EASD 2020

#EASD2020 Lo screening dei campioni di sangue della UK Biobank identifica migliaia di casi non diagnosticati di diabete di tipo 2

Uno studio su circa 200.000 campioni di sangue della Biobank del Regno Unito ha identificato più di 2.000 casi non diagnosticati di diabete di tipo 2. Lo studio, presentato quest’anno all’incontro annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), mostra anche che, poiché i dati della biobanca britannica non vengono riportati ai partecipanti, i pazienti che hanno riscontrato un diabete non diagnosticato avevano aspettato in media più di due anni per una diagnosi clinica, e circa un quarto è rimasto non diagnosticato cinque anni dopo.

Lo studio, della dott.ssa Katherine Young e dei colleghi dell’Università di Exeter e del Royal Devon and Exeter NHS Foundation Trust, Regno Unito, ha utilizzato un test per monitorare il controllo della glicemia e diagnosticare il diabete, noto come HbA1c, o emoglobina “glicata”. Nel Regno Unito, il diabete di tipo 2 viene diagnosticato prevalentemente attraverso il test HbA1c.

Il dottor Young ha affermato: “Poiché le persone possono avere il diabete di tipo 2 per molti anni senza sintomi, la diagnosi può essere ritardata, aumentando il rischio di complicanze. Il nostro studio mostra che lo screening a livello di popolazione potrebbe identificare i casi di diabete di tipo 2 molto prima e potenzialmente ridurre le complicanze. .”

Il UK Biobank è una coorte di circa mezzo milione di partecipanti di età compresa tra 40 e 70 anni al momento del reclutamento, con cartelle di cure primarie (codici clinici e dati di prescrizione) disponibili per quasi la metà dei partecipanti. Nella biobanca del Regno Unito, tutti i partecipanti sono stati effettivamente sottoposti a screening per il diabete, poiché i loro livelli di HbA1c sono stati misurati nei campioni di sangue raccolti da loro al momento del reclutamento, ma i risultati non sono stati riportati a loro o ai loro professionisti sanitari. Questo è perfettamente normale, dal momento che i volontari che acconsentono a prendere parte al progetto UK Biobank acconsentono a non ricevere feedback sui risultati.

Gli autori hanno analizzato quante altre persone con diabete possono essere identificate mediante lo screening della popolazione utilizzando HbA1c e quanto lo screening ridurrebbe il tempo per ricevere una diagnosi di diabete rispetto agli approcci attuali.

Gli autori hanno definito i partecipanti senza una diagnosi di diabete al momento del reclutamento come coloro che: a) non si sono auto-segnalati il ??diabete; e b) non avevano indicazioni di diabete nelle proprie cartelle cliniche prima del reclutamento (codici clinici per il diabete, misurazioni di HbA1c di 48 mmol / mol o superiori o prescrizioni per farmaci ipoglicemizzanti).

Il diabete non diagnosticato è stato definito come quelli con una misurazione HbA1c della biobanca britannica di 48 mmol / mol o superiore. Per i partecipanti con diabete non diagnosticato, gli autori hanno quindi cercato il tempo necessario per ricevere effettivamente una diagnosi clinica nelle loro cartelle di assistenza primaria, definita come la prima occorrenza di uno qualsiasi di: un codice di diagnosi per il diabete, HbA1c di 48 mmol / mol o superiore o una prescrizione per farmaci ipoglicemizzanti.

Dei 201.465 partecipanti alla biobanca del Regno Unito con cartelle cliniche disponibili e un HbA1c misurato al momento del reclutamento e nessuna diagnosi precedente di diabete, 2.022 (1,0%) avevano diabete non diagnosticato allo screening con HbA1c.

Gli individui con diabete non diagnosticato allo screening erano più anziani (61 vs 58 anni), più probabilità di avere l’obesità (BMI 31,0 vs 26,6) e più frequentemente maschi (60% vs 45%) rispetto a quelli senza diabete. I modelli statistici hanno mostrato che questi partecipanti hanno impiegato in media 2,3 anni dopo il reclutamento della Biobanca britannica per essere diagnosticati con il diabete e che il 23% non era ancora stato diagnosticato a cinque anni di follow-up.

Il dottor Young conclude:  Abbiamo identificato che lo screening per HbA1c avrebbe identificato un ulteriore 1,0% di una popolazione di età compresa tra 40 e 70 anni come affetto da diabete non diagnosticato. Questa diagnosi di screening sarebbe stata di circa due anni prima che fosse fatta una diagnosi clinica. Il 23% aveva non ha ancora ricevuto una diagnosi a cinque anni. L’identificazione di questi pazienti per i quali sono disponibili i registri delle cure primarie in UK Biobank ci offre un’opportunità unica per studiare l’impatto di questo ritardo sul rischio di sviluppare complicazioni in futuro “.

Aggiunge: “Sebbene i risultati preliminari suggeriscano che i ritardi nel ricevere una diagnosi per coloro con diabete non diagnosticato non hanno avuto un impatto significativo sulle complicanze legate al diabete in questo gruppo di persone, sono necessarie ulteriori ricerche per accertare se lo screening per il diabete in questa fascia di età ridurrebbe il diabete complicazioni correlate.”

La ricerca è finanziata dal Premio Eccellenza diabete della Novo Nordisk Foundation

Dichiarazione di conflitto di interessi:   gli autori non dichiarano conflitti di interesse in relazione a questo studio

Categorie:EASD 2020

Con tag:,