Terapie

Le penne intelligenti per insulina affrontano le sfide della terapia di iniezione multipla giornaliera

A diabetic patient makes an insulin injection with insulin pen at home. Woman control her sugar diabetes. Diabetes lifestyle

Oggi ho una grande opportunità: parlare con l’infermiera e specialista in cura e educazione del diabete Colleen Miller-Owen, MSN, APRN, CDCES , sui benefici delle penne intelligenti per insulina per i diabetici soggetti a iniezioni multiple  giornaliere, dato che nella penisola italica il tema non è affrontato e quest’anno è pure l’anno internazionale dell’infermiere vediamo di comare la lacune per il lettore medio diabetico italiano ma anche per il fornitore di servizi sanitari.

Quanti americani usano la terapia insulinica e si affidano alle iniezioni per la somministrazione di insulina oggi?

Miller-Owen: Quasi 8 milioni di residenti negli Stati Uniti con diabete sono in terapia insulinica e la netta maggioranza utilizza iniezioni. Meno dell’1% delle persone con diabete di tipo 2 e meno del 30% con diabete di tipo 1 utilizza pompe per insulina. Diversi fattori influenzano la scelta di continuare a utilizzare le iniezioni al posto di un microinfusore, inclusi i costi, la copertura assicurativa, la complessità dell’uso del microinfusore e il desiderio di evitare di avere un dispositivo attaccato al corpo. Le penne intelligenti per insulina hanno alcune delle caratteristiche delle pompe per insulina – assistono con il calcolo della dose, il tempo di registrazione e la quantità di insulina – ma non hanno il costo e altre barriere presunte per una pompa per insulina.

Quali sono alcune delle sfide poste dalla terapia con iniezione giornaliera multipla?

Miller-Owen: Insegnare alle persone a regolare le dosi durante i pasti utilizzando un rapporto insulina / carboidrati e un fattore di sensibilità all’insulina richiede tempo e due terzi delle persone con diabete hanno difficoltà a calcolare con precisione le dosi di insulina. Più del 60% delle dosi di insulina viene somministrato con un po ‘di insulina ancora a bordo rispetto alle dosi precedenti, il che può portare a un accumulo di insulina e aumentare il rischio di ipoglicemia. La mancanza di dosi di insulina durante i pasti, anche due volte a settimana, può portare ad aumenti di HbA1c dallo 0,3% allo 0,4%. Le dosi di insulina possono essere saltate per molteplici ragioni, come la semplice dimenticanza, l’inconveniente delle iniezioni, la complessità della dose o le preoccupazioni relative al costo dell’insulina e al potenziale razionamento. Inoltre, la mancanza di dati oggettivi sulla dose e sui tempi delle iniezioni può limitare i medici e le persone con diabete nell’ottimizzazione del dosaggio.

In che modo le penne intelligenti per insulina possono affrontare queste sfide?

Miller-Owen: le penne intelligenti per insulina possono aiutare a ridurre e registrare le dosi. Le penne intelligenti con calcolatori del bolo possono aiutare con l’accuratezza dei calcoli della dose. È possibile programmare rapporti di carboidrati e fattori di sensibilità, quindi calcolare una dose in base alla lettura della glicemia e alle quantità di carboidrati, riducendo potenziali errori di calcolo manuale. La capacità delle penne intelligenti di tenere traccia dell’insulina a bordo e di detrarre un importo di correzione, se appropriato, aiuta a prevenire l’accumulo di insulina e quindi può ridurre il rischio di ipoglicemia. Alcune penne intelligenti possono anche erogare in mezze unità, il che è utile se qualcuno è molto sensibile all’insulina.

La maggior parte delle penne per insulina intelligenti tiene traccia del tempo e della dose precedente. Questa memoria può impedire l’assunzione accidentale di una dose duplicata o inviare promemoria se è stata dimenticata una finestra di dosaggio. Infine, la capacità di esaminare accuratamente i dati relativi alla glicemia, ai tempi e alla dose di insulina può aiutare a ottimizzare il dosaggio. La registrazione dei dati richiede tempo e spesso non è disponibile durante le visite ambulatoriali, il che può impedire a un operatore sanitario di ottenere un quadro reale del dosaggio dell’insulina. Le penne intelligenti per insulina possono trasmettere facilmente i dati per la revisione da parte del fornitore tramite connettività blue tooth, fax o e-mail. Ciò è diventato più evidente con l’aumento delle visite virtuali a causa della pandemia COVID19.

Che ruolo può svolgere il team di assistenza per il diabete nell’aiutare le persone a iniziare con le penne intelligenti per insulina?

Miller-Owen: La scelta di un metodo di somministrazione dell’insulina è una decisione molto personale. Il team di assistenza per il diabete può aiutare la persona con diabete a rivedere i pro ei contro di tutte le opzioni disponibili e aiutarla a determinare una buona scelta. Quindi possono assistere con l’allenamento sulla penna per assicurarsi che le impostazioni siano ottimizzate e personalizzate in base ai rapporti e alla sensibilità dei carboidrati unici dell’utente. Inpen (Companion Medical), ad esempio, consente tre tipi di dosaggio del bolo: dosi fisse, stime dei pasti e conteggio dei carboidrati. Molte persone con diabete non sono in grado o non vogliono contare i carboidrati, quindi queste scelte consentono loro di utilizzare le caratteristiche protettive delle correzioni basate sulla sensibilità incontrandole dove sono per quanto riguarda il conteggio dei carboidrati. Ciò può portare a riconoscere che è necessaria una maggiore istruzione o un conteggio dei carboidrati più sofisticato per ottimizzare la terapia. Il team di assistenza può anche assistere con un piano per la condivisione e la revisione dei dati. Questo può aiutare con l’ottimizzazione del dosaggio, riducendo il rischio di ipoglicemia e responsabilizzando la persona con diabete in loro cura.

Che effetto hai visto sui livelli di glucosio?

Miller-Owen: l’ uso di calcolatori automatici del bolo può aiutare le persone con diabete a ridurre la loro HbA1c dallo 0,7% all’1%. Sono sempre curioso di sapere se i risultati della ricerca possono essere replicati nel mondo reale. La mia esperienza in cliniche di comunità ambulatoriali ha dimostrato che la maggior parte ha avuto un miglioramento dell’HbA1c dopo aver avviato una penna per insulina intelligente. Inoltre, se la persona con diabete utilizza un monitor del glucosio continuo, il tempo nell’intervallo è generalmente aumentato e la percentuale di tempo sotto l’intervallo è diminuito. Poiché la maggior parte delle persone con diabete che iniettano insulina usa siringhe o penne, c’è un’enorme opportunità per migliorare l’HbA1c. Le penne intelligenti per insulina sono un’opzione.

Riferimento:

Divulgazioni: Miller-Owen non riporta alcuna divulgazione finanziaria rilevante. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.