Terapie

Il beta-glucano ti da una mano

L’effetto della supplementazione di beta-glucano sul controllo glicemico e sulla variabilità negli adolescenti con diabete mellito di tipo 1.

Questo studio mirava a indagare se la fibra solubile supplementare, il beta-glucano dell’avena, avesse qualche effetto sul controllo glicemico e sulla variabilità degli adolescenti con diabete mellito di tipo 1.

Questo studio è stato condotto su 30 adolescenti con diabete mellito di tipo 1 e consisteva in tre fasi della durata di una settimana. Nella fase I, tutti i soggetti hanno seguito un programma dietetico standard. Per la Fase II e la Fase III, i soggetti hanno continuato il loro programma dietetico standard e hanno aggiunto fiocchi d’avena naturali contenenti 3 g / giorno e 6 g / giorno di beta-glucano, rispettivamente. I livelli di glucosio sono stati monitorati mediante monitoraggio continuo del glucosio (CGM). Per ciascuna fase sono stati calcolati i livelli di glucosio nel sangue massimo, minimo, medio e diurno e notturno, le percentuali dei valori di glucosio in un intervallo target e al di sotto e al di sopra di un valore target. Per ciascuna delle fasi sono stati valutati i valori di pre-pasto, post-pasto, picco di glucosio nel sangue e orari di punta dei pasti. La variabilità glicemica è stata misurata tramite i parametri SD, CV, MAGE, IQR, MODD, LBGI, HBGI e CONGA.

Risultati: i livelli di glucosio nel sangue massimi, medi e diurni e notturni erano i più bassi nella Fase III (p <0,05). I livelli minimi di glucosio nel sangue erano i più alti nella fase III (p <0,05). Le fasi I, II e III hanno mostrato durate simili per ipoglicemia di Livello 2 e Livello 1, euglicemia, iperglicemia di Livello 1 e Livello 2 (p> 0,05). I livelli di glucosio nel sangue prima e dopo il pasto erano più bassi nella fase III per colazione, pranzo e in generale (p <0,05). I livelli di glucosio nel sangue di picco più bassi sono stati rilevati nella fase III per colazione, pranzo, cena e in generale (p <0,05). La fase III ha anche mostrato picchi ritardati per tutti i punti temporali (p <0,05 per ciascuno) rispetto ad altre fasi. La Fase III aveva livelli significativamente più bassi di SD, CV, LBGI e CONGA rispetto a quelli della Fase I o della Fase II (p <0,05 per ciascuno).

Conclusione: 6 g / die di beta-glucano d’avena hanno avuto esiti favorevoli nel controllo glicemico e nella variabilità negli adolescenti con diabete mellito di tipo 1.

Lo studio è stato condotto dai medici pediatri della Gazi University, Facoltà di Medicina, Dipartimento di Endocrinologia Pediatrica, Ankara, Turchia.

Pubblicato in Diabetes Research & Clinical Practice il 24 settembre 2020.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.