Diritti e rovesci

Contratto della sanità privata, AIOP: “Il rinnovo del contratto dei lavoratori della componente di diritto privato del SSN è una priorità per AIOP. Confidiamo che le Regioni rispettino gli impegni assunti”

Roma, 3 settembre 2020 – “Stiamo lavorando assiduamente da mesi alla definizione del contratto del comparto dei dipendenti non medici della componente di diritto privato del SSN: alcune Regioni hanno già deliberato, in tal senso, e altre sono in procinto di farlo. Una volta ancora, facciamo appello al Presidente della Conferenza, affinché, gli impegni assunti possano essere trasposti in atti concreti in tutte le Regioni, consentendoci di definire gli accordi con quelle delegazioni regionali che, ancora, nonostante i grandi sforzi compiuti da Istituzioni, OO.SS. e parti datoriali non sono riuscite a fare sintesi su un tema che investe migliaia di lavoratori e lavoratrici”. Lo dichiara Barbara Cittadini, Presidente Nazionale AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata), intervenendo nel dibattito sul rinnovo del CCNL dei lavoratori della sanità privata.

Come ribadito più volte – prosegue la Presidente Cittadini – riteniamo fondamentale che le Regioni, mantenendo gli impegni assunti con le parti sociali e seguendo l’indirizzo indicato dal Ministro della Salute Speranza e dal Presidente Bonaccini, si facciano carico del 50% dei costi del rinnovo contrattuale, intervenendo, contestualmente, sui budget e sulle tariffe, o comunque, con altre modalità concordate con le Sedi regionali, che garantiscano un 50% di compartecipazione, che corrisponda a soldi reali e non solo al budget, fermo dal 2009 in tutte le regioni e, in quelle in piano di rientro anche da più tempo, e che prevede costi relativi correlati.

Auspichiamo, inoltre, che anche le OO.SS. possano rivolgere un invito al Presidente Bonaccini, che ha più volte dimostrato il proprio impegno sul tema del rinnovo, a continuare in tal senso, in virtù del suo ruolo di Presidente della Conferenza, nella sua opera di moral suasion finalizzata a far sì che le Regioni che, ancora mancano all’appello, rispettino gli impegni assunti e che operino nello stesso modo nelle Regioni che non hanno “ancora” adottato le delibere concordate”.

Siamo certi – conclude la Presidente AIOP – che la UIL, in occasione dell’evento ‘Un patto per il Rilancio del Paese’, dalla stessa organizzato, che si terrà a Cesenatico il 4 settembre e che vedrà la partecipazione del Presidente Bonaccini, si faccia portatrice di queste istanze, rinnovando questo appello al Presidente nell’interesse di tutte le parti sociali”.