Batticuore

Per le persone con pressione sanguigna alta, il telemonitoraggio può ridurre l’infarto e la frequenza degli ictus del 50%

DALLAS, 31 agosto 2020 – Le persone iscritte a un programma di telemonitoraggio guidato da farmacisti per controllare l’ipertensione avevano circa la metà delle probabilità di avere un infarto o un ictus rispetto a coloro che hanno ricevuto cure primarie di routine, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi in Hypertension, una rivista dell’American Heart Association.

I ricercatori, guidati dall’autrice dello studio Karen L. Margolis, MD, MPH, direttore esecutivo della ricerca presso l’HealthPartners Institute di Minneapolis, Minnesota, hanno scoperto che un infarto, ictus, posizionamento di stent o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca si è verificato nel 5,3% del gruppo di telemonitoraggio rispetto al 10,4% del gruppo di cure primarie di routine.

“È stato dimostrato che il monitoraggio della pressione sanguigna a domicilio, collegato alle azioni di trattamento da parte del team sanitario fornito a distanza (supporto telematico) tra le visite ambulatoriali, abbassa la pressione sanguigna più delle cure di routine e ai pazienti piace molto”, ha affermato Margolis. “Inoltre, evitando gravi eventi cardiovascolari in 5 anni, i nostri risultati indicano un significativo risparmio sui costi”. I pazienti hanno riferito che gli piaceva avere il supporto di un professionista di fiducia, feedback rapidi e aggiustamenti al loro trattamento e avere qualcuno di cui essere responsabile.

Margolis riferisce che in 5 anni, i risparmi derivanti dalla riduzione degli eventi di malattie cardiovascolari hanno superato i costi dell’intervento di telemonitoraggio di $ 1.900 per paziente.

“I risultati erano appena al di sotto della significatività statistica”, ha detto Margolis, “il che significa che potrebbero essere stati dovuti al caso. Tuttavia, siamo rimasti sorpresi che le cifre su eventi cardiovascolari gravi indicassero così fortemente un beneficio dell’intervento di telemonitoraggio”, ha detto .

La pressione alta incontrollata è il più grande fattore di rischio modificabile che contribuisce alla morte per tutte le cause. Quasi la metà degli adulti statunitensi ha la pressione alta, definita come uguale o maggiore di 130 mm Hg sistolica (numero superiore) o 80 mm Hg diastolica (numero inferiore). Tuttavia, la maggior parte degli adulti con pressione alta non ha il proprio numero sotto controllo.

450 partecipanti con pressione sanguigna alta incontrollata sono stati arruolati nello studio, condotto in 16 cliniche di assistenza primaria all’interno del sistema HealthPartners in Minnesota. I partecipanti sono stati accecati e randomizzati a due gruppi: 222 pazienti erano nel gruppo di cure primarie di routine e 228 nel gruppo di telemonitoraggio che ha ricevuto anche un anno di cure a distanza gestito da un farmacista. Nel gruppo di telemonitoraggio, i pazienti sono stati in grado di misurare la loro pressione sanguigna a casa e inviarla elettronicamente al farmacista, che ha poi lavorato con loro per apportare modifiche ai farmaci e allo stile di vita nel loro trattamento.

Nelle visite cliniche per tutti i partecipanti, i ricercatori hanno monitorato la pressione sanguigna al momento dell’arruolamento, 6 mesi, 12 mesi, 18 mesi e 5 anni; tenuto traccia di eventuali infarti, ictus, stent coronarici, ricoveri per insufficienza cardiaca e decessi correlati al cuore che si sono verificati; e hanno contato tutti i costi delle cure relative alla pressione sanguigna e degli eventi cardiovascolari.

Hanno trovato:

Nel gruppo di telemonitoraggio, ci sono stati 15 eventi cardiovascolari gravi (5 attacchi cardiaci non fatali, 4 ictus non fatali, 5 ricoveri per insufficienza cardiaca, 1 morte CV) tra 10 pazienti. Questo gruppo aveva anche 2 posizionamenti di stent, per un tasso totale di eventi del 5,3%.

Nel gruppo di cure primarie di routine, ci sono stati 26 eventi cardiovascolari gravi (11 attacchi di cuore non fatali, 12 ictus non fatali, 3 ricoveri per insufficienza cardiaca) tra 19 pazienti. Avevano anche 10 posizionamenti di stent, rendendo il tasso di eventi totale del 10,4%.

Sulla base di questi risultati, “l’adozione diffusa del modello di telemonitoraggio potrebbe aiutare gli adulti statunitensi con ipertensione arteriosa incontrollata a evitare gravi eventi cardiovascolari e ridurre i costi sanitari”, secondo Margolis e colleghi. Raccomandano studi futuri per capire come aumentare il numero di pazienti impegnati nel monitoraggio della pressione sanguigna a domicilio per molti anni e per misurare i fattori di rischio cardiovascolare e gli eventi cardiovascolari in quel periodo prolungato.

I limiti dello studio sono le sue dimensioni relativamente ridotte, ed era presso le cliniche di cure primarie urbane e suburbane di un unico gruppo medico, che potrebbero non rappresentare la diversità dei pazienti che ricevono cure in altri contesti in tutto il paese.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.