Complicanze varie/eventuali

Multimorbilità tra pazienti ambulatoriali adulti con diabete di tipo 1 in Germania

diabetes, blood sugar, diabetic

Photo by stevepb on Pixabay

Lo scopo di questo studio retrospettivo trasversale era di stimare la prevalenza di diversi disturbi fisici e psichiatrici, nonché la multimorbidità nei pazienti ambulatoriali con diabete di tipo 1 (T1D) in Germania.

Sono stati inclusi un totale di 6967 pazienti adulti con T1D provenienti da 958 studi medici generali o diabetologici in Germania tra gennaio 2015 e dicembre 2019 dal database dell’analizzatore di malattie (IQVIA). Il principale risultato dello studio è stata la prevalenza di diversi disturbi correlati al diabete e non correlati al diabete entro 12 mesi prima dell’ultima visita ambulatoriale. I modelli di regressione logistica multivariata sono stati dotati di multimorbilità diversamente definita come> 2,> 3,> 4 e> 5 diversi disturbi come variabile dipendente e età, sesso, valori di emoglobina glicata (HbA1c) e terapia con microinfusore come variabili di impatto.

L’ età media (DS) era di 45,3 (16,7) anni; Il 42,9% erano donne, la HbA1c media era del 7,9% (DS: 1,4%). Il disturbo più frequente era l’ipertensione arteriosa (31,2%), seguita da dislipidemia (26,4%), dorsalgia (20,4%), neuropatia diabetica (17,3%) e depressione (14,6%). La proporzione di disturbi della tiroide, retinopatia, uretrite, anemia da carenza di ferro e disturbi psichiatrici era più alta nelle donne che negli uomini. L’ipertensione e i disturbi mentali e comportamentali dovuti all’uso del tabacco erano più elevati negli uomini. In media, a ciascun paziente sono stati diagnosticati 3,1 disturbi diversi. L’età aveva la più forte associazione con la multimorbilità, seguita dal valore di HbA1c e dal sesso femminile.

In sintesi, i pazienti con T1D sono spesso multimorbosi e la multimorbilità è associata a valori di genere, sesso femminile e HbA1c elevati. La comprensione di tutti questi fattori può aiutare i professionisti a creare un profilo di rischio per ogni paziente.

Pubblicato il 23 ottobre 2020 in Journal of Diabetes Science and Technology