EASD 2020

#EASD2020 Lo studio evidenzia che il controllo della glicemia è migliorato tra i diabetici di tipo 1 che hanno smesso di lavorare durante il lockdown

Una nuova ricerca presentata all’incontro annuale di quest’anno dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) mostra che tra le persone con diabete di tipo 1 che hanno smesso di lavorare nel blocco COVID-19, i livelli di zucchero nel sangue sono migliorati durante la prima settimana di blocco nonostante minori opportunità di esercizio e aumento dello stress psicologico. Lo studio è stato condotto dal dott. Federico Boscari e colleghi del Dipartimento di Medicina, Università di Padova, Italia.

 

Durante il blocco, le cliniche ambulatoriali sono state chiuse, mentre gli ospedali hanno lavorato per trattare migliaia di pazienti infetti da SARS-CoV-2. Di conseguenza, la combinazione del virus e le misure imposte per controllarlo non solo ha causato morbilità e mortalità tra i pazienti infetti, ma ha anche imposto un pesante fardello alla salute della società e della popolazione. Si prevede che l’impatto di questo sarà maggiore tra le persone con malattie croniche come il diabete, a causa di cliniche e servizi ambulatoriali ridimensionati o chiusi del tutto.

 

I dispositivi di monitoraggio del glucosio flash (FGM), ampiamente utilizzati da individui con T1D, hanno consentito agli operatori sanitari (HCP) di mantenere l’interazione con i loro pazienti durante il blocco, fornendo dati sul livello di glucosio nel sangue in tempo reale alla clinica.

 

Il team ha utilizzato i dati di 33 soggetti con T1D che sono stati selezionati utilizzando i seguenti criteri: hanno frequentato l’ambulatorio per il diabete dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova; vissuto nella zona; aveva utilizzato il sistema FGM FreeStyle Libre (Abbott Diabetes Care, Roma, Italia) per monitorare i propri livelli di glucosio per almeno 3 mesi; condividevano i dati del sensore con la clinica e avevano restituito> 90% delle letture.

 

I periodi di tempo su cui si è basato lo studio sono stati definiti come segue: i 3 mesi prima dell’inizio delle misure per il controllo dell’epidemia; la settimana immediatamente precedente all’introduzione dei controlli; i 14 giorni tra l’inizio delle restrizioni e il blocco totale e la prima settimana di blocco in cui è stato chiesto a tutti, a parte i lavoratori essenziali, di “rimanere a casa”.

 

I pazienti sono stati divisi in 2 gruppi in base al fatto che smettessero di lavorare durante il blocco o continuassero a lavorare perché erano classificati come lavoratori essenziali (come quelli dell’assistenza sanitaria o della fornitura di cibo), con quest’ultimo che fungeva da gruppo di controllo. I 20 che hanno smesso di lavorare avevano un’età media di 37 anni, il 60% erano maschi e convivevano con il diabete in media da 15 anni. I 13 che hanno continuato a lavorare avevano un’età media di 45 anni, il 53,8% erano maschi e la loro durata media del diabete era di 5 anni. Otto membri di questo secondo gruppo erano in terapia con microinfusore che fornisce continuamente insulina e in gran parte sostituisce la necessità per il paziente di iniettarsi più volte al giorno.

 

Gli autori affermano: “Nei 20 pazienti che hanno smesso di lavorare, il controllo glicemico complessivo è migliorato durante i primi 7 giorni di blocco rispetto alle settimane prima della diffusione della SARS-CoV-2”.

 

La concentrazione media di glucosio nel sangue è diminuita in questi individui da 177 mg / dL nella settimana prima del blocco a 160 mg / dL durante il blocco stesso; la percentuale di tempo trascorso “entro il range di sicurezza” è aumentata dal 54,4% al 65,2%; e il tempo trascorso in iperglicemia (livello di glucosio troppo alto) è diminuito dal 42,3% al 31,6%, mentre non vi è stato alcun cambiamento significativo nel tempo trascorso in ipoglicemia (livello di glucosio troppo basso).

 

Al contrario, i 13 pazienti che hanno continuato a lavorare durante il blocco non hanno mostrato alcun miglioramento o deterioramento in nessuna delle misure di controllo glicemico rispetto a prima del blocco.

 

I ricercatori ipotizzano che il miglioramento nei pazienti che hanno smesso di lavorare sia avvenuto perché avevano più tempo per concentrarsi sul controllo del diabete e uno stile di vita più regolare, inclusi i tempi e la composizione dei pasti. Suggeriscono anche: “Inoltre, la consapevolezza che il diabete peggiora gli esiti del COVID-19 potrebbe aver migliorato la consapevolezza e la compliance dei pazienti alla gestione del diabete”.

 

Riconoscono che i partecipanti avevano un controllo relativamente buono della glicemia per cominciare, quindi non è chiaro se gli stessi risultati si applicherebbero ai pazienti con un controllo glicemico peggiore o scansioni del sensore meno frequenti. Infine, è stata studiata solo una settimana di blocco a causa delle settimane successive che introducevano potenziali bias da parte dei pazienti contattati dalla clinica con consigli sulla gestione del diabete. Nonostante ciò, i dati raccolti dopo questa prima settimana di blocco suggeriscono che questo migliore controllo della glicemia è continuato nei pazienti che hanno smesso di lavorare. Inoltre, altre ricerche dalla Spagna supportano i risultati di questo studio. (vedi link sotto)

 

Gli autori concludono: “Nonostante lo stress psicologico e le possibilità di esercizio molto limitate, lo studio ha rilevato che il controllo del glucosio è stato significativamente migliorato nei pazienti con T1D che sono rimasti a casa durante la prima settimana del blocco indotto da COVID-19 in Italia. Questa osservazione suggerisce che il rallentamento delle attività di routine può avere effetti benefici sul controllo del T1D a breve termine. Tuttavia, gli effetti a lungo termine di lockdown.

Gli autori non dichiarano conflitti di interesse.

To link to the full Diabetes Therapy journal article in your stories, please use this link:

https://link.springer.com/article/10.1007/s13300-020-00829-7

Categorie:EASD 2020

Con tag:,