Donne e diabete

Il diabete gestazionale può accelerare l’età biologica del bambino

Lo studio, pubblicato sulla rivista Epigenetics, ha esplorato come più di 1.000 bambini nati da madri in Cina invecchino a livello cellulare. I ricercatori hanno esaminato la loro esposizione al diabete gestazionale in utero e la loro metilazione del DNA, o età epigenetica, che indica come le esperienze e le esposizioni riflettono la vera età biologica anche nella prima infanzia.

È stato dimostrato che l’invecchiamento accelerato, che può essere determinato valutando se l’età stimata di metilazione del DNA di una persona è maggiore della sua età cronologica, è associata a rischi cardiovascolari e cattive condizioni di salute più avanti nella vita.

I ricercatori hanno misurato l’età epigenetica di 1.156 bambini di età compresa tra 3 e 10 a Tianjin, in Cina, per vedere come differiva dalla loro età cronologica. Hanno scoperto che i bambini nati da madri che avevano il diabete durante la gravidanza avevano un’età epigenetica più alta – o erano “più grandi” della loro età effettiva – e che questa età epigenetica è associata a peso, indice di massa corporea, percentuale di grasso corporeo superiore -circonferenza del braccio e pressione sanguigna.

“Questi risultati suggeriscono che il diabete gestazionale può avere effetti a lungo termine sull’invecchiamento epigenetico nella prole e portare a esiti di salute cardiometabolica più poveri”, ha detto l’autore principale Stephanie Shiau, istruttore presso la Rutgers School of Public Health.

I risultati supportano la necessità di ulteriori studi utilizzando campioni longitudinali per valutare l’associazione tra età epigenetica e successiva insorgenza di malattie metaboliche negli adulti.

Negli Stati Uniti, tra il 2% e il 10% delle gravidanze sono colpite dalla condizione ogni anno, secondo il National Institutes of Health.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.