Compliance

Dare un senso al diabete

Laurel Despins

Le esperienze di testimoni oculari influenzano l’autogestione dei diabetici di tipo 2 dei livelli di zucchero nel sangue

Durante i suoi 38 anni di carriera infermieristica, Laurel Despins è passata da infermiera al capezzale a infermiera specialistica clinica e ha lavorato in unità di terapia intensiva medica, chirurgica e cardiaca. Ha notato che il diabete è raramente indicato come causa primaria di morte in sé, ma la malattia è uno dei principali fattori di morte che coinvolgono malattie cardiache, ictus e cancro.

“Oltre ad essere un fattore di morte per cause cardiovascolari, il diabete può portare a una serie di esiti negativi sulla salute, come insufficienza renale, artrite, problemi ai nervi, problemi agli occhi e ulcere alle gambe che possono essere infettate”, ha detto Despins, ora assistente professore e ricercatore presso la MU Sinclair School of Nursing. “Pertanto, la creazione di un piano per evitare che i livelli di glucosio nel sangue diventino troppo alti o troppo bassi aiuterà le persone con diabete a gestire meglio la malattia ed evitare quelle complicazioni negative per la salute lungo la strada”.

Per aiutare gli adulti con diabete a gestire meglio i loro livelli di zucchero nel sangue, Despins ha intervistato le persone con diagnosi di diabete di tipo 2 sulla loro comprensione della malattia e sul loro approccio all’autogestione. Ha scoperto come coloro i quali avevano avuto precedenti esperienze di vita guardando un parente o un vicino di casa gestire il diabete influenzava il modo in cui consideravano la gestione del diabete.

“Ad esempio, un soggetto è cresciuto guardando sua nonna che le iniettava continuamente aghi di insulina nella coscia come se non fosse un grosso problema, quindi naturalmente quella persona non ha considerato il diabete come qualcosa di cui essere eccessivamente preoccupati”, ha detto Despins. “D’altra parte, un altro soggetto ha visto il suo vicino con ulcere alle gambe diabetiche e giurato che non avrebbe mai voluto che gli succedesse, quindi era molto attento a monitorare i suoi livelli di zucchero nel sangue”.

Poiché non esiste un approccio unico per la gestione del diabete, Despins afferma che gli operatori sanitari devono comprendere meglio le condizioni di vita dei loro pazienti diabetici, comprese le loro risorse finanziarie.

“Le persone con un reddito fisso potrebbero non essere in grado di acquistare regolarmente prodotti freschi al posto della pasta, il che può influire sui livelli di glucosio nel sangue”, ha detto Despins. “Date le difficili circostanze in cui vivono alcune persone con diabete, gli operatori sanitari devono fare una valutazione di quali risorse hanno a disposizione i pazienti con diabete in modo da ottimizzare ciò che possono fare”.

Per servire meglio i pazienti con diabete, Despins raccomanda che quando gli operatori sanitari raccolgono dati quantitativi iniziali dai pazienti come peso, altezza ed età, dovrebbero anche porre ulteriori domande qualitative per ottenere una migliore comprensione della conoscenza dei pazienti della malattia.

“Facendo domande come” Cosa sai attualmente del diabete? “,” Conosci qualcuno con il diabete? ” e “Come pensi che abbiano fatto nell’autogestione e questo influenza il modo in cui vedi il tuo piano di autogestione?” aiuterà il fornitore di assistenza sanitaria a comprendere meglio le esperienze di vita del paziente “, ha detto Despins. “Il mio obiettivo generale è aiutare le persone con diabete a ottimizzare meglio la loro autogestione, il che migliorerà i loro risultati di salute evitando complicazioni negative a lungo termine”.