EASD 2020

#EASD2020 Un sondaggio a livello mondiale indica che i diabetici di tipo 1 si sono adattati agli appuntamenti medici a distanza e continuerebbero volentieri l’esperienza anche nel post pandemia

Un sondaggio su oltre 7.000 pazienti con diabete di tipo 1 provenienti da 89 paesi, presentato quest’anno all’incontro annuale online della European Association for the Study of Diabetes (EASD) mostra che tre quarti dei pazienti che si sono adattati agli appuntamenti di telemedicina considererebbero uso di appuntamenti online o telefonici con i propri medici, come è accaduto durante la pandemia COVID-19, dopo la fine della pandemia.

 

Lo studio è del Dr Sam Scott e del Prof Christoph Stettler, Università di Berna, Svizzera, e colleghi, e sarà pubblicato sulla rivista Endocrinology, Diabetes & Metabolism.

 

La pandemia COVID-19 ha costretto a una rapida riconsiderazione sul modo in cui viene fornita l’assistenza sanitaria. Un potenziale mezzo per fornire assistenza evitando contatti non necessari da persona a persona è offrire servizi a distanza (telemedicina).

 

Il diabete di tipo 1 può essere particolarmente adatto alla telemedicina, poiché le consultazioni si basano principalmente su una revisione dei dati del glucosio e conversazioni sulla terapia. L’uso crescente del monitoraggio continuo del glucosio (CGM), dei microinfusori e delle penne intelligenti per insulina, insieme alla condivisione dei dati basata su cloud / schermo e un maggiore accesso alle webcam, può renderlo particolarmente utile, poiché sia ??l’operatore sanitario che il paziente possono visualizzare simultaneamente i dati senza stare insieme fisicamente.

 

Questo studio mirava a raccogliere informazioni in tempo reale sull’uso e la percezione della telemedicina nelle persone affette da diabete di tipo 1 e valutare le sfide, come l’accesso limitato all’assistenza sanitaria e / o alle forniture mediche all’inizio della pandemia COVID-19 .

 

Ci sono state 7477 risposte al sondaggio da individui in 89 paesi. A livello globale, il 30% ha riferito che la pandemia aveva influito sul loro accesso all’assistenza sanitaria a causa di appuntamenti fisici annullati con i propri operatori sanitari. Un terzo (32%) non ha riportato alcun cambiamento fondamentale nel proprio follow-up medico durante questo periodo e il 9% ha affermato che non è stato stabilito alcun contatto personale con i propri medici per tutta la durata dello studio.

 

Più di un quarto (28%) ha ricevuto assistenza a distanza tramite telefono (72%) o videochiamate (28%). Di questi, l’86% ha trovato utili gli appuntamenti remoti e il 75% prevede di avere appuntamenti remoti in futuro. Il controllo del glucosio, indicato dall’emoglobina glicata HbA1c, è stato positivamente associato alla percezione positiva della telemedicina. Nei maschi, il 45% degli intervistati con un HbA1c> 9% (considerato scarso controllo) ha valutato la telemedicina non utile rispetto a quelli con HbA1c inferiore, mentre il 20% delle donne con HbA1c> 9% l’ha giudicata non utile rispetto a quelle con HbA1c inferiore.

 

Il dottor Scott spiega: “A causa della situazione in rapida evoluzione all’inizio della pandemia, c’era un’enorme incertezza, con quasi nessuna informazione su come le persone con diabete di tipo 1 sarebbero state colpite. All’epoca, non era noto se le persone avrebbero avuto difficoltà ottenere l’accesso a forniture come l’insulina o cosa significherebbe l’impatto di un appuntamento mancato con il proprio endocrinologo”.

 

Conclude: “La pandemia COVID-19 pone sfide uniche alla cura del diabete. I risultati di questo sondaggio mondiale in tempo reale dimostrano che un gran numero di persone affette da diabete di tipo 1 ha rapidamente adottato la telemedicina o pianifica di farlo nel prossimo futuro e che questo è stato generalmente percepito positivamente. È interessante notare che l’età e il livello di istruzione non sembrano finora influenzare la percezione della telemedicina da parte delle persone, mentre uno scarso controllo del glucosio sembra influenzare negativamente la percezione dell’utilità della telemedicina, in particolare nei maschi. Al di là della pandemia, la telemedicina può offrire un mezzo alternativo per migliorare l’efficienza e l’economicità dell’assistenza alle persone con diabete “.

 

The authors declare no conflicts of interest.