento con statine era simile negli uomini e nelle donne.

Il professor Ardissino ha dichiarato: “La disparità nella prescrizione potrebbe essere dovuta al minor carico di malattia coronarica riscontrato nelle donne nello studio. Potrebbe anche riguardare la sotto-prescrizione generale di farmaci per le donne rispetto agli uomini osservati in altri studi di eventi cardiaci. ”

Ha concluso: “Contrariamente alla letteratura prevalente, le donne che hanno subito un attacco cardiaco a esordio precoce hanno esiti favorevoli a lungo termine rispetto agli uomini, nonostante siano stati prescritti meno farmaci preventivi”.

Riferimenti e note

1 Titolo astratto: differenze legate al sesso negli esiti a lungo termine dopo un infarto miocardico a esordio precoce

2 Hochman JS, Tamis JE, Thompson TD, et al. Sesso, presentazione clinica ed esito nei pazienti con sindromi coronariche acute. N Engl J Med . 1999; 341: 226-232.

Informazioni sulla Società europea di cardiologia

La Società Europea di Cardiologia riunisce professionisti sanitari di oltre 150 paesi, che lavorano per far progredire la medicina cardiovascolare e aiutare le persone a condurre una vita più lunga e più sana.