EASD 2020

#EASD2020 i bagni caldi regolari sono associati al miglioramento di vari fattori di rischio per il diabete di tipo 2

Una nuova ricerca presentata quest’anno all’incontro annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), tenutosi online, suggerisce che una regolare esposizione al calore attraverso un bagno caldo è associata a un effetto benefico sui fattori di rischio per il diabete di tipo 2, incluso la emoglobina glicata | (HbA1c), una misura del controllo della glicemia. Lo studio è del dottor Hisayuki Katsuyama, Kohnodai Hospital, Ichikawa, Chiba, Giappone e colleghi.

Studi precedenti hanno suggerito che la terapia del calore, come l’uso di saune e bagni in vasca idromassaggio, migliora il controllo della glicemia e la percentuale di grasso corporeo, e quindi potrebbe essere uno strumento terapeutico nella vita quotidiana dei pazienti con diabete di tipo 2 (T2D). Tuttavia, fino ad oggi non sono stati condotti studi su un gran numero di pazienti che abbiano esaminato gli effetti del bagno nella vasca idromassaggio sui parametri metabolici in pazienti con T2D in un contesto reale.

In Giappone, la maggior parte delle residenze è dotata di un bagno / vasca idromassaggio e fare il bagno è un’abitudine di vita tradizionale e comune. Pertanto, gli autori hanno studiato l’effetto del bagno nei pazienti giapponesi con T2D.

Hanno ottenuto le informazioni sulle abitudini di balneazione utilizzando un questionario di 1.297 pazienti con diabete di tipo 2, che hanno visitato regolarmente l’ambulatorio del Kohnodai Hospital tra ottobre 2018 e marzo 2019, e hanno studiato l’associazione della frequenza dei bagni con misurazioni antropometriche e sangue risultati del test. I pazienti sono stati divisi in tre gruppi in base alla frequenza del bagno come segue; gruppo 1: 4 o più bagni a settimana; gruppo 2: da 1 a 4 bagni a settimana; gruppo 3: meno di 1 bagno a settimana.

Dopo varie analisi statistiche, i dati hanno mostrato che la frequenza media del bagno era di 4,2 volte a settimana e la durata media del bagno era di 16 minuti. Diminuzione del peso corporeo, indice di massa corporea (BMI), circonferenza della vita, pressione sanguigna diastolica ed emoglobina glicata sono stati associati ad una maggiore frequenza del bagno (vedi tabella in astratto).

Ulteriori analisi statistiche hanno identificato la frequenza del bagno come un determinante significativo dell’emoglobina glicata dopo l’aggiustamento per età, sesso, BMI, uso di insulina e numero di farmaci per il diabete orali, con differenze significative tra i gruppi. Il gruppo 1 (con il bagno più elevato) aveva una HbA1c media del 7,10%, il gruppo 2 7,20% e il gruppo 3 7,36%.

La frequenza del bagno nella vasca idromassaggio era anche un determinante indipendente del BMI dopo aver regolato sesso ed età, con il gruppo 1 che aveva il BMI medio più basso (25,5 kg / m 2 ) seguito dal gruppo 2 (26,0) e dal gruppo 3 (26,7). Le riduzioni della pressione diastolica sono state anche associate ad un aumento della frequenza del bagno dopo l’aggiustamento per età, sesso e numero di farmaci per la pressione sanguigna.

Gli autori concludono: “I nostri risultati indicano che l’esposizione quotidiana al calore attraverso il bagno nella vasca idromassaggio ha influenze benefiche sui fattori di rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete di tipo 2”.

Dichiarazione di conflitto di interessi:   Gli autori non dichiarano conflitti di interesse in relazione a questo studio

Categorie:EASD 2020

Con tag:,