Complicanze varie/eventuali

Quel bastardo del coronavirus! I medici indagano se COVID-19 sta causando il diabete tipo 1

La famiglia Simis, Atticus, Sarah, Arthur e Ophelia, posano per una foto a Gardnerville, Nevada, il 24 settembre 2020. Famiglia Simis / Dispensa tramite REUTERS

(Reuters) – Mario Buelna, un padre sano di 28 anni, ha preso la febbre e ha iniziato ad avere problemi di respirazione a giugno. Ben presto è risultato positivo al COVID-19.

Alcune settimane dopo, dopo quella che era sembrata una guarigione, si sentì debole e iniziò a vomitare. Alle 3 del mattino del 1 ° agosto è svenuto sul pavimento della sua casa a Mesa, in Arizona.

I paramedici lo hanno portato d’urgenza in un vicino ospedale, dove i medici lo hanno messo in terapia intensiva dopo averlo salvato dal coma. Gli hanno detto che poteva morire. La loro diagnosi: diabete di tipo 1 – la notizia lo ha lasciato esterrefatto e spaventato. Non aveva una storia della malattia.

“Il COVID ha innescato la malattia inguaribile”, tiporta Buelna quanto gli hanno detto i medici.

Il calvario di Buelna e casi simili riflettono una nuova preoccupazione per la pericolosa relazione tra diabete e COVID-19 che viene urgentemente studiata da medici e scienziati di tutto il mondo. Molti esperti sono convinti che COVID-19 possa innescare l’insorgenza del diabete, anche in alcuni adulti e bambini che non presentano i tradizionali fattori di rischio. A Bologna, Italia, riportano i pediatri del Policlinico di Sant’Orsola, uno dei migliori centri ospedalieri per la cura del diabete a livello mondiale, con la pandemia c’è stato un boom di nuovi esordi di diabete tipo 1 in età pediatrica ad esempio

A luglio, i funzionari sanitari degli Stati Uniti hanno scoperto che quasi il 40% delle persone decedute con COVID-19 aveva il diabete. Ora, casi come quello di Buelna suggeriscono che la connessione tra le malattie funziona in entrambe le direzioni.

“COVID potrebbe causare il diabete da zero”, ha detto il dottor Francesco Rubino, ricercatore sul diabete e Responsabile della chirurgia metabolica e bariatrica al King’s College di Londra.

Rubino è a capo di un team internazionale che sta raccogliendo casi di pazienti a livello globale per svelare uno dei più grandi misteri della pandemia. Inizialmente, ha detto, più di 300 medici hanno fatto domanda per condividere i casi per la revisione, un numero che si aspetta crescerà con la riacutizzazione delle infezioni.

“Questi casi provengono da ogni angolo del mondo e da ogni continente”, ha detto Rubino all’Agenzia Reuters.

Oltre al registro globale, il National Institutes of Health degli Stati Uniti sta finanziando la ricerca su come il coronavirus può causare alti livelli di zucchero nel sangue e diabete.

In queste situazioni, i sintomi possono intensificarsi rapidamente e diventare pericolosi per la vita. Questi casi possono richiedere mesi per emergere dopo l’esposizione a COVID-19, quindi l’intera portata del problema e le ramificazioni a lungo termine potrebbero non essere note fino all’anno successivo. Sono necessarie ricerche più intense per dimostrare definitivamente, al di là delle crescenti prove aneddotiche, che COVID-19 sta scatenando il diabete su vasta scala.

“Abbiamo più domande che risposte in questo momento”, ha detto il dottor Robert Eckel, direttore della divisione medicina e ricerca scientifica presso l’American Diabetes Association. “Potremmo avere a che fare con una forma completamente nuova di diabete”.

Il diabete di tipo 1 si verifica quando il sistema immunitario del corpo distrugge erroneamente le cellule produttrici di insulina nel pancreas, impedendo la regolazione dei livelli di zucchero nel sangue. Circa 1,6 milioni di americani hanno la malattia.

Il diabete di tipo 2 è più diffuso e affligge circa 30 milioni di americani. Quei pazienti producono ancora insulina, ma nel tempo le loro cellule diventano resistenti all’insulina, consentendo un aumento della glicemia.

I casi di diabete di tipo 1 sono stati precedentemente associati ad altre infezioni virali, inclusa l’influenza e precedenti forme di coronavirus. È noto che le infezioni possono stressare il corpo e aumentare i livelli di zucchero nel sangue. Ma questo tende ad accadere nelle persone predisposte alla malattia. Solo alcuni di loro alla fine sviluppano il diabete e gli scienziati ancora non comprendono appieno il motivo.

Quest’anno, i medici stanno anche vedendo alcune persone senza i fattori di rischio per il diabete di tipo 2 – come anziani o e soggetti in sovrappeso – sperimentano un’emergenza diabetica dopo l’esposizione a COVID-19.

Nel diabete di tipo 1, i sintomi iniziali possono includere sete estrema, affaticamento, minzione frequente e perdita di peso. Arthur Simis non aveva idea che quelli fossero segni della malattia.

Quest’estate, lui e sua moglie, Sarah, hanno notato che il loro figlio di 12 anni, Atticus, dimagriva e dormiva molto. Hanno pensato che fosse stressato per essere rimasto intrappolato a casa nella pandemia o per lo sviluppo puberale.

MA CHE COLPA ABBIAMO NOI? IN QUESTA DIFFICILE

FASE LA RICERCA SUL DIABETE E’ PIU’ CRUCIALE CHE

MAI. ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO. CLICCA QUI.

Il 9 luglio, poiché i suoi sintomi persistevano, Arthur Simis portò suo figlio al pronto soccorso vicino a casa a Gardnerville, nel Nevada. Il personale medico ha rilevato livelli di zucchero nel sangue e chetoni pericolosamente alti nelle urine, entrambi indicatori che Atticus era in chetoacidosi diabetica o DKA.

Il medico ha detto a Simis che suo figlio aveva bisogno di cure ospedaliere immediatamente per evitare di cadere in coma a causa del suo tipo 1 di nuova diagnosi. Un’ambulanza li ha portati a 50 miglia al più vicino ospedale di Reno.

Suo padre ha trascorso tre notti dormendo al suo fianco in terapia intensiva pediatrica. Ha singhiozzato al telefono con sua moglie, perché solo a un genitore è stato permesso di entrare, una misura per controllare le infezioni da coronavirus.

“Come potrebbe avere il diabete?” Simis ricorda di aver chiesto ai medici. “È stato assolutamente terrificante.”

Simis ritiene che suo figlio sia stato infettato dal coronavirus perché il padre e sua moglie hanno manifestato sintomi in primavera. La coppia è andata PS ma non è mai stata sottoposta a test per il coronavirus a causa di criteri di test più severi in quel momento. Atticus è risultato negativo per un’infezione da coronavirus attiva in terapia intensiva, mostrano le cartelle cliniche. Ma non è mai stato testato per gli anticorpi che potrebbero mostrare se è stato esposto settimane prima.

I medici affermano che non è insolito in una pandemia in rapido movimento, poiché si concentrano sulle emergenze individuali piuttosto che su domande di ricerca a tutto campo. Ma la mancanza di test in molti di questi casi, dicono, potrebbe complicare gli sforzi per rilevare se e come il coronavirus potrebbe causare il diabete.

BAMBINI IN CURA INTENSIVA

Le prime segnalazioni di diabete correlato a COVID includono più bambini con casi come quello di Atticus.

In uno studio pubblicato ad agosto, i ricercatori dell’Imperial College di Londra e di diversi ospedali hanno scoperto che i casi di diabete di tipo 1 tra i bambini sono quasi raddoppiati a 30 tra la fine di marzo e l’inizio di giugno – mentre infuriava la pandemia – rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti . Cinque dei bambini sono risultati positivi a una precedente infezione da coronavirus, ma gli autori dello studio hanno affermato che molti dei bambini non sono stati testati.

Negli Stati Uniti, il Children’s Hospital di Los Angeles ha affermato che la percentuale di pazienti di tipo 2 con nuova diagnosi che sono arrivati ??in chetoacidosi diabetica, un accumulo potenzialmente fatale di acido nel sangue, è quasi raddoppiata da marzo ad agosto rispetto allo stesso periodo nel 2018 e 2019 .

La dottoressa Lily Chao, direttrice clinica per il diabete di tipo 2 lì, ha detto che l’ospedale sta ancora indagando se questo aumento è guidato dall’esposizione a COVID-19.

Brandi Edwards, un’infermiera laureata ed educatrice per il diabete presso l’Huntsville Hospital dell’Alabama, ha detto che le chiamate sui casi pediatrici hanno iniziato a salire a maggio. I medici la chiamano quando un bambino arriva al pronto soccorso o in terapia intensiva in modo che possa consigliare la famiglia su iniezioni di insulina, letture glicemiche e come cambierà la vita quotidiana in futuro.

“Abbiamo visto più casi di tipo 1 quest’anno di quanti ne ricordi”, ha detto Edwards. “C’erano tre bambini in terapia intensiva pediatrica allo stesso tempo. È così raro. “

AVVISO DI SFRATTO

Dopo essere sopravvissuto a un’emergenza diabetica, la vita di un paziente con una nuova diagnosi può essere travolgente. Farmaci e altre forniture per la gestione del diabete possono costare centinaia di dollari ogni mese e lunghe attese per vedere un endocrinologo sono comuni in molte aree.

Buelna, il paziente in Arizona, sta ancora aspettando che il suo piano Medicaid approvi un monitoraggio continuo del glucosio da più di due mesi dopo la sua diagnosi. La malattia lo ha messo fuori gioco per settimane e ha distrutto le finanze della sua famiglia. Sua moglie, Erika, è incinta di otto mesi e hanno una figlia di 3 anni, Katalina. La famiglia ha ricevuto un avviso di sfratto il 2 agosto, mentre Mario era in terapia intensiva, e si affidano a una banca del cibo per alcuni pasti.

Buelna ha detto di essere caduto in depressione in ospedale, interrotto dalle visite familiari e attribuisce a sua sorella il merito di aver risollevato il morale con le telefonate.

“Voglio migliorare così posso vedere i miei figli crescere”, ha detto. “Non sono ancora pronto per andare.”