Mangiare

The Lancet Planetary Health: limitare le promozioni dei supermercati di cibi e bevande ad alto contenuto di zucchero riduce le vendite senza ridurre i profitti del negozio

La prima prova di questo tipo che limita il merchandising e la promozione di cibi malsani nei negozi

Limitare la promozione e il merchandising di cibi e bevande malsani porta a una riduzione delle loro vendite, offrendo l’opportunità di migliorare la dieta delle persone, secondo uno studio controllato randomizzato di 20 negozi in regioni remote dell’Australia pubblicato sulla rivista The Lancet Planetary Health .

Il merchandising nei punti vendita al dettaglio di prodotti alimentari, come promozioni sui prezzi, display di fine corridoio e posizionamento all’altezza degli occhi, può essere efficace per stimolare le vendite. Questo è stato utilizzato per promuovere la vendita di alimenti più sani, ma raramente testato per scoraggiare le persone dall’acquistare cibo malsano.

Nello studio, la limitazione della commercializzazione di prodotti malsani ha ridotto l’acquisto di bevande e dolciumi zuccherati, con una conseguente riduzione del 2,8% della quantità totale di zucchero libero acquistato da alimenti e bevande [1]; l’equivalente di 1,8 tonnellate complessive di zucchero in tutti i magazzini di intervento. Gli zuccheri liberi includono cibi e bevande con zuccheri aggiunti, oltre allo zucchero naturale contenuto nel miele, sciroppi e succhi di frutta.

Ci sono state riduzioni particolarmente significative nello zucchero libero acquistato da bibite e dolciumi. Tuttavia, nonostante queste riduzioni, la performance aziendale non è stata influenzata.

Julie Brimblecombe, della Monash University, Australia, co-autore primo dello studio, ha dichiarato: “Le promozioni sui prezzi e le tattiche di marketing, come il posizionamento dei prodotti sugli scaffali, sono spesso utilizzate per stimolare le vendite. Il nostro nuovo studio è il primo a mostrano che limitare queste attività può anche avere un effetto sulle vendite, in particolare, di cibi e bevande malsane. Questa strategia ha importanti implicazioni per la salute ed è un’opportunità per migliorare le diete e ridurre le malattie non trasmissibili associate. Offre anche un modo per i supermercati per posizionarsi come rivenditori responsabili, il che potrebbe potenzialmente rafforzare la fedeltà dei clienti senza danneggiare le prestazioni aziendali “. [2]

Nello studio pragmatico di controllo randomizzato, 20 negozi nelle comunità First Nations nelle regioni remote dell’Australia sono stati assegnati a un gruppo di intervento, che ha implementato la strategia Healthy Stores 2020, oa un gruppo di controllo che ha svolto le normali pratiche di vendita al dettaglio. La strategia è stata testata per 12 settimane. Sono stati confrontati i dati delle vendite settimanali.

La strategia Healthy Stores 2020 ha chiesto ai proprietari dei negozi di implementare sette modifiche mirate a cibi e bevande ad alto contenuto di zucchero, comprese bevande zuccherate, dolciumi, biscotti dolci e zucchero da tavola. Oltre alle restrizioni sulle promozioni di prezzo e alla riduzione dello spazio sugli scaffali dedicato ai prodotti mirati, altre restrizioni includevano: nessuna attività promozionale fuorviante; rimuovere le esposizioni di fine corridoio e da banco di cibi e bevande malsane; ridurre lo spazio del frigorifero per bevande mirate e sostituirle con alternative più sane; rimozione di bevande analcoliche di grandi dimensioni (> 600 ml) dai frigoriferi in una posizione diversa e marketing più visibile, ad esempio adesivi per pavimenti che promuovono l’acqua come scelta salutare e indicano la quantità di zucchero nelle bevande analcoliche. Tuttavia, a causa delle preoccupazioni dei direttori dei negozi sul potenziale impatto negativo sui risultati aziendali,

I negozi che hanno implementato le restrizioni hanno ridotto del 2,8% gli zuccheri aggiunti acquistati in tutti i cibi e le bevande. Inoltre, la riduzione dello zucchero libero acquistato da bevande zuccherate (comprese bevande analcoliche, succhi di frutta e bevande energetiche) è stata del 6,8% ed è stata particolarmente elevata per lo zucchero gassato zuccherato (bevande analcoliche) al 13,4%. La riduzione dello zucchero libero acquistato dai dolciumi è stata del 7,5%. [1]

I ricercatori affermano che l’ampia riduzione complessiva delle vendite di bevande analcoliche era dovuta alla rimozione di bottiglie di bevande analcoliche più grandi dai frigoriferi nei negozi e ai clienti che sceglievano bevande analcoliche più piccole o alternative a basso contenuto di zucchero, mentre la riduzione delle vendite di dolciumi era dovuta alla limitazione della quantità. di dolciumi sugli scaffali e trasferimento da aree ad alto traffico. Lo studio riporta che la strategia ha portato a una riduzione della bevanda analcolica acquistata equivalente a 440 ml a persona a settimana nelle comunità che hanno rimosso le bottiglie di dimensioni più grandi dai frigoriferi.

Le vendite di zucchero da tavola e biscotti dolci non sono state influenzate in modo statisticamente significativo. I ricercatori non sono stati sorpresi da questo risultato e suggeriscono che è perché questi articoli hanno meno probabilità di essere visualizzati in posizioni privilegiate all’interno dei negozi e quindi è meno probabile che siano acquisti d’impulso.

Emma McMahon, della Menzies School of Health Research, Australia e co-autore del primo autore dello studio, ha dichiarato: “Abbiamo anticipato che la strategia Healthy Stores avrebbe funzionato meglio sugli acquisti d’impulso come i dolciumi, mentre vengono acquistati articoli di base come lo zucchero da tavola. come una questione di routine. È più probabile che i biscotti dolci siano un acquisto d’impulso, ma è meno probabile che vengano visualizzati in luoghi privilegiati come i dolciumi e quindi ci sono meno opportunità per le persone di prenderli a caso. Una strategia diversa per i biscotti e articoli come lo zucchero da tavola dovrebbero essere esplorati per stimolare il cambiamento in quei comportamenti di acquisto “. [2]

La strategia Health Stores 2020 è stata progettata e condotta in collaborazione con Arnhem Land Progress Aboriginal Corporation (ALPA).

Khia De Silva, di The Arnhem Land Progress Aboriginal Corporation (ALPA), ha dichiarato: “Il miglioramento della salute e della qualità della vita dei nostri clienti è una parte fondamentale della missione di ALPA ed è stato sin dagli anni ’80. Il nostro Consiglio di amministrazione continua a spingere per nuove strategie audaci che incoraggiano scelte sane di cibi e bevande. La co-progettazione di Healthy Stores 2020 con leader della comunità, rivenditori remoti e ricercatori è stata la forza di questa sperimentazione: questa collaborazione si è sfidata a vicenda per identificare i fattori che avrebbero sfidato o supportato il successo di ciascuna strategia. sono orgogliosi di contribuire alla ricerca basata sull’evidenza che può essere utilizzata da altri rivenditori “. [2]

Le comunità delle Prime Nazioni sperimentano alti tassi di malattie legate all’alimentazione, come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari. Hanno anche un accesso limitato ai servizi. Tuttavia, in alcune comunità, hanno la sovranità dei loro negozi comunitari con il potere di avviare il cambiamento e hanno dimostrato di essere leader nel sostenere alimenti più sani. In queste comunità, le strategie in-store si sono già dimostrate promettenti nella promozione della vendita di cibi e bevande sani.

I ricercatori riconoscono che potrebbero esserci fattori unici per le comunità remote che hanno contribuito al successo della strategia Healthy Stores 2020. Le famiglie nella remota Australia potrebbero non avere un frigorifero e quindi gli acquirenti sceglierebbero una bevanda fredda dal frigorifero del negozio piuttosto che una bottiglia standard da conservare in frigorifero a casa. I bambini sono particolarmente suscettibili al merchandising e poiché i bambini nelle comunità di First Nation sono in grado di fare acquisti in negozio sin dalla giovane età, ciò potrebbe aver determinato un effetto maggiore dalla strategia che potrebbe non essere possibile nei supermercati non remoti.

I ricercatori notano anche che i negozi remoti potrebbero non avere gli stessi vincoli sulla limitazione del merchandising dei negozi / supermercati non remoti. Tuttavia, hanno osservato più attività promozionali sui cibi malsani nei negozi / supermercati non remoti rispetto a quelle osservate nei negozi remoti. Ciò significa che ci possono essere maggiori margini di miglioramento nei negozi / supermercati non remoti, se sono abbastanza audaci da mettere in atto tali strategie.

Sebbene Healthy Stores 2020 sia probabilmente rilevante per le impostazioni dei negozi non remoti, i ricercatori affermano che i rivenditori in ambienti più competitivi potrebbero non essere preparati a rendere le restrizioni nel merchandising anche se lo studio Healthy Stores 2020 non ha mostrato alcun impatto sulle prestazioni aziendali. Affermano che Healthy Stores 2020 dovrebbe dare ai rivenditori e ai governi la fiducia necessaria per mettere in atto misure per limitare la commercializzazione di cibi e bevande malsane per la salute delle popolazioni. Sono necessari ulteriori studi che esaminino le vendite a lungo termine con strategie come Healthy Stores 2020.


[1] I dati grezzi alla base di queste variazioni percentuali sono disponibili nella Tabella 2 del documento per mostrare quanto zucchero libero è stato venduto al basale rispetto a durante l’intervento vs senza intervento. Nota, le cifre nella tabella 2 sono grezze, ma le variazioni percentuali in questo comunicato stampa sono corrette.

[2] Citazioni dirette degli autori e non reperibili nel testo dell’articolo.

Trial / persone con controllo tra pari / randomizzato

Categorie:Mangiare

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.