Donne e diabete

I medici hanno “una strada da percorrere” nella gestione dell’osteoporosi nelle donne

“Nonostante tutti i progressi, non stiamo realizzando ciò che dovremmo o vogliamo realizzare” , ha detto Michael McClung, MD . “La maggior parte delle donne con osteoporosi non viene identificata e quelle che vengono identificate non vengono trattate”. .

Le donne con osteoporosi non vengono identificate e trattate a tassi sufficienti, secondo un relatore al Congresso di Reumatologia Clinica del 2020.

Michael McClung, MD, direttore fondatore dell’Oregon Osteoporosis Center, ha suggerito che, sebbene le nuove opzioni terapeutiche non curino l’osteoporosi, possono proteggere i pazienti dalle fratture. Ma il trattamento deve essere in corso.

“L’osteoporosi è una condizione cronica di ridotta forza ossea”, ha detto McClung nella sua presentazione. “Siamo giunti ad apprezzare la necessità di una gestione permanente dei pazienti con osteoporosi “.

Ma la gestione permanente sembra un obiettivo lontano dato che semplicemente portare le donne in terapia si è dimostrato impegnativo, secondo McClung. “Nonostante tutti i progressi, non stiamo realizzando ciò che dovremmo o vogliamo realizzare”, ha detto. “La maggior parte delle donne con osteoporosi non viene identificata e quelle che vengono identificate non vengono curate”.

Una potenziale ragione di ciò riguarda le preoccupazioni circa gli eventi avversi a lungo termine che possono essere associati alla terapia con bifosfonati. “Le paure offuscano il pensiero delle persone”, ha detto McClung. “Come specialità, non abbiamo comunicato questo rapporto rischio-beneficio”.

Il vantaggio principale dei bifosfonati è che possono prevenire la perdita ossea e, secondo alcuni set di dati, ridurre il rischio di frattura fino al 50%. Alendronato (Binosto, Fosamax), ibandronato (Boniva, Genentech), risedronato (Actonel, Allergan) e acido zoledronico (Reclast, Novartis) sono i farmaci chiave di questa classe.

Denosumab (Prolia, Amgen) è una terapia iniettabile che può essere somministrata ogni 6 mesi e previene la perdita ossea con effetti avversi minimi.

Allo stesso modo, teriparatide (Forteo, Eli Lilly & Co.) è un farmaco anabolizzante iniettabile quotidianamente approvato per la sua capacità di stimolare la formazione di nuovo osso, ridurre il rischio di fratture spinali e aumentare la densità ossea.

I dati in corso hanno dimostrato che questi farmaci sono efficaci. Ma McClung ha invitato la comunità di ricerca a continuare a indagare sulla patogenesi dell’osteoporosi. Ha osservato che “non è chiaro come avvenga la formazione ossea ridotta”.

McClung ha anche affermato che i reumatologi devono essere migliori sostenitori in questo spazio , suggerendo la necessità di “educare i nostri colleghi di medicina generale e i pazienti ad apprezzare che abbiamo strumenti diagnostici e di gestione molto efficaci, insieme a un alto profilo di rischio-beneficio”.

Mentre molti pazienti e professionisti affermano che la dieta e l’esercizio fisico possono prevenire la perdita ossea e l’osteoporosi , McClung era fermamente convinto che “la non farmacoterapia non può, non risolverà l’osteoporosi”.

“Abbiamo imparato molto, ma c’è ancora molta strada da fare”, ha detto McClung.


Fonte: 

McClung M. Osteoporosis. Presentato al: congresso annuale del congresso di reumatologia ; 8-11 ottobre 2020 (incontro virtuale).

Divulgazioni: McClung segnala associazioni con Amgen.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.