Assistenza sociosanitaria

I dati di fatturazione dei medici rivelano un notevole divario retributivo di genere

Un’analisi dell’Ontario Medical Association (OMA) ha rilevato un divario retributivo inspiegabile del 15,6% tra medici maschi e femmine.

L’analisi, basata sulle fatture dei medici all’Ontario Health Insurance Plan, ha tenuto conto di anni di pratica, specialità, giornate lavorate e altri fattori per fare un confronto “male-female”.

Il divario retributivo era maggiore nella medicina di famiglia, al 19%, e minore nelle specialità chirurgiche, a circa il 10%. Le disparità di genere nella fatturazione erano anche più pronunciate nelle aree semiurbane che nelle aree urbane e rurali e tra i medici che lavoravano con piani di pagamento a pagamento rispetto a quelli alternativi.

Secondo il rapporto, ci sono molte possibili ragioni per queste disparità, tra cui pregiudizi nei modelli di pagamento e piani tariffari e discriminazione nei rinvii e nelle opportunità di carriera.

“Molto può essere spiegato dalla quantità di tempo che le donne mediche trascorrono con i loro pazienti “, ha detto il presidente dell’OMA, la dottoressa Samantha Hill. I modelli di pagamento che premiano vedere più pazienti in meno tempo tendono a svantaggiare le dottoresse e possono ridurre il tipo di assistenza che i canadesi vogliono, ha detto Hill. “Se parli con i pazienti, sentiamo che i pazienti vogliono trascorrere più tempo con i loro medici”.

Hill ha osservato che le dottoresse potrebbero trascorrere più tempo con i pazienti per motivi indipendenti dalla loro volontà. Ad esempio, gli studi dimostrano che i pazienti si sentono più a loro agio nel porre domande alle dottoresse rispetto ai maschi.

Nel frattempo, è più probabile che i medici indirizzino i pazienti che richiedono un maggiore investimento di tempo a colleghe. Hill e altre chirurghi donne del St. Michael’s Hospital di Toronto hanno notato che tendono a ricevere più “casi leggeri” per conversare con i pazienti rispetto ai loro coetanei maschi, che ricevono più richieste per eseguire procedure che pagano molto meglio.

Secondo il dottor Clover Hemans, co-presidente del comitato per le donne di OMA , “sia in termini di personale che di aspettative dei pazienti, i pazienti vengono da noi perché vedono [noi] come più nutrienti”.

Le dottoresse tendono a vedere una percentuale maggiore di pazienti di sesso femminile, che tendono a cercare cure più spesso dei pazienti di sesso maschile, ha detto Hemans. Per i medici pagati in base al numero di pazienti che arruolano nella loro pratica, quelli con una percentuale più alta di pazienti di sesso femminile spesso non possono assumere tutte le persone in generale.

Gli orari delle commissioni sottovalutano anche i servizi prevalentemente per le donne, ha detto Hemans. Ad esempio, i medici ricevono un premio per i pazienti con malattie cardiache o diabete, che sono più comuni negli uomini, ma non per i pazienti con ansia, che è più comune nelle donne.

Alcune disparità tariffarie sono più evidenti; Hemans e Hill hanno notato che drenare un ascesso vulvare paga circa la metà del drenaggio di un ascesso scrotale, nonostante le procedure che comportano complessità simile.

La dottoressa Sharon Bal, co-presidente del comitato per le donne di OMA, ha affermato che il divario retributivo di genere in medicina è probabilmente maggiore di quanto suggeriscono i dati. La loro analisi non ha tenuto conto della retribuzione aggiuntiva da posizioni di leadership, dove gli uomini sono sovrarappresentati, e ha preso in considerazione solo le fatture, non la paga da portare a casa. Quando le donne prendono il congedo parentale , possono ancora ricevere pagamenti di capitation (accordo di pagamento per i fornitori di servizi sanitari. Paga un importo prestabilito per ogni persona iscritta e a loro assegnata, per periodo di tempo, indipendentemente dal fatto che quella persona cerchi o meno assistenza), ma quel denaro paga per la loro sostituzione e le spese generali, ha detto Bal.

Il rapporto chiede all’OMA di sostenere la riforma dei programmi di pagamento, maggiori opportunità di leadership e tutoraggio per le donne, migliori benefici parentali e una campagna per migliorare l’equità salariale all’interno di ospedali e scuole di medicina. Inoltre, Hill ha detto che la professione dovrebbe prendere in considerazione l’idea di “abbandonare completamente un modello a pagamento”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.