Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Diabete tipo 1: Operazione Rescue

Beach buoy close up hanging

Photo by Pixabay on Pexels

Impatto sostenuto del monitoraggio continuo del glucosio in tempo reale negli adulti con diabete di tipo 1 sulla terapia con microinfusore: risultati dopo lo studio RESCUE di 24 mesi.

Negli ultimi anni, un numero crescente di persone con diabete di tipo 1 ha ottenuto l’accesso al monitoraggio continuo del glucosio in tempo reale (rtCGM). I benefici a lungo termine dell’rtCGM non sono chiari a causa della mancanza di ampi studi di lunga durata. Qui un ampio gruppo di ricercatori francesi ha valutato se l’uso di rtCGM nel mondo reale fino a 24 mesi offrisse benefici, in particolare in coloro che vivono con una ridotta consapevolezza dell’ipoglicemia (IAH).

Questo studio di 24 mesi, prospettico, osservazionale, di coorte ha seguito 441 adulti con pompe per insulina che hanno ricevuto il rimborso completo per rtCGM. Il quarantadue per cento aveva IAH. L’endpoint primario era l’evoluzione dell’HbA 1c , con la variazione degli endpoint secondari nelle complicanze dell’ipoglicemia acuta, l’assenteismo lavorativo correlato al diabete e i punteggi della qualità della vita. Inoltre, abbiamo valutato se le persone potessero raggiungere gli obiettivi di consenso glicemico durante il follow-up.

Dopo 24 mesi, l’HbA 1c è rimasto significativamente inferiore rispetto al basale (7,64% [60 mmol / mol] vs. 7,37% [57 mmol / mol], P <0,0001). Sono stati osservati benefici sostenuti anche per il punteggio dell’indagine sulla paura dell’ipoglicemia e delle complicanze acute correlate all’ipoglicemia, indipendentemente dal livello di consapevolezza dell’ipoglicemia. Le persone con IAH hanno avuto il miglioramento più forte, specialmente per l’ipoglicemia grave (862 eventi nell’anno precedente contro 119 eventi per 100 anni-paziente nel 2 ° anno, P <0,0001). In 24 mesi, più persone sono state in grado di raggiungere gli obiettivi di consenso sull’ipoglicemia a scapito di un numero leggermente inferiore di persone che hanno raggiunto gli obiettivi di consenso sull’ipoglicemia. Inoltre, il numero di persone con HbA 1c<7% (<53 mmol / mol) senza gravi eventi di ipoglicemia più che raddoppiata (11,0% vs. 25,4%, P <0,0001).

L’ uso di rtCGM ha portato a miglioramenti sostenuti nel controllo del glucosio correlato all’ipoglicemia per 24 mesi. Sono stati osservati una minore paura dell’ipoglicemia, eventi correlati all’ipoglicemia meno acuti e giorni di assenza dal lavoro correlati al diabete, in particolare in quelli con IAH.

Pubblicato in Diabetes Care il 15 ottobre 2020.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.