Vivo col Diabete

Oh my body! l’immagine corporea come influisce nell’adolescente con diabete tipo 1?

lonely, man, sitting

Photo by SJJP on Pixabay

Problemi di immagine corporea e comportamenti alimentari disordinati negli adolescenti italiani con e senza diabete di tipo 1: un esame con una misurazione dell’immagine corporea specifica per genere

Il Dipartimento di Psicologia, Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, Caserta, Italia ha esaminato i problemi dell’immagine corporea e le sue implicazioni con i comportamenti alimentari disordinati negli adolescenti con diabete di tipo 1 e coetanei sani ben assortiti.

Utilizzando un disegno trasversale, 183 adolescenti con diabete di tipo 1 (13,02-18,05 anni) sono stati reclutati dai centri per il diabete dell’Italia meridionale e confrontati con coetanei sani abbinati per età e sesso. I partecipanti hanno completato le misure di autovalutazione dei comportamenti alimentari disordinati (DEPS-r e EDI-3RF) e un questionario sui problemi dell’immagine corporea specifico per genere (SATAQ-4R). Sono stati raccolti anche dati socio-demografici e clinici (zBMI, HbA1c e durata della malattia). Sono state calcolate analisi di regressione lineare multipla gerarchica per determinare l’importanza relativa delle variabili del diabete e dei problemi di immagine corporea sui comportamenti alimentari disordinati dei partecipanti dopo aver controllato le variabili demografiche.

Gli adolescenti con diabete di tipo 1 hanno mostrato problemi alimentari specifici del diabete nel 37,7% dei casi e hanno avuto più sintomi di problemi alimentari (valutati come impulso alla magrezza e alla bulimia) rispetto ai coetanei sani. Gli adolescenti maschi con diabete di tipo 1 non hanno mostrato più problemi di immagine corporea (p > 0,05); le femmine con diabete di tipo 1 rispetto alle femmine nel gruppo di controllo sono state trovate più sotto pressione dalla famiglia ( p = 0,025) ma meno dai media ( p = 0,022) per migliorare il loro aspetto e ottenere un corpo magro. zBMI e problemi di immagine corporea hanno contribuito a un aumento significativo del rischio di comportamenti alimentari disordinati sia negli adolescenti di sesso maschile che femminile con diabete e nei coetanei sani (zBMI 0,213 <? <0,426, p<0,05; immagine corporea 0,243 <? <0,572, p <0,05). Nessuna delle variabili analizzate è risultata predire in modo significativo i sintomi bulimici maschili (tutti ? <0,296, p > 0,05).

Conclusione: poiché nell’adolescenza il diabete di tipo 1 e la terapia insulinica possono aumentare il rischio di aumento di peso e promuovere la focalizzazione e l’attenzione sul corpo e quindi contribuire allo sviluppo di problemi di immagine corporea e comportamenti alimentari disordinati, continuità dell’assistenza medica, nutrizionale e psicologica è necessario.

Pubblicato il 23 settembre 2020 in Frontiers in Psychology.