Ricerca

Innovazione e ricerca italiana: Sitagliptin riduce la mortalità nei diabetici di tipo 2 e COVID-19

Riprendiamo il comunicato dell’Università Statale di Milano dei risultati importanti di un studio internazionale  del Centro di Ricerca Pediatrica Romeo ed Enrica Invernizzi della Statale e dell’Ospedale Sacco i quali evidenziano l’effetto benefico di un farmaco antidiabetico. Lo studio è pubblicato oggi sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale “Diabetes Care”.

Una ricerca sviluppata dall’Ospedale Sacco e dall’Università Statale di Milano in collaborazione con i ricercatori del Centro di Ricerca Clinica Pediatrica Romeo ed Enrica Invernizzi dell’Università Statale di Milano e di altri Centri tra cui Istituto Clinico Humanitas-Milano, Ospedali Riuniti di Bergamo, Università di Pavia, Ospedale dell’Angelo Mestre e ASL Città di Torino e Harvard Medical School, con il Prof. Sebastiano Bruno Solerte e la Dr.ssa Francesca D’Addio come primi coautori, ha dimostrato che in pazienti affetti da diabete di tipo 2 con COVID-19 un farmaco antidiabetico chiamato Sitagliptin, appartenente alla classe degli inibitori di DPP4, ha dimezzato la mortalità. La mortalità è infatti scesa dal 37% al 18%, così come sono migliorati tutti gli outcomes clinici, la necessità di supporto tramite ventilazione meccanica e la necessità di ricovero in terapia intensiva. Lo studio è stato pubblicato su Diabetes Cares, rivista dell’American Diabetes Association.

 “La scoperta dei benefici ottenuti con l’inibitore DPP4 sitagliptin è di grande importanza“, afferma Paolo Fiorina, professore associato di Endocrinologia all’Università Statale e direttore del Centro internazionale per il diabete di tipo 1 (T1D) presso il Centro di Ricerca Pediatrica Romeo ed Enrica Invernizzi e primario della Divisione di Endocrinologia dell’Ospedale Fatebenefratelli-Sacco, “in particolare per la necessità di nuove terapie per questa devastante malattia che ha così ampiamente colpito la nostra comunità”.

 Sitagliptin appartiene alla classe degli antidiabetici orali DPP4 inibitori e i suoi effetti benefici su COVID-19 possono risiedere nella capacità di mantenere un buon controllo glicometabolico, nell’effetto immunosoppressivo e antinfiammatorio che determina una importante neutralizzazione della tempesta di citochine indotta da SARSCov2 e nella riduzione della sua virulenza.

 “In COVID-19 sono stati provati nell’emergenza numerosi trattamenti, che si appellavano a razionali spesso deboli, la maggior parte dei quali non ha dato risultati concreti. Abbiamo quindi ancora molto bisogno di identificare farmaci e strategie terapeutiche efficaci. Per quanto preliminari, i risultati ottenuti con sitagliptin meritano un approfondimento che ne confermi il ruolo suggerito dalle prime osservazioni. È importante sottolineare come l’utilizzo di questo farmaco sia favorito dalla sua maneggevolezza e dalla probabile assenza di effetti collaterali” aggiunge Massimo Galli, direttore del Reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale Sacco e professore Ordinario di Malattie Infettive presso l’Università Statale di Milano.

 Studi precedenti hanno dimostrato che i pazienti diabetici sono ad alto rischio di mortalità quando vengono colpiti da COVID-19 e attualmente non sono state scoperte terapie. Inoltre, l’uso del desametasone, l’unico farmaco che ha mostrato risultati promettenti, potrebbe peggiorare il controllo glicometabolico nei pazienti con diabete e COVID-19.

 “La nostra scoperta deve essere confermata in un ampio studio multicentrico randomizzato” dice il Professor Fiorina e aggiunge che un ampio team di ricercatori compresi i collaboratori di Bergamo, Pavia, Humanitas-Milano, Torino, Mestre e Boston, sta già pianificando uno studio randomizzato per confermare i risultati.

 “Sono molto soddisfatto dei risultati ottenuti dal nostro Centro e del modo in cui i nostri ricercatori perseguono instancabilmente nuovi percorsi per migliorare la vita dei pazienti con diabete” afferma il Professor Gian Vincenzo Zuccotti, coordinatore del Centro di Ricerca Pediatrica Romeo ed Enrica Invernizzi e Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Statale e aggiunge: “Questa scoperta evidenzia anche l’importanza della ricerca per trovare soluzioni a problemi clinici“.

 Il Professor Paolo Fiorina esprime il proprio ringraziamento alla Fondazione Romeo ed Enrica Invernizzi per aver reso possibile la scoperta con il suo continuo sostegno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.