Educazione

Il nuovo programma educativo dà un volto umano alla ricerca biomedica

La studiosa di TL1 XInh Xinh Nguyen (a sinistra), che studia la sclerodermia, ha seguito la dottoressa DeAnna Baker Frost (a destra) mentre trattava i pazienti con sclerodermia. Entrambi sono guidati dalla dottoressa Carol Feghali-Bostwick, che è direttrice associata del programma TL1 presso la Medical University of South Carolina.

Studenti di scienze biomediche in un programma di formazione scientifica traslazionale presso i medici ombra della Medical University of South Carolina per saperne di più sui pazienti di cui studiano le malattie.

La ricerca traslazionale mira ad accelerare i progressi della ricerca nella clinica. Eppure, la formazione per scienziati e medici di base troppo spesso rimane isolata, portando a culture divergenti e una perdita di opportunità per la collaborazione interdisciplinare.

Il programma TL1 del South Carolina Clinical & Translational Research (SCTR) Institute, un programma di formazione di ricerca traslazionale per studenti di dottorato nei college MUSC di studi universitari, medicina, professioni sanitarie, medicina dentale e farmacia, sta cercando di cambiare la situazione richiedendo tirocinanti TL1 per completare una rotazione in cui fanno ombra ai medici che curano i pazienti con le malattie al centro della loro ricerca. La rotazione, soprannominata Translational Sciences Clinic, è descritta in un recente articolo sul Journal of Clinical and Translational Science (JCTS) .

“L’istruzione fornita dalla Translational Sciences Clinic è una strada a doppio senso. Fornisce ai tirocinanti scientifici di base una migliore comprensione di quali sono i problemi dei pazienti e di cosa devono affrontare nella loro ricerca”, ha spiegato il direttore del programma TL1 e autore principale Perry Halushka, MD, Ph.D. “Ma gli studenti istruiscono anche i medici portando domande scientifiche di base e risposte ai problemi dei pazienti”.

Nel terzo anno di studi universitari, gli studenti trascorrono mezza giornata ogni settimana nelle cliniche di loro scelta. A quel punto, sono già esperti nel lavoro di squadra e nelle varie fasi della ricerca traslazionale attraverso la loro partecipazione al club del giornale TL1, come è stato dettagliato in un altro recente articolo di JCTS. Nel journal club, leggono articoli che documentano la traduzione di successo di una svolta nella clinica e lavorano in team di tre per presentare ogni fase di quella ricerca. Un membro discute la ricerca di base fondamentale; un altro, il test clinico della svolta; e il terzo, la sua diffusione.

“Il club del giornale TL1 aiuta gli studenti a vedere come una scoperta di base può essere sviluppata in un farmaco o in un dispositivo”, ha detto il direttore associato TL1 e autore senior Carol Feghali-Bostwick, Ph.D. “Ha l’ulteriore vantaggio di farli lavorare come squadre”.

Questo background li prepara bene a lavorare in team interdisciplinari nella Translational Sciences Clinic. A sua volta, la rotazione in clinica porta spesso a continue collaborazioni interdisciplinari.

I medici seguiti dai tirocinanti spesso si uniscono ai loro team di tutoraggio e forniscono prospettive cliniche sulla loro ricerca. A volte, servono anche nei loro comitati di dissertazione. Questo è stato il caso di Daniel Lench, che ora si è laureato al programma. Ha lavorato con Gonzalo J. Revuelta, DO, uno specialista in disturbi del movimento.

“Lavorare con il Dr. Revuelta in un contesto di ricerca traslazionale è stata un’esperienza straordinariamente gratificante”, ha detto Lench. “Ho trascorso un semestre nella sua clinica per i disturbi del movimento osservando e imparando da casi specifici. In qualità di membro del mio comitato di tesi, il dottor Revuelta mi ha aiutato a pensare di più alla rilevanza clinica delle domande di ricerca. una solida struttura su come eseguire la ricerca traslazionale in futuro “.

In alcuni casi, il mentore clinico è uno studioso SCTR KL2, un medico-scienziato di livello junior a cui viene garantito il tempo per perseguire un progetto di ricerca. Ad esempio, Xinh Xinh Nguyen, un tirocinante TL1 che studia la sclerodermia nel laboratorio di ricerca di Feghali-Bostwick, è stato in grado di seguire Deanna Baker Frost, MD, Ph.D., uno studioso KL2 e reumatologo con un interesse clinico per le malattie autoimmuni e la fibrosi, mentre vedeva pazienti con sclerodermia.

“La partecipazione al programma TL1 mi ha fornito ulteriori opportunità di apprendimento per acquisire esperienza nella ricerca traslazionale”, afferma Nguyen. “Ha migliorato la mia conoscenza sugli aspetti clinicamente rilevanti del mio progetto.” “

Feghali-Bostwick riconosce quanto la rotazione nella Translational Sciences Clinic abbia beneficiato Nguyen.

“Xinh Xinh sta facendo ricerche sulla sclerodermia, ma ora capisce meglio cos’è lo scleroderma e capisce cosa attraversano i pazienti e quali sono le loro complicazioni e per cosa vengono”, ha spiegato Feghali-Bostwick. “Questo mette tutto in prospettiva e la aiuta a capire meglio perché sta facendo la ricerca che sta facendo”.

Feghali-Bostwick ritiene che esista una relazione naturale di mentoring tra gli studiosi KL2 e TL1. “C’è meno divario tra loro che tra scienziati senior, come me, e TL1”, ha detto. “È un buon adattamento; è un adattamento naturale”.

Soprattutto, la Translational Sciences Clinic motiva i tirocinanti e ricorda loro l’importanza del lavoro che svolgono. Sulle valutazioni del programma, molti commentano che il tempo trascorso in clinica a vedere i pazienti è stata tra le loro esperienze più significative e stimolanti nella scuola di specializzazione.

“Durante il tempo trascorso nella Translational Research Clinic, i tirocinanti ottengono improvvisamente un maggiore apprezzamento per quello che stanno facendo al banco e vedono come questo potrebbe cambiare la vita delle persone”, ha detto Halushka. “Possono effettivamente vedere cosa succede quando le scoperte fondamentali vengono trasformate in nuovi approcci terapeutici”.

Categorie:Educazione

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.