Diritti e rovesci

OMS: Cambiare le regole del gioco per migliorare la disponibilità e l’accessibilità economica di insulina di qualità garantita e i dispositivi associati

Durante un seminario di quattro giorni che si è concluso il 25 settembre 2020, l’OMS e i principali partner sanitari internazionali hanno delineato un piano per aumentare l’accesso a test e cure per il diabete convenienti e di qualità garantita.

Ci sono più di 420 milioni di persone che convivono con il diabete. Il diabete è la settima causa di morte e una delle principali cause di complicazioni costose e debilitanti come infarti, ictus, insufficienza renale, cecità e amputazioni degli arti inferiori.

Le persone con diabete di tipo 1 hanno bisogno di insulina per sopravvivere. Tuttavia, molti nei paesi a basso e medio reddito non lo ricevono, in gran parte a causa dei prezzi elevati e delle sfide dell’offerta. Le persone con diabete di tipo 2 hanno bisogno di insulina per controllare i livelli di glucosio nel sangue per evitare complicazioni quando i farmaci orali diventano meno efficaci nel corso progressivo della malattia. Circa 60 milioni di persone con diabete di tipo 2 hanno bisogno di insulina, ma solo la metà di loro è in grado di accedervi. 

Un problema con i costi dell’insulina è che tre società originator controllano il 96% del mercato globale, fissando prezzi proibitivi per molti paesi. Inoltre, in molti paesi mancano o scarseggiano dispositivi di somministrazione per misuratori di insulina e glucosio per monitorare i livelli di zucchero nel sangue.

“È un fallimento della società e della comunità globale nel suo insieme che le persone che hanno bisogno di insulina debbano affrontare difficoltà finanziarie per comprarla o farne a meno e rischiare la vita”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS.

L’OMS ha lavorato a un pacchetto di misure speciali per affrontare il crescente carico di diabete in tutti i paesi. Nel novembre 2019, l’OMS ha lanciato un progetto pilota di prequalificazione dell’insulina per garantire la qualità di più prodotti insulinici che entrano nel mercato internazionale, offrendo ai paesi una scelta più ampia e prezzi potenzialmente più bassi, contribuendo così a un migliore accesso.

Ci sono molte diverse parti interessate che lavorano sull’insulina e il seminario dell’OMS di questa settimana è stato uno sforzo iniziale per riunire tutti i flussi di lavoro per un maggiore impatto a livello nazionale.

Riunendo tutte le parti interessate, comprese le autorità di regolamentazione, la società civile ei partner delle Nazioni Unite, il workshop ha evidenziato le opportunità per cambiare il gioco e fare le cose in modo diverso attraverso:

  • partnership globali e approcci incentrati sul paziente
  • valutare meglio l’impatto globale del diabete e migliorare la copertura e la qualità della diagnosi
  • aumentare l’accesso ai farmaci essenziali per il diabete, inclusa l’insulina e i dispositivi associati (ad esempio, dispositivi per la somministrazione di insulina, misuratori della glicemia e strisce reattive)
  • maggiore sostegno per creare consapevolezza delle continue sfide nell’accesso all’insulina, anche mentre ci avviciniamo al 100 ° anniversario della sua scoperta.
  • una migliore formazione per gli operatori sanitari.
  • accordo su un obiettivo di trattamento globale per il diabete, compresa la% di persone con diagnosi, la% di persone in trattamento e la% di insulina.

I FATTI IN BREVE:

  • Il diabete è un’epidemia globale. Oggi, più di 420 milioni di persone vivono con il diabete in tutto il mondo. Questo è il 6% della popolazione mondiale. È anche quattro volte superiore rispetto al 1980. Si stima che questo numero salirà a 570 milioni entro il 2030 ea 700 milioni entro il 2045.
  • 1 adulto su 2 con diabete non è a conoscenza del proprio stato. 4 adulti su 5 con diabete non diagnosticato vivono in paesi a basso e medio reddito. Le persone inconsapevoli del proprio status corrono un grande rischio di complicazioni debilitanti.
  • Tutte le persone con diabete di tipo 1 hanno bisogno di insulina. Anche sessanta milioni di persone con diabete di tipo 2 hanno bisogno di insulina, ma circa la metà di loro non può ottenere l’insulina di cui hanno bisogno perché i sistemi sanitari del loro paese non possono permettersela.
  • L’indagine sulla capacità globale dell’OMS di quest’anno sulle malattie non trasmissibili rivela che meno della metà dei paesi a basso reddito ha una disponibilità generale di insulina nel settore pubblico.
  • Il Rapporto di monitoraggio UHC dell’OMS dell’anno scorso mostra che i servizi di malattie non trasmissibili sono evidenti per la loro mancanza di progressi rispetto alle malattie trasmissibili.
  • La prevenzione, lo screening, la diagnosi precoce e il trattamento appropriato del diabete e di altre malattie non trasmissibili sono stati considerati una priorità dagli Stati membri dell’OMS nel 2000, a seguito di un invito all’azione dell’Assemblea mondiale della sanità, ma negli ultimi due decenni l’OMS ha dovuto riferire a l’Assemblea Mondiale della Sanità che non ci sono progressi sufficienti nei paesi per soddisfare i bisogni sanitari delle persone che convivono con il diabete.
  • In questo momento cruciale, con la diffusione del COVID-19, molte persone che necessitano di cure per il diabete non ricevono i servizi sanitari e le medicine di cui hanno bisogno. Un recente sondaggio condotto dall’OMS ha rilevato che il 50% dei paesi ha interrotto i propri servizi per il diabete e le complicanze legate al diabete. 
  • Le persone con diabete sono anche a maggior rischio di malattie gravi e morte per COVID-19 e questa prognosi infausta sembra aumentare con l’età avanzata. È necessaria una valutazione clinica precoce per qualsiasi sintomo sospetto.
  • Con il rilascio della guida operativa dell’OMS per il mantenimento dei servizi sanitari nel contesto COVID-19 a giugno, l’OMS fornisce indicazioni su come modificare la cura del diabete per l’erogazione sicura dei servizi e su come passare alla guarigione.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.