Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Il Medtronic 670 G testato sul medio periodo migliora il compenso glicemico nel diabetico tipo 1 adulto

Soluzione tecnologica: il pancreas artificiale Medtronic monitora automaticamente i livelli di zucchero nel sangue e somministra l’insulina

Un test lungo sei mesi, randomizzato e controllato, con erogazione di insulina ibrida a ciclo chiuso rispetto a quella manuale con monitoraggio della glicemia mediante puntura delle dita negli adulti con diabete di tipo 1.

L’obiettivo dei ricercatori era volto a studiare gli esiti glicemici e psicosociali con dosaggio di insulina ibrido a circuito chiuso (HCL) rispetto a dosaggio di insulina determinato dall’utente con iniezioni multiple giornaliere (MDI) o microinfusore (cioè, terapia standard per la maggior parte degli adulti con diabete di tipo 1).

A tale proposito gli adulti con diabete di tipo 1 che utilizzavano MDI o microinfusore per insulina senza monitoraggio continuo del glucosio (CGM) sono stati randomizzati a HCL (Medtronic 670G) di 26 settimane o alla continuazione della terapia in corso. L’outcome primario era il tempo CGM mascherato nell’intervallo (TIR; 70-180 mg / dL) durante le ultime 3 settimane.

Risultati: I partecipanti sono stati randomizzati a HCL ( n = 61) o controllo ( n = 59). L’età media (DS) al basale era di 44,2 (11,7) anni; HbA 1c 7,4% (0,9%) (57 [10] mmol / mol); Il 53% erano donne e il 51% utilizzava MDI. HCL TIR è aumentato da (basale) 55% (13%) a (26 settimane) 70% (10%) con il gruppo di controllo invariato: (basale) 55% (12%) e (26 settimane) 55% (13%) (differenza 15% [95% CI 11, 19%]; P <0,0001). Per l’HCL, HbA 1c era inferiore (differenza mediana [95% CI] ?0,4% [?0,6, ?0,2]; ?4 mmol / mol [?7, ?2]; P <0,0001) e bene positivo specifico per il diabete- essendo più alto (differenza 1.2 [95% CI 0.4, 1.9]; P<0,0048) senza un deterioramento della sofferenza del diabete, della qualità del sonno percepita o della cognizione. Diciassette (9 correlati al dispositivo) contro 13 eventi avversi gravi si sono verificati rispettivamente nei gruppi HCL e di controllo.

In estrema sintesi: negli adulti con diabete di tipo 1, 26 settimane di HCL hanno migliorato la TIR, HbA 1c e il loro senso di soddisfazione per la gestione del diabete rispetto a quelli che hanno continuato con la dose di insulina determinata dall’utente e l’autocontrollo della glicemia. Per la maggior parte delle persone che vivono con il diabete di tipo 1 a livello globale, questo studio dimostra che l’HCL è fattibile, accettabile e vantaggioso.

Note a piè di pagina

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Australian JDRF Closed-Loop Research Group

Pubblicato il 15 ottobre 2020 in Diabetes Care.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.