Sport e movimento

Diabete tipo 1: sempre più in alto!

Caratteristiche fisiologiche dei pazienti con diabete di tipo 1 durante il trekking in alta montagna.

Il monte Dam?vand conosciuto anche come Demavend e Donbavand, è un vulcano quiescente situato nell’Iran settentrionale. Posto al centro della catena montuosa dell’Elburz, il Dam?vand è la cima più alta dell’Iran e di tutto il Medio Oriente.

In questo studio, l’obiettivo era fornire dati osservativi da un’ascesa alla cima del Monte Damavand (5670 metri sul livello del mare (mslm), Iran) da parte di un gruppo di persone con diabete di tipo 1 (T1DM), con un focus sul loro caratteristiche fisiologiche. 

Dopo una spedizione di 3 giorni, 18 pazienti con T1DM, tutti trattati con pompe di insulina personali, hanno scalato con successo il Monte Damavand. Sono state raccolte informazioni sui loro comportamenti fisiologici e dietetici, nonché parametri medici, come il consumo di carboidrati, i modelli di glucosio, il dosaggio di insulina e il numero di episodi di ipo e iperglicemia durante questo periodo di tempo. I partecipanti hanno consumato significativamente meno carboidrati il ??giorno 3 rispetto al giorno 1 (16,4 vs 23,1 unità di carboidrati; p= 0,037). 

Nonostante ciò, è stato osservato un aumento graduale della concentrazione media giornaliera di glucosio misurata con un glucometro. È interessante notare che i pazienti non hanno risposto completamente a una maggiore erogazione di insulina poiché non vi era alcuna differenza significativa nella dose giornaliera media di insulina durante la spedizione. 

Ci sono stati più episodi di iperglicemia (?180 mg / dL) per paziente il giorno 3 rispetto al giorno 1 ( p <0,05) ed episodi di iperglicemia più gravi (> 250 mg / dL) per paziente nei giorni 2 ( p <0,05) e 3 ( p<0,05) rispetto al giorno 1.

In sintesi, il trekking in alta montagna è fattibile per i pazienti con T1DM con un buon controllo glicemico e nessuna complicanza cronica. Tuttavia, possono verificarsi alcuni cambiamenti nelle preferenze dietetiche e un aumento osservabile dei livelli di glucosio. Ciò richiede una risposta terapeutica adeguata.

Il report è stato effettuato dai medici Dipartimento di Medicina Interna e Diabetologia, Università di Scienze Mediche di Poznan, Polonia.

Pubblicato il 6 ottobre 2020 nel Journal Diabetes of Research.

Riferimenti

    1. Malcolm G., Rilstone S., Sivasubramaniyam S., et al. Gestire il diabete in alta quota: esperienza personale con il supporto di un’attività fisica multidisciplinare e clinica del diabete. BMJ Open Sport & Exercise Medicine. 2017; 3 (1, articolo e000238) doi: 10.1136 / bmjsem-2017-000238. – DOI – PMC – PubMed
    1. Matejko B., Benbenek-Klupa T., Malecki MT, Klupa T. Pompa per insulina personale con tecnologia di gestione predittiva del glucosio basso ad alta quota. Journal of Diabetes Science and Technology. 2016; 11 (1): 176–177. doi: 10.1177 / 1932296816649973. – DOI – PMC – PubMed
    1. Mohajeri S., Perkins BA, Brubaker PL, Riddell MC Diabete, trekking e alta quota: riconoscere e prepararsi ai rischi. Medicina diabetica. 2015; 32 (11): 1425-1437. doi: 10.1111 / dme.12795. – DOI – PubMed
    1. Richards P., Hillebrandt D. Gli aspetti pratici dell’insulina ad alta quota. Medicina e biologia d’alta quota. 2013; 14 (3): 197-204. doi: 10.1089 / ham.2013.1020. – DOI – PubMed
    1. de Mol P., de Vries ST, de Koning EJP, Gans ROB, Bilo HJG, Tack CJ Attività fisica in quota: sfide per le persone con diabete: una recensione. Cura del diabete. 2014; 37 (8): 2404–2413. doi: 10.2337 / dc13-2302. – DOI – PubMed

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.