Compliance

T1D: ora e sempre resilienza!

resilient, resilience, strong

Photo by Wokandapix on Pixabay

Definizione delle caratteristiche della resilienza al diabete negli adulti emergenti con diabete di tipo 1

L’emergere dell’età adulta presenta sfide uniche per la gestione del diabete di tipo 1 (T1D). Gli ostacoli al raggiungimento di esiti ottimali del diabete sono stati studiati, ma si sa meno su come gli adulti emergenti superano queste sfide. Caratterizzare i fattori protettivi degli adulti emergenti può aiutare a guidare la cura del T1D durante questo periodo di sviluppo. I ricercatori del Dipartimento di Pediatria, Baylor College of Medicine e Texas Children’s Hospital, Houston, Texas hanno anticipato l’identificazione di fattori protettivi sociali, cognitivi e comportamentali e restano aperti a temi aggiuntivi.

I diabetologi hanno analizzato le trascrizioni di interviste qualitative semi-strutturate con 62 adulti emergenti (età 18-24 anni) con T1D utilizzando l’analisi tematica ibrida. Interviste interrogate sulle prospettive dei partecipanti sulle sfide della gestione del diabete, su come superano le sfide e sulla resilienza del diabete.

Sempre i ricercatori hanno classificato le risposte in tre tipi di fattori protettivi: (1) Sociale: strategie interpersonali come ottenere supporto tangibile (soprattutto dai genitori) e supporto emotivo da amici, professionisti medici e leader della comunità. (2) Cognitivo: credere di poter vivere una vita “normale” con il T1D, trovare benefici e considerare la gestione del diabete come una parte importante della vita. (3) Comportamentale: pianificazione proattiva per le sfide del diabete, mantenendo una routine coerente consentendo la flessibilità, bilanciando le attività diabetiche e non diabetiche e utilizzando tecnologie specifiche e generali per il diabete per supportare l’autogestione.

Gli approcci adattativi che gli adulti con T1D utilizzano per gestire le sfide del diabete includono la ricerca di supporto interpersonale, la gestione dei loro pensieri sul T1D e l’adozione di azioni specifiche per prevenire o risolvere le sfide. Aiutare gli adulti emergenti a identificare e rafforzare i loro fattori protettivi ha il potenziale per influenzare i risultati clinici. La valutazione basata sui punti di forza e l’attenzione clinica ai fattori protettivi possono preparare gli adolescenti a gestire con successo le sfide della transizione alla cura degli adulti.

Lo studio è pubblicato in Pediatric Diabetes oggi 9 ottobre 2020

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.