Ricerca

Procedura “rivoluzionaria” ha dimostrato di interrompere il trattamento con insulina nei diabetici di tipo 2

Una procedura terapeutica endoscopica rivoluzionaria potrebbe portare all’interruzione del trattamento con insulina in un numero significativo di persone con diabete di tipo 2, come ha dimostrato una nuova ricerca presentata oggi alla UEG Week 2020 Virtual

(Vienna, 13 ottobre 2020) Una procedura terapeutica endoscopica rivoluzionaria potrebbe portare all’interruzione del trattamento con insulina in un numero significativo di persone con diabete di tipo 2, come ha dimostrato una nuova ricerca presentata oggi alla UEG Week 2020 Virtual.

I ricercatori dei Paesi Bassi hanno testato una nuova procedura di ablazione minimamente invasiva, che ringiovanisce il rivestimento del duodeno, in combinazione con dosi giornaliere di farmaci ipoglicemizzanti chiamati agonisti del peptide simile al glucagone (GLP-1 RA) e un lieve consiglio sullo stile di vita. Lo studio ha rilevato che il 75% delle persone precedentemente insulino-dipendenti con diabete di tipo 2 trattate con la tecnica di ablazione non aveva bisogno di insulina sei mesi dopo, con letture di HbA1c (un parametro a lungo termine del controllo del glucosio) del 7,5% o inferiore. Anche le letture di HbA1c sono scese al 6,7% a 12 mesi.

I pazienti che hanno risposto al trattamento riportano riduzioni significative del loro indice di massa corporea (BMI), sceso da una media di 29,8 kg / m2 all’inizio della ricerca a 25,5 kg / m2 dopo 12 mesi. Anche la percentuale di grasso nel fegato è diminuita dall’8,1% al 4,6% a 6 mesi. L’obesità e il fegato grasso sono entrambi importanti fattori di rischio nello sviluppo della sindrome metabolica, un termine che comprende diabete, ipertensione (ipertensione), obesità e alti livelli di trigliceridi.

Nei pazienti non responder, che avevano ancora bisogno di insulina, la dose mediana di insulina richiesta è diminuita di oltre la metà (da 35 unità al giorno all’ingresso nello studio a 17 unità al giorno a 12 mesi).

La tecnica mininvasiva, denominata Duodenal Mucosal Resurfacing (DMR), viene eseguita in ambiente ambulatoriale e viene erogata tramite un catetere over-the-wire integrato collegato a una console personalizzata che esegue un sollevamento sincronizzato della mucosa duodenale e quindi l’ablazione di l’area di trattamento. Sebbene il processo non sia ancora completamente compreso, si ritiene che le cellule della mucosa subiscano alterazioni in risposta a diete malsane, ricche di grassi e zuccheri. Ciò porta a cambiamenti nella produzione e nella segnalazione degli ormoni chiave che influiscono sulla resistenza all’insulina e sul diabete. Il rifacimento del rivestimento sembra ringiovanire e ripristinare questo processo.

Lo studio pilota, condotto su 16 pazienti, è stato condotto dalla dott.ssa Suzanne Meiring, dalla dott.ssa Annieke van Baar e dal professor Jacques Bergman del Centro medico dell’Università di Amsterdam nei Paesi Bassi.

Il dottor Meiring ha spiegato: “Questo potrebbe essere un approccio rivoluzionario nel trattamento della sindrome metabolica. Una singola ablazione DMR endoscopica con farmaci GLP-1 e consulenza sullo stile di vita può portare all’interruzione della terapia insulinica in un sottogruppo di pazienti con diabete di tipo 2, migliorando al contempo il controllo della glicemia e la salute metabolica generale. Molti pazienti con diabete di tipo 2 sono molto felici di poter interrompere la terapia insulinica, poiché la terapia insulinica comporta aumento di peso ed eventi ipoglicemici. Il nostro studio precedente, (Revita-1) con i pazienti che utilizzavano solo farmaci orali per il loro diabete di tipo 2, hanno dimostrato che l’effetto di un singolo DMR era paragonabile all’aggiunta di un farmaco ipoglicemizzante “.

Ci sono circa 60 milioni di persone in Europa con diabete e la stragrande maggioranza (circa il 90%) dei casi è di tipo 2. Oltre all’età e una storia familiare della condizione, l’ipertensione e il sovrappeso sono i principali fattori di rischio per il tipo 2 diabete.

“Sulla base dei risultati di questo studio, un ampio lavoro internazionale randomizzato controllato, denominato Revita T2Di Pivotal, inizierà presto a indagare ulteriormente la sua efficacia in un numero maggiore di individui”, ha aggiunto il dott. Meiring.

###

A proposito di UEG

UEG, o United European Gastroenterology, è un’organizzazione professionale senza scopo di lucro che unisce tutti i principali specialisti medici europei e le società nazionali che si concentrano sulla salute dell’apparato digerente.

Categorie:Ricerca

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.