Ricerca

Il diabete di tipo 1 potrebbe iniziare nell’utero, suggerisce la ricerca made in UK

Il diabete di tipo 1 può svilupparsi nei bambini di età inferiore ai sei mesi e l’attacco immunitario alla base della condizione può iniziare prima che nascano, ha suggerito per la prima volta un nuovo studio da noi finanziato.

Fino a poco tempo, si pensava che i bambini sotto i sei mesi potessero sviluppare solo il diabete neonatale , che è causato da un cambiamento genetico che colpisce le cellule beta produttrici di insulina nel pancreas, e non diabete di tipo 1, dove le stesse cellule vengono distrutte da un attacco del sistema immunitario. Poiché le persone con diabete neonatale e di tipo 1 necessitano di trattamenti diversi, è incredibilmente importante che ottengano la diagnosi corretta.

Un attacco precoce del sistema immunitario di tipo 1

In una ricerca pubblicata oggi, il nostro ricercatore, il dottor Richard Oram, ha studiato un gruppo di bambini che avevano sviluppato il diabete prima di sei mesi, ma che non avevano nessuna delle mutazioni genetiche note per causare il diabete neonatale. Il suo team voleva scoprire se i bambini in realtà avevano il diabete di tipo 1.

Hanno confrontato 166 di questi bambini con un gruppo di bambini con diabete neonatale confermato e un terzo gruppo a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 in età avanzata (6-24 mesi). Il team ha studiato i loro geni e il sistema immunitario e ha esaminato la quantità di insulina che i bambini potevano produrre da soli.

Hanno scoperto che i bambini con diagnosi di meno di sei mesi senza diabete neonatale confermato avevano un rischio genetico più elevato di diabete di tipo 1, più autoanticorpi (molecole nel sangue che segnalano un attacco immunitario alle cellule beta) e una capacità di produzione di insulina inferiore rispetto ai bambini con diabete neonatale . Hanno concluso che questa combinazione indica l’esistenza del diabete di tipo 1 nei bambini di età inferiore a sei mesi. È la prima volta che una condizione autoimmune che non è causata da un singolo cambiamento genetico è stata osservata in bambini così piccoli.

MA CHE COLPA ABBIAMO NOI? IN QUESTA DIFFICILE

FASE LA RICERCA SUL DIABETE E’ PIU’ CRUCIALE CHE

MAI. ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO. CLICCA QUI.

Il team di ricerca ha anche scoperto che i bambini con questo diabete di tipo 1 a esordio molto precoce avevano un peso alla nascita inferiore alla media e prima sviluppavano il diabete di tipo 1, minore era il loro peso. Invece, quelli diagnosticati dopo sei mesi sono nati con un peso normale. Ciò suggerisce che il basso peso alla nascita era solo una caratteristica specifica del diabete di tipo 1 ad esordio precoce.

Di solito un feto inizia a produrre insulina nell’utero, aiutandolo a crescere. Queste nuove scoperte sollevano la questione se l’attacco immunitario dietro il diabete di tipo 1 possa iniziare prima della nascita in alcuni bambini, portando a una ridotta produzione di insulina e di conseguenza a un peso alla nascita inferiore. Ciò sfida l’attuale comprensione degli scienziati del sistema immunitario nei primi anni di vita.

Cosa succede dopo?

I ricercatori ora vogliono studiare questa rara forma di diabete di tipo 1 a esordio molto precoce in modo più dettagliato, per capire come potrebbe essere possibile che il sistema immunitario diventi canaglia prima che si sia completamente formato.

Il dottor Richard Oram, ricercatore Diabetes UK presso l’Università di Exeter, ha dichiarato:

“Questo studio dimostra che il diabete di tipo 1 può presentarsi nei primi mesi di vita e in un minuscolo sottogruppo di neonati può anche iniziare prima della nascita. Abbiamo anche scoperto che il diabete diagnosticato così giovane era associato a una rapida progressione verso la completa distruzione delle cellule beta che producono insulina. 

Le fasi successive di questo lavoro, in cui studiamo il sistema immunitario in modo più dettagliato, si spera aiuteranno a spiegare come sia possibile che il diabete di tipo 1 si sviluppi così presto e se queste intuizioni potrebbero aprire nuovi modi per prevenire o trattare la condizione nel futuro.”

La dott.ssa Elizabeth Robertson, la nostra direttrice della ricerca, ha dichiarato:

“Rivelando per la prima volta l’esistenza del diabete di tipo 1 nei primissimi mesi di vita, questi importanti risultati riscrivono la nostra comprensione di quando la condizione può colpire e quando il sistema immunitario può iniziare ad andare male.

Ora dobbiamo mettere insieme come e perché il diabete di tipo 1 può svilupparsi in così giovane età. Ciò potrebbe anche sbloccare informazioni cruciali sulle cause del diabete di tipo 1 più in generale, in persone di tutte le età, e sarà essenziale per sviluppare trattamenti che fermino o prevengano questa condizione che altera la vita nei bambini “.

Categorie:Ricerca

Con tag:,