Complicanze varie/eventuali

Eventi avversi cutanei in uno studio controllato randomizzato di monitoraggio del glucosio mediante il Libre tra i giovani con diabete mellito di tipo 1

La letteratura riguardante gli eventi avversi cutanei (AE) associati al monitoraggio del glucosio istantaneo (FGM) è limitata e i casi manifesti di tali condizioni si stanno sempre di più estendendo come criticità tra la popolazione diabetica di tipo 1, ad arricchire il panorama delle ricerche questa volta è toccato a una squadra di medici coordinata dal Dipartimento di pediatria e salute dei bambini, Università di Otago, Wellington, Nuova Zelanda.

Questo lavoro è stato compiuto tra i giovani che hanno partecipato a uno studio randomizzato controllato (RCT) di sei mesi volto a confrontare gli eventi avversi cutanei (EA) tra l’uso di FGM e il glucosio nel sangue auto-monitorato (SMBG) e valutare la perdita prematura del sensore di FGM.

I pazienti di età compresa tra 13 e 20 anni con diabete di tipo 1 sono stati randomizzati all’intervento (FGM e cure usuali) o al controllo (SMBG e cure usuali). I partecipanti si sono auto-segnalati eventi avversi cutanei elettronicamente ogni 14 giorni. I rapporti sono stati analizzati per determinare la frequenza, il tipo e la gravità degli eventi avversi cutanei e valutare la perdita prematura del sensore.

Sono stati reclutati sessantaquattro partecipanti; 33 randomizzati a FGM e 31 a controllo. In totale, sono stati segnalati 80 eventi avversi cutanei (40 in ciascun gruppo), tuttavia la percentuale di partecipanti che hanno manifestato eventi avversi cutanei era maggiore nel gruppo FGM rispetto al controllo (58% e 23% rispettivamente, P = 0,004). I partecipanti alla FGM hanno riportato più frequentemente l’eritema (50% degli EA), mentre i controlli hanno riportato più comunemente l’indurimento della pelle (60% degli EA). Per le utilizzatrici di MGF, l’80,0% degli eventi avversi cutanei era lieve, il 17,5% moderato e il 2,5% grave. Tra i controlli, l’82,5% degli eventi avversi cutanei era lieve e il 17,5% moderato. Un partecipante ha smesso di usare MGF a causa di eventi avversi cutanei ricorrenti. Inoltre, in 6 mesi, l’82% dei partecipanti alla MGF ha sperimentato almeno una perdita prematura del sensore, in gran parte non correlata a un AE cutaneo.

Conclusioni: gli eventi avversi cutanei associati alla FGM sono comuni e per lo più classificati come lievi. Tuttavia, la maggior parte delle utilizzatrici ha continuato la FGM nonostante gli eventi avversi cutanei. La consapevolezza delle complicanze cutanee e le misure di mitigazione possono ridurre gli eventi avversi cutanei e migliorare l’esperienza complessiva della FGM.

Pubblicato il 16 settembre 2020 in Pediatric diabetes

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.