Terapie

Gli utenti di farmaci per la pressione sanguigna hanno un minor rischio di morire di influenza e polmonite

Uno studio danese mostra che gli utenti di farmaci ampiamente utilizzati contro la pressione sanguigna elevata o problemi cardiaci possono avere maggiori possibilità di sopravvivere a gravi infezioni da influenza o polmonite.

I farmaci per abbassare la pressione sanguigna del tipo ACE-inibitori o bloccanti del recettore dell’angiotensina II riducono il tasso di mortalità dell’influenza e della polmonite.

Questa è la principale conclusione di un nuovo studio rassicurante pubblicato sul Journal of the American Heart Association, a cui stanno dietro Christian Fynbo Christiansen e numerosi colleghi danesi. È consulente, professore associato clinico e PhD presso il Dipartimento di Epidemiologia Clinica, che fa parte del Dipartimento di Medicina Clinica dell’Università di Aarhus e dell’Ospedale dell’Università di Aarhus in Danimarca.

Nello studio, i ricercatori hanno confrontato i tassi di mortalità tra 500.000 pazienti danesi che sono stati ricoverati in ospedali in Danimarca con influenza e polmonite durante il periodo dal 2005 al 2018. Ciò è stato fatto correlando le informazioni dal registro nazionale dei pazienti (attività negli ospedali danesi) con le statistiche del registro danese dei medicinali (consumo di medicinali in Danimarca).

“Un po ‘più di 100.000 dei pazienti ammessi hanno assunto ACE inibitori o bloccanti del recettore dell’angiotensina II e lo studio mostra che meno di loro sono stati messi su un ventilatore e che avevano tassi di mortalità più bassi rispetto ai pazienti ospedalizzati che hanno assunto un altro tipo di farmaci contro pressione sanguigna, calcio-bloccanti “, dice Christian Fynbo Christiansen.

Lo studio arriva a metà di una discussione sul trattamento che ha raggiunto il picco mentre la pandemia della corona era al suo apice. Alcuni medici e ricercatori hanno sottolineato che gli ACE-inibitori possono effettivamente avere l’effetto completamente opposto, ovvero aumentare il rischio di morire per COVID-19 poiché il virus SARS-CoV-2 che causa COVID-19 entra nei polmoni attraverso gli stessi recettori ACE come ACE inibitori.

L’ipotesi era che quando l’ACE-inibitore riduce il livello di ACE, il corpo lo compensa attivando un numero molto maggiore di recettori ACE sulla superficie delle cellule, che il virus SARS-CoV-2 utilizza quindi come una sorta di accesso chiave. Maggiore è il numero di chiavi di accesso disponibili sulla superficie delle cellule, più facilmente il virus accede alle cellule.

La teoria sull’aumento della mortalità è stata alimentata dal fatto che una percentuale sorprendentemente ampia di pazienti gravemente malati a causa di COVID-19 aveva la pressione sanguigna elevata, che è ampiamente trattata con ACE inibitori – dei 600.000 danesi che hanno la pressione sanguigna elevata , circa un terzo (200.000) di loro assume ACE inibitori.

“Non abbiamo esaminato se ciò che si applica ai pazienti con influenza e polmonite può essere trasferito direttamente ai pazienti con COVID-19, ma ci sono alcune prove che suggeriscono che gli ACE inibitori hanno un effetto protettivo contro il danno polmonare che non vediamo in pazienti che assumono altri tipi di medicinali per abbassare la pressione sanguigna. I primi studi non trovano alcuna correlazione tra ACE inibitori / bloccanti del recettore dell’angiotensina II e COVID-19. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi utilizzando i buoni registri danesi “, afferma Christian Fynbo Christiansen.

In Danimarca, la discussione a favore e contro l’uso di ACE-inibitori su pazienti affetti da corona ha avuto luogo (in danese), ad esempio, nel Journal of the Danish Medical Association e in un altro quotidiano sanitario Dagens Medicin, sotto titoli come ‘Gli ACE-inibitori possono aumentare il rischio di morendo di COVID-19 ‘.

###

Fatti: cosa sono gli ACE-inibitori e gli antagonisti del recettore dell’angiotensina II?

Gli ACE inibitori sono un gruppo di farmaci che espandono i vasi sanguigni in modo che la pressione sanguigna venga abbassata e il lavoro svolto dal cuore diventi più facile. Un ACE inibitore smorza l’enzima nel corpo che assicura che l’angiotensina I inattiva venga convertita nell’angiotensina II attiva. L’angiotensina II provoca la contrazione dei vasi sanguigni. Quando il corpo forma meno angiotensina II, i vasi sanguigni si rilassano e la pressione sanguigna diminuisce. L’acronimo ACE sta per Angiotensin Converting Enzyme. Come suggerisce il nome, i bloccanti dell’angiotensina II agiscono direttamente sull’angiotensina II.

I risultati della ricerca – maggiori informazioni

Lo studio è uno studio basato sui registri di oltre 500.000 danesi che sono stati ricoverati in ospedale nel periodo 2005-2018 per influenza e polmonite. I dati sono stati correlati con il registro danese dei medicinali, dove sono state recuperate informazioni sull’uso dei medicinali per abbassare la pressione sanguigna. Correlando il Registro Nazionale dei Pazienti e il Registro del numero di registrazione civile (CPR) è stato possibile studiare il ricovero in terapia intensiva, il trattamento ventilatorio e la mortalità.

I partner coinvolti nel progetto includono Michael Mæng del Dipartimento di Medicina Clinica e del Dipartimento di Cardiologia e Ole Schmeltz Søgaard del Dipartimento di Medicina Clinica e del Dipartimento di Malattie Infettive, entrambi presso l’Università di Aarhus e l’ospedale universitario di Aarhus. Altri partner includono Jacob Bodilsen del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Aalborg University Hospital / Aalborg University, così come Anton Pottegård e Jesper Hallas del Clinical Pharmacology and Pharmacy presso l’Università della Danimarca meridionale. Un altro partner importante è Nikolai C. Brun dell’Agenzia danese per i medicinali.

Lo studio non ha ricevuto alcun finanziamento esterno.

Nessuno degli autori ha conflitti di interesse. Le istituzioni ricevono sovvenzioni da diverse società sotto forma di borse di ricerca, ma nessuna di queste ha alcuna relazione con il presente studio.

Categorie:Terapie

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.