Terapie

Uso regolare di farmaci contro il reflusso acido legato ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2

Secondo una ricerca pubblicata online sulla rivista Gut, l’ uso regolare di farmaci contro il reflusso acido, noti come inibitori della pompa protonica, o PPI in breve, è collegato a un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 .

E più a lungo questi farmaci vengono assunti, maggiore sembra essere il rischio, mostrano i risultati, spingendo i ricercatori a consigliare alle persone che assumono questi farmaci per 2 o più anni di sottoporsi a regolari controlli della glicemia per lo screening del diabete.

Gli IPP sono usati per trattare il reflusso acido, le ulcere peptiche e l’indigestione. Sono tra i primi 10 farmaci più comunemente usati al mondo. L’uso a lungo termine è stato collegato a un aumentato rischio di fratture ossee, malattie renali croniche , infezioni intestinali e cancro allo stomaco .

Nel 2014, la prevalenza globale del diabete di tipo 2 era dell’8,5% ei ricercatori volevano scoprire se l’uso diffuso degli IPP e l’alta prevalenza del diabete potessero essere collegati.

Hanno attinto alle informazioni fornite da 204.689 partecipanti (176.050 donne e 28.639 uomini) di età compresa tra 25 e 75 anni nello studio sulla salute degli infermieri degli Stati Uniti, iniziato nel 1976 (NHS), nell’NHS II, iniziato nel 1989, e negli Health Professionals Follow -up Study (HPFS), iniziato nel 1986.

Al momento dell’iscrizione e successivamente ogni 2 anni, i partecipanti hanno aggiornato le informazioni sui loro comportamenti di salute, anamnesi e condizioni di nuova diagnosi.

A partire dal 2000 per il NHS, nel 2001 per il NHS II e nel 2004 per l’HPFS, ai partecipanti è stato anche chiesto se avessero usato regolarmente gli IPP nei 2 anni precedenti: l’uso regolare è stato definito come 2 o più volte a settimana.

Durante il periodo di monitoraggio medio di circa 9-12 anni in tutti e tre i gruppi, a 10.105 partecipanti è stato diagnosticato il diabete di tipo 2. Il rischio annuo assoluto di una diagnosi tra gli utenti regolari di PPI era 7,44 / 1000 rispetto a 4,32 / 1000 tra coloro che non assumevano questi farmaci.

Dopo aver tenuto conto di fattori potenzialmente influenti, tra cui ipertensione , colesterolo alto, inattività fisica e uso di altri farmaci, coloro che usavano regolarmente PPI avevano il 24% in più di probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto a quelli che non lo facevano.

E più a lungo venivano assunti questi farmaci, maggiore era il rischio di sviluppare il diabete: l’uso fino a 2 anni era associato a un aumento del rischio del 5%; l’uso per più di 2 anni è stato associato a un aumento del rischio del 26%. Il rischio è diminuito quanto più tempo era trascorso dall’arresto.

Ulteriori analisi hanno mostrato che il rischio di diabete tra gli utenti di PPI non era influenzato da sesso, età, storia familiare di diabete, fumo, assunzione di alcol, dieta, attività fisica, colesterolo alto o uso regolare di farmaci antinfiammatori. Ma era più alto tra i partecipanti che non erano in sovrappeso o che avevano la pressione sanguigna normale.

Per confronto, i ricercatori hanno anche esaminato il potenziale impatto dei bloccanti H2, un altro tipo di farmaco utilizzato per frenare la produzione di acido gastrico in eccesso.

L’uso regolare di questi farmaci è stato associato a un aumento del rischio del 14%. Allo stesso modo, l’uso a lungo termine era associato a un rischio più elevato mentre un tempo più lungo dall’interruzione era associato a un rischio inferiore.

Questo è uno studio osservazionale e, in quanto tale, non può stabilire la causa, ma coinvolge molte persone la cui salute è stata monitorata per un periodo relativamente lungo, affermano i ricercatori.

Un numero crescente di prove suggerisce che i cambiamenti nel tipo e nel volume dei batteri nell’intestino (il microbioma) possono aiutare a spiegare le associazioni trovate tra l’uso di PPI e un aumento del rischio di sviluppare il diabete, aggiungono.

“A causa dell’ampio utilizzo, il numero complessivo di casi di diabete associati all’uso di PPI potrebbe essere considerevole”, avvertono.

Data la gamma di effetti collaterali e l’aumento del rischio di diabete, i medici dovrebbero valutare attentamente i pro ei contro della prescrizione di questi farmaci, avvertono. “Per i pazienti che devono ricevere un trattamento con PPI a lungo termine, si raccomanda lo screening per la glicemia anormale e il diabete di tipo 2 “, suggeriscono.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.