Complicanze varie/eventuali

Infiammazione della tiroide legata a disturbi d’ansia

Male anatomy of human organs in x-ray view

I pazienti con infiammazione autoimmune della tiroide possono essere maggiormente a rischio di sviluppare ansia, secondo uno studio presentato all’e-ECE 2020 meeting online degli endocrinologi europei in svolgimento dal 5 al 9 settembre 2020. Lo studio ha scoperto che le persone con ansia possono anche avere un’infiammazione nella ghiandola tiroidea che può essere ridotta assumendo il antinfiammatorio non steroideo, ibuprofene. Questi risultati suggeriscono che la funzione tiroidea può svolgere un ruolo importante nello sviluppo di disturbi d’ansia e che l’infiammazione della tiroide dovrebbe essere studiata come fattore sottostante nei disturbi psichiatrici, come l’ansia.

Attualmente, fino al 35% della popolazione giovane (25-60 anni) nei paesi sviluppati ha un disturbo d’ansia. L’ansia può avere un grave impatto sulla qualità della vita delle persone e sulla capacità di lavorare e socializzare, e i farmaci anti-ansia non hanno sempre un effetto duraturo. Gli attuali esami per i disturbi d’ansia di solito si concentrano sulla disfunzione del sistema nervoso e non tengono conto del ruolo del sistema endocrino.

La ghiandola tiroidea produce gli ormoni tiroxina (T4) e triiodotironina (T3) che sono essenziali per regolare la funzione cardiaca, muscolare e digestiva, lo sviluppo del cervello e il mantenimento delle ossa. L’infiammazione autoimmune nella tiroide si verifica quando il nostro corpo produce erroneamente anticorpi che attaccano la ghiandola e causano danni. Studi recenti indicano che i disturbi d’ansia possono essere associati alla disfunzione della ghiandola tiroidea. Pertanto, è importante capire come ciò possa contribuire all’ansia, in modo che i pazienti possano essere trattati in modo più efficace.

La dottoressa Juliya Onofriichuk del Kyiv City Clinical Hospital ha studiato la funzione tiroidea in 29 uomini (età media 33,9 anni) e 27 donne (età media 31,7 anni) con diagnosi di ansia, che stavano vivendo attacchi di panico. Gli ultrasuoni delle loro ghiandole tiroidee hanno valutato la funzione tiroidea e sono stati misurati i livelli degli ormoni tiroidei. I pazienti con ansia hanno mostrato segni di infiammazione delle loro ghiandole tiroidee ma la loro funzione non è stata influenzata, con livelli di ormone tiroideo tutti entro il range normale, anche se leggermente elevati. Sono anche risultati positivi agli anticorpi diretti contro la tiroide. Il trattamento per 14 giorni con ibuprofene e tiroxina ha ridotto l’infiammazione della tiroide, normalizzato i livelli di ormone tiroideo e ridotto i loro punteggi di ansia.

“Questi risultati indicano che il sistema endocrino può svolgere un ruolo importante nell’ansia. I medici dovrebbero anche considerare la ghiandola tiroidea e il resto del sistema endocrino, così come il sistema nervoso, quando esaminano i pazienti con ansia”, spiega il dott. Onofriichuk.

Questa conoscenza potrebbe aiutare i pazienti con ansia a ricevere un trattamento più efficace che migliora la funzione tiroidea e potrebbe avere un effetto positivo a lungo termine sulla loro salute mentale. Tuttavia, in questo studio non sono stati presi in considerazione gli ormoni sessuali e delle ghiandole surrenali e questi possono anche avere un effetto grave sull’ansia.

La dottoresa Onofriichuk prevede ora di condurre ulteriori ricerche che esaminino i livelli di ormoni tiroidei, sessuali e surrenali (cortisolo, progesterone, prolattina, estrogeni e testosterone) in pazienti con ghiandole tiroidee disfunzionali e disturbi d’ansia. Questa ricerca si propone di aiutare a comprendere più chiaramente il ruolo del sistema endocrino nello sviluppo dell’ansia e potrebbe portare a una migliore gestione dei disturbi d’ansia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.