Mangiare

Una conferma: bere tè verde e caffè ogni giorno è collegato a un minor rischio di morte nelle persone con diabete tipo 2

Bere molto tè verde e caffè è collegato a un minor rischio di morte per qualsiasi causa tra le persone con diabete di tipo 2, suggerisce una ricerca pubblicata sulla rivista online BMJ Open Diabetes Research & Care.

Bere 4 o più tazze al giorno di tè verde più 2 o più di caffè è stato associato a un rischio di morte inferiore del 63% per un periodo di circa 5 anni, i risultati mostrano.

Le persone con diabete di tipo 2 sono più inclini a malattie circolatorie, demenza, cancro e fratture ossee. E nonostante un numero crescente di farmaci efficaci, le modifiche allo stile di vita, come l’esercizio fisico e la dieta, rimangono una pietra angolare del trattamento.

Ricerche pubblicate in precedenza suggeriscono che bere regolarmente tè verde e caffè può essere benefico per la salute a causa dei vari composti bioattivi contenuti in queste bevande.

Ma pochi di questi studi sono stati condotti su persone con diabete. I ricercatori hanno quindi deciso di esplorare il potenziale impatto del tè verde e del caffè, separatamente e combinati, sul rischio di morte tra le persone affette da questa condizione.

Hanno monitorato la salute di 4923 giapponesi (2790 uomini, 2133 donne) con diabete di tipo 2 (età media 66) per una media di poco più di 5 anni.

Tutti loro erano stati arruolati nel registro del diabete di Fukuoka, uno studio prospettico multicentrico che esamina l’effetto dei trattamenti farmacologici e dello stile di vita sulla durata della vita dei pazienti con diabete di tipo 2.

Ognuno di loro ha compilato un questionario su cibi e bevande di 58 voci, che includeva domande su quanto tè verde e caffè bevevano ogni giorno. E hanno fornito informazioni di base sui fattori dello stile di vita, come esercizio fisico regolare, fumo, consumo di alcol e ore di sonno notturno.

Sono state effettuate anche misurazioni di altezza, peso e pressione sanguigna , così come campioni di sangue e urina per verificare potenziali fattori di rischio sottostanti.

Circa 607 dei partecipanti non hanno bevuto tè verde; 1143 beveva fino a una tazza al giorno; 1384 ha bevuto 2-3 tazze; e il 1784 ne bevve 4 o più. Quasi 1000 (994) dei partecipanti non hanno bevuto caffè; 1306 beveva fino a 1 tazza al giorno; 963 beveva una tazza ogni giorno; mentre il 1660 beveva 2 o più tazze.

Durante il periodo di monitoraggio sono morte 309 persone (218 uomini, 91 donne). Le principali cause di morte sono state il cancro (114) e le malattie cardiovascolari (76).

Rispetto a coloro che non bevevano nessuna delle due bevande, quelli che ne bevevano una o entrambe avevano minori probabilità di morire per qualsiasi causa, con le probabilità più basse associate al consumo di maggiori quantità di tè verde e caffè.

Bere fino a 1 tazza di tè verde ogni giorno era associato a una riduzione del 15% delle probabilità di morte; mentre bere 2-3 tazze era associato a quote inferiori del 27%. Ottenere 4 o più tazze giornaliere era associato a probabilità inferiori del 40%.

Tra i bevitori di caffè, fino a 1 tazza al giorno è stata associata a quote inferiori del 12%; mentre 1 tazza al giorno era associata a quote inferiori del 19%. E 2 o più tazze erano associate a quote inferiori del 41%.

Il rischio di morte era ancora più basso per chi beveva ogni giorno sia tè verde che caffè: inferiore del 51% per 2-3 tazze di tè verde più 2 o più caffè; 58% in meno per 4 o più tazze di tè verde più 1 tazza di caffè ogni giorno; e il 63% in meno per una combinazione di 4 o più tazze di tè verde e 2 o più tazze di caffè ogni giorno.

Questo è uno studio osservazionale e, come tale, non può stabilire la causa. E i ricercatori sottolineano diversi avvertimenti, tra cui l’affidamento a valutazioni soggettive delle quantità di tè verde e caffè bevute.

Né sono state raccolte informazioni su altri fattori potenzialmente influenti, come il reddito familiare e il livello di istruzione. E il tè verde disponibile in Giappone potrebbe non essere lo stesso di quello trovato altrove, aggiungono.

La biologia alla base di queste osservazioni non è completamente compresa, spiegano i ricercatori. Il tè verde contiene diversi composti antiossidanti e antinfiammatori, inclusi fenoli e teanina, oltre alla caffeina.

Il caffè contiene anche numerosi componenti bioattivi, inclusi i fenoli. Oltre ai suoi effetti potenzialmente dannosi sul sistema circolatorio, si ritiene che la caffeina possa alterare la produzione e la sensibilità dell’insulina.

“Questo studio prospettico di coorte ha dimostrato che un maggiore consumo di tè verde e caffè era significativamente associato a una ridotta mortalità per tutte le cause: gli effetti possono essere additivi”, concludono i ricercatori.

Categorie:Mangiare

Con tag: