Terapie

Dichiarazione scientifica dell’American Heart Association: I nuovi farmaci per il diabete di tipo 2 hanno anche benefici per le malattie cardiache e renali

DALLAS, 28 settembre 2020 – Due nuovi gruppi di farmaci prescritti principalmente per il trattamento del diabete di tipo 2 (inibitori SGLT2 e agonisti del recettore GLP-1) potrebbero ridurre significativamente i rischi associati alla malattia renale cronica (CKD) e alle malattie cardiache. Sulla base delle analisi degli studi clinici fino a marzo 2020, un gruppo di massimi esperti in diabete, insufficienza cardiaca, malattie renali e malattie cardiometaboliche ritiene che i farmaci dovrebbero essere presi in considerazione per le persone con CKD e diabete di tipo 2 per proteggersi da malattie cardiache e renali e loro gravi complicazioni, secondo una nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association, “Protezione cardiorenale con i nuovi agenti antidiabetici nei pazienti con diabete e malattia renale cronica”, pubblicata oggi nella rivista di punta dell’AHA, Circulation.

La dichiarazione esamina le prove di molteplici, ampi, internazionali, studi randomizzati controllati di due classi di farmaci per il controllo della glicemia: inibitori del co-trasportatore del glucosio di sodio 2 (SGLT2) e agonisti del recettore del peptide-1 simile al glucagone (GLP-1 RA) nei pazienti con diabete di tipo 2, malattia renale cronica e coloro che erano a rischio o avevano già malattie cardiovascolari. I risultati compositi degli studi hanno rilevato che gli inibitori SGLT2 e gli RA del GLP-1 possono ridurre in modo sicuro e significativo il rischio di eventi cardiovascolari e morte, ridurre il ricovero e rallentare la progressione della malattia renale cronica allo stadio terminale, inclusi i rischi di dialisi, trapianto o Morte.

“Un approccio terapeutico collaborativo tra medici di base e specialisti in diabete, cardiologia e malattie renali che, quando indicato, includa il trattamento con queste due classi di farmaci potrebbe aggiungere più anni liberi da malattie cardiache e renali e prolungare notevolmente la sopravvivenza per le persone con Tipo 2 diabete “, ha detto il presidente del comitato di scrittura delle dichiarazioni Janani Rangaswami, MD, FACP, FAHA, presidente associato di ricerca nel dipartimento di medicina dell’Einstein Medical Center e professore clinico associato presso il Sidney Kimmel College della Thomas Jefferson University, entrambi a Filadelfia .

La malattia renale cronica (CKD) è una complicanza comune a lungo termine del diabete di tipo 2 e rappresenta un grave problema di salute pubblica negli Stati Uniti. Le due principali cause di malattia renale cronica sono il diabete di tipo 2 e l’ipertensione. Ci sono 26 milioni di persone negli Stati Uniti con diagnosi di diabete e altri 9,45 milioni non sono diagnosticati. Negli Stati Uniti, 108 milioni (45%) di adulti hanno ipertensione (130/80 mmHg o superiore) o stanno assumendo farmaci per la pressione sanguigna. Si stima che 37 milioni di adulti americani abbiano malattie renali. La maggior parte dei pazienti con malattia renale allo stadio terminale ha il diabete di tipo 2 e le persone con diabete di tipo 2 sono a maggior rischio di ipertensione, malattie cardiovascolari (CVD) inclusi attacchi di cuore, insufficienza cardiaca e ictus. Sebbene esistano standard di cura stabiliti,

La dichiarazione scientifica fornisce una guida pratica e dettagliata agli operatori sanitari per riconoscere e trattare i pazienti che possono trarre beneficio dall’inibitore SGLT2 e dai farmaci GLP-1 RA.

L’analisi dei risultati degli studi clinici ha prodotto queste raccomandazioni:

  • La valutazione precoce e continua dei rischi per malattie renali e cardiache può aiutare a identificare i pazienti che possono trarre beneficio dagli effetti protettivi e preventivi di questi medicinali.
  • Personalizza la scelta dei farmaci per soddisfare le esigenze di ogni singolo paziente.
  • Monitoraggio e controllo dell’ipertensione.
  • Identificare i rischi di ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue) ed educare i pazienti sui segni in modo che possano cercare rapidamente un trattamento.
  • Regola tutti i farmaci in tandem con questi medicinali e considera il peso della “polifarmacia”, ovvero l’assunzione di 5 o più farmaci al giorno per più condizioni, che è comune tra le persone con diabete di tipo 2.
  • I pazienti devono essere informati sui rischi e sui sintomi della chetoacidosi diabetica “euglicemica” (DKA), quando assumono inibitori SGLT2 e DKA “classico” (quando lo zucchero nel sangue è molto alto e sostanze acide chiamate chetoni si accumulano nel corpo), che è grave e può essere fatale.
  • Il team di professionisti sanitari dovrebbe esaminare e consigliare regolarmente i pazienti sulla regolare cura del piede per prevenire ulcere o vesciche del piede che possono rapidamente infettarsi e portare all’amputazione.

Il gruppo di scrittura ha identificato due ulteriori sottogruppi di pazienti che possono trarre beneficio dagli inibitori SGLT2 e dagli RA del GLP-1: persone con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta (HFrEF) con o senza diabete di tipo 2; e le persone con malattia renale cronica che non hanno il diabete di tipo 2. Il gruppo di scrittura prevede che emergano più dati per convalidare l’uso di inibitori SGLT2 e farmaci GLP-1 RA per questi pazienti a rischio.

Gli RA GLP-1 hanno ricevuto l’approvazione iniziale della FDA per l’uso nel controllo glicemico nel 2005 e gli inibitori SGLT2 sono stati approvati nel 2013 e sono stati approvati per il trattamento di persone con diabete di tipo 2. I farmaci all’interno delle due classi funzionano in modi diversi: gli inibitori SGLT2 riducono lo zucchero nel sangue inducendo i reni a rimuovere lo zucchero dal corpo attraverso l’urina. La ricerca sui medicinali di questa classe ha dimostrato che possono anche ridurre il rischio di insufficienza cardiaca, rallentare la progressione della malattia renale cronica e ridurre il rischio di morte cardiovascolare. Gli RA GLP-1 funzionano simulando le funzioni degli ormoni incretinici naturali del corpo che aiutano a ridurre i livelli di zucchero nel sangue post-pasto. I medicinali di questo gruppo hanno dimostrato di ridurre i rischi di infarto, ictus ischemico e / o morte cardiovascolare.

Studi recenti dimostrano che questi nuovi farmaci non sono ampiamente prescritti, soprattutto tra i pazienti con rischi più elevati di malattie cardiovascolari e malattie renali croniche. Un recente studio nazionale su oltre un milione di beneficiari assicurati commercialmente e Medicare Advantage adulti ha dimostrato che il 7% dei pazienti con diabete di tipo 2 è stato trattato con un farmaco inibitore del SGLT2.

“Attualmente negli Stati Uniti, i professionisti dell’assistenza primaria o gli endocrinologi in genere iniziano l’uso di questi farmaci nei pazienti con diabete di tipo 2, tuttavia un approccio più multi-specialità che includa specialisti in reni e cuore potrebbe aiutare più pazienti a trarre vantaggio dal trattamento”, ha osservato la dichiarazione autori.

“La domanda più importante che deve essere affrontata in futuro è l’effettiva implementazione di questi farmaci nella pratica clinica”, ha detto Rangaswami. “Quando i team multidisciplinari possono identificare i pazienti ad alto rischio e garantire l’erogazione mirata di queste terapie, come appropriato, potremmo ridurre notevolmente il peso delle malattie cardiache e renali per milioni di persone con diabete di tipo 2. Migliorare la salute cardiovascolare e renale di altrettanti le persone possibili – ridurre la morbilità, la mortalità e le spese sanitarie – sono gli obiettivi primari “.

###

La dichiarazione è stata sviluppata per conto del Consiglio dell’American Heart Association sul rene nelle malattie cardiovascolari; il Consiglio su arteriosclerosi, trombosi e biologia vascolare; il Council on Cardiovascular and Stroke Nursing; il Council on Clinical Cardiology; e il Council on Lifestyle and Cardiometabolic Health.

Categorie:Terapie

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.