Ricerca

La ricerca sanitaria africana ha bisogno di sostegno: ecco un programma che funziona

I paesi africani sopportano un fardello sproporzionato di malattie infettive e non trasmissibili. Più di due terzi delle persone che convivono con l’HIV si trovano nell’Africa subsahariana. Si stima che oltre l’85% dei decessi dovuti a malattie non trasmissibili avvenga nei paesi a basso e medio reddito.

Per aiutare a risolvere questi problemi di salute, le istituzioni accademiche necessitano di una maggiore capacità di ricerca.

Ma il continente continua a rimanere indietro rispetto ad altre regioni nella produzione di ricerca. Meno dell’1% della ricerca mondiale viene prodotta in Africa.

L’investimento nella capacità di fare ricerca sulla salute non è ancora adeguato. Ma questo sta gradualmente cambiando. Un esempio è l’ African Institutions Initiative , un consorzio panafricano che cerca di sviluppare la capacità istituzionale per la ricerca. Altri investimenti sono stati effettuati tramite il programma DELTAS Africa . Il programma mira a produrre ricercatori che possano pubblicare e condurre ricerche rilevanti a livello locale per avere un impatto sulla scienza, la politica e la pratica della salute. Un altro esempio è il consorzio Human Heredity and Health in Africa (H3Africa) , che consente ai ricercatori africani di essere competitivi nella scienza genomica.

Questi investimenti dovrebbero aiutare le autorità sanitarie a monitorare la salute della popolazione, pianificare, allocare risorse, innovare e affrontare minacce come le epidemie.

In questo articolo esaminiamo uno di questi investimenti e il suo contributo all’agenda di ricerca sanitaria della popolazione africana.

Abbiamo fatto una valutazione del Consortium for Advanced Research Training in Africa ( CARTA ). I nostri risultati suggeriscono che CARTA ha successo nella costruzione di capacità di alto livello per la ricerca relativa alla salute pubblica e della popolazione in Africa. Sta dando un contributo alla nascita di una vivace accademia africana in grado di guidare la ricerca multidisciplinare di livello mondiale che ha un impatto positivo sulla salute.

Sviluppo delle capacità

CARTA è stato lanciato nel 2008. L’obiettivo è sviluppare la capacità di ricerca sanitaria sostenibile nel continente formando dottorandi in sanità pubblica e della popolazione e promuovendo ambienti favorevoli alla ricerca.

Hanno preso parte al programma più di 290 borsisti di sette paesi. I borsisti ammessi dal consorzio hanno prodotto oltre 800 articoli accademici sottoposti a revisione paritaria. Le loro aree tematiche hanno incluso malattie infettive, salute materna e infantile, salute sessuale e riproduttiva e altri argomenti di importanza per la salute pubblica e della popolazione.

Queste aree di ricerca sono in linea con il peso delle malattie e delle sfide del sistema sanitario nella regione. Un’analisi dei risultati dei borsisti CARTA mette anche in luce lo stato e la capacità di ricerca sulla salute pubblica e della popolazione nei paesi africani.

 

La nostra analisi ha anche evidenziato le lacune della ricerca e ha formulato raccomandazioni per la ricerca futura.

La ricerca sulle malattie non trasmissibili è stata meno ampia rispetto al numero di studi condotti su TB e HIV. Ciò nonostante l’aumento del numero di malattie non trasmissibili registrato nei paesi africani. Considerando l’elevato carico di malattie tropicali trascurate nell’Africa subsahariana, c’erano anche pochissimi documenti in questo settore.

La stessa tendenza è stata osservata nelle malattie infettive come l’epatite B e C, nonostante il peso sostanziale di queste malattie. Solo pochi ricercatori hanno studiato violenza e lesioni. Non c’erano studi sulla salute mentale e sull’abuso di sostanze tra bambini e adolescenti, nonostante la loro correlazione e il loro carico.

Il numero crescente di articoli pubblicati dai borsisti CARTA contribuisce a migliorare i risultati della ricerca sanitaria degli istituti accademici e di ricerca africani. Tale ricerca focalizzata sul contesto potrebbe fornire adeguate informazioni basate sull’evidenza per guidare le politiche e le decisioni volte ad affrontare gli attuali oneri di malattia e le future epidemie in Africa.

La strada davanti

I paesi con una bassa produzione di ricerca devono continuare a sviluppare capacità. Questo può essere fatto formando più dottori di ricerca e creando ambienti che consentano la ricerca.

I governi africani dovrebbero sostenere le iniziative di rafforzamento delle capacità dando priorità al finanziamento della ricerca e tenendo conto delle esigenze dei giovani ricercatori. Questi investimenti possono portare a innovazioni che possono aiutare a risolvere i problemi di salute pubblica. Tali sforzi dovrebbero prendere in considerazione il costo diretto di tali iniziative e il significativo contributo in natura delle istituzioni e dei governi africani .

Devono essere effettuati audit di routine della portata degli argomenti di ricerca perseguiti dagli scienziati per garantire che vengano esplorati argomenti trascurati di importanza per lo sviluppo.

Le attività di rafforzamento delle capacità da parte degli attori attuali dovrebbero includere lo sviluppo di competenze per la traduzione della conoscenza. Ciò contribuirà a promuovere la diffusione e l’uso appropriati delle prove emergenti per risolvere le persistenti sfide della popolazione e della salute.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Categorie:Ricerca

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.